Pechito López si prende la Pole nel caos di Vila Real

Pechito López si prende la Pole nel caos di Vila Real

L'argentino della Citroën batte Loeb, Valente, Michelisz e Tarquini. Sessione ricca di colpi di scena, Muller 9°, Ma 10°.

Grandissima Pole Position per José María López in una sessione di Qualifica del WTCC davvero movimentata.

Sul tracciato cittadino di Vila Real il Campione della Citroën ha messo in riga tutti, a partire dai suoi compagni di squadra. La C-Elysée di Sèbastien Loeb partirà al suo fianco in prima fila, mentre Yvan Muller e Ma Qing Hua hanno addirittura concluso al 9° e 10° posto. L'alsaziano e il cinese saranno comunque davanti a tutti nella griglia invertita di Gara 2.

Terzo un ottimo Hugo Valente (Campos Racing), migliore dei piloti Chevrolet e del Trofeo Yokohama; il francese ha battuto le Honda Civic di Norbert Michelisz (Zengő Motorsport) e Gabriele Tarquini; quest'ultimo ha commesso un errore nel suo giro in Q3, dovendo rinunciare all'assalto alla Pole. Sesto e deluso il suo compagno di squadra, Tiago Monteiro, che sperava di fare meglio davanti ai suoi tifosi. Il portoghese è seguito dalle Lada Vesta di Nicky Catsburg e Jaap Van Lagen.

Fuori dalla Top10 per problemi tecnici un nerissimo Mehdi Bennani (Citroën-SLR) e Néstor Girolami (Honda Racing Team Sweden), che aveva ben figurato in Q1, ma che ha dovuto arrendersi per una foratura nella manche successiva. Eliminati nella prima fase Rob Huff (Lada), Stefano D'Aste (Cruze-Munnich Motorsport) e il duo della Roal Motorsport, Tom Chilton-Tom Coronel. L'olandese ha avuto un diverbio piuttosto acceso con Ma Qing Hua, reo secondo il suo parere di averlo rallentato nell'ultimo tentativo.

Chiudono lo schieramento le Chevrolet di John Filippi (Campos) e Grégoire Demoustier (Craft-Bamboo).

Q1
Inizia subito forte López (2.01.519), ma il sorprendente Girolami continua a mostrare di essere davvero in forma, dopo le ottime FP2, e batte il connazionale con un 2.00.600. Al secondo posto andrebbe Chilton, ma il pilota della Roal si vede cancellare il proprio crono per aver tagliato la chicane posta alla curva 17. Buon terzo tempo per Michelisz, seguito da Loeb, Muller, Coronel, Ma, Valente, Monteiro, Van Lagen, Huff e Bennani. Tarquini è fuori virtualmente dalla Q2 perché nel suo giro veloce si trova davanti Ma che non gli lascia spazio. A 15' dal termine Loeb balza al comando abbattendo il muro dei 2' (1.59.860), con Michelisz che migliora e si piazza terzo, mentre Bennani risale al sesto posto. Subito dopo viene esposta la bandiera rossa per un clamoroso errore del box Citroën, che manda in pista Muller con una ventola ancora attaccata al radiatore della C-Elysée #68; il francese la perde alla prima frenata, fortunatamente senza che l'oggetto vada a colpire persone o altre vetture. Al nuovo semaforo verde López torna davanti (1.59.393), mentre Tarquini è quinto dietro a Monteiro e Chilton undicesimo. Le Lada sono virtualmente fuori, Muller è a rischio in 12a piazza, D'Aste decimo. Huff e Catsburg entrano in Top12 con un ultimo tentativo buttando fuori Muller e Chilton. L'alsaziano riesce a migliorare in extremis con il settimo crono, nonostante si trovi davanti D'Aste nel terzo settore; il genovese invece finisce fuori dalla Q2. L'ultimo minuto è di grande caos perché in molti rischiano l'eliminazione: Coronel si trova davanti Ma alla chicane e deve alzare il piede, Van Lagen è decimo e butta fuori il compagno di squadra Huff, con Valente salvo per soli 3 millesimi. Ai box Coronel scende furioso dall'auto e corre ad urlare tutta la sua rabbia in faccia a Ma, aprendogli lo sportello e gesticolando animatamente contro il cinese. Accedono alla Q2: López, Loeb, Michelisz, Monteiro, Tarquini, Bennani, Muller, Ma, Van Lagen, Catsburg e Valente.

Q2
Tutti in pista per cercare subito il giro veloce, visto il poco tempo a disposizione (e considerata la lunghezza del tracciato). Giusto il tempo di lanciarsi che la bandiera rossa ferma l'azione in pista. Girolami fora l'anteriore sinistra e parcheggia la sua Civic lungo il tracciato; la vettura dell'argentino è in posizione pericolosa e i commissari optano per l'interruzione per consentirne la rimozione. Al nuovo via López (1.59.179) centra subito il primato, seguito da Loeb, Michelisz, Valente, Catsburg e Van Lagen. Problemi per Bennani, la cui C-Elysée fa scintille dal fondo; il marocchino deve fermarsi e rinunciare, mentre Van Lagen commette un errore al suo secondo tentativo. Scendono in pista le Honda ufficiali e Tarquini agguanta la terza piazza, ma Monteiro si ferma solamente al sesto posto. In casa Citroën c'è la clamorosa eliminazione di Muller e Ma: l'alsaziano si arrende per un problema ed è nono, mentre il cinese non fa nemmeno un giro cronometrato. I due saranno comunque in prima fila nella griglia invertita di Gara 2. Vanno a giocarsi la Pole Position: López, Loeb, Tarquini, Michelisz e Valente.

Q3
Valente è il primo a scendere in pista e fa 1.59.333, accolto fra gli applausi dal box Campos. Michelisz lo batte nel primo settore, ma perde negli altri due parziali, concludendo alle sue spalle (2.00.023). Tocca a Tarquini, che fa il record nel primo settore, ma poi sbaglia alla frenata della curva 11 e deve rinunciare alzando il piede. Loeb invece fa i settori 2 e 3 da maestro e balza al comando in 1.59.090, ma López è un fulmine e si guadagna la Pole Position con il tempo-monstre di 1.58.515.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Sébastien Loeb , Ma Qing Hua , Hugo Valente
Articolo di tipo Ultime notizie