López: "La Pole più bella della stagione"

Pechito voleva fortemente questo risultato e ha surclassato tutti. Alle sue spalle però c'è un agguerrito Valente.

López:

José María López (Citroën Total WTCC, Pole Position), Hugo Valente (Campos Racing, secondo e primo nel Trofeo Yokohama), Sébastien Loeb (Citroën Total WTCC, terzo) e Sabine Schmitz (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) hanno risposto alle domande dei giornalisti dopo le Qualifiche.

José María López

Hai fatto un giro incredibile, ce lo puoi raccontare?
“E’ stato difficile, ma molto bello. Ogni giro al Nordschleife è così, quindi è dura descriverlo. Mi sono divertito in ogni punto, sapevo che potevo migliorare e nel secondo sono riuscito ad abbassare il mio tempo di 4″ perché la pista era migliorata moltissimo. Abbiamo fatto alcune modifiche che mi hanno permesso di tornare in pista e arrivare al limite. Visto quello che sono riuscito a fare, considero questa Pole unica perché era proprio quella che volevo di più. Questa è una gara diversa, c’è un’atmosfera particolare e tanta gente, è bellissimo.”

Pensi che avresti potuto fare meglio o sei arrivato al massimo delle tue possibilità?
“Per me è stato un giro molto buono. Se chiedi agli altri, ma anche a me, su una pista qualsiasi ti risponderanno che si poteva fare meglio, sempre. Su un circuito da 26Km c’è sempre qualche punto dove perdi tempo, quindi non sarà mai un giro perfetto. Io sono riuscito a migliorare in tutti i settori e sono molto contento.”

Sei in Pole, ma le gare saranno altra questione: pensi di poter vincere?
“Ci penserò più tardi, spero però di partire bene e vincere. So che è difficile superare qui, ma debbo costruire il mio vantaggio nella parte del circuito da GP per non dare modo ai miei avversari di attaccarmi sfruttando la scia. Non si sa mai cosa può succedere e dovrò stare attento perché è facile commettere errori qui.”

Cosa significa per te aver ottenuto la 10a Pole nel WTCC?
“E’ successo tutto molto velocemente, ma mi godo il momento. Debbo ringraziare il mio team, è merito loro perché mi hanno dato una vettura fantastica e sono contento di poter far parte di questa squadra. E’ solo un anno che corro in questa serie, ma ho già vissuto tante emozioni e sono felice.”

Hugo Valente

Prima di iniziare avevi detto che un giorno saresti riuscito a battere José; sei contento del tuo risultato?
“Certamente, sono state Qualifiche difficili e faccio i complimenti a José, Sébastien e Sabine. Ringrazio Campos e RML per come hanno lavorato dopo l’Argentina. Dopo i problemi ai freni, riuscire ad essere per due volte secondi in Qualifica è un bel riconoscimento. Da pilota mi dispiace un po’ di non essere in Pole, ma “Pechito” era troppo veloce oggi, ma sono certo di potergli stare davanti un giorno. Nel mio giro ho fatto alcuni errori e ho sofferto del sovrasterzo nelle curve veloci, ma sul dritto le mie speranze aumentavano. Sono felicissimo della prima fila, specialmente qui. José ha detto che la Pole qui è molto importante, penso sia come Monaco, quindi il secondo posto va benissimo.”

In Ungheria ci avevi stupito, ma qui ti sei ripetuto con un’ottima prova; cosa pensi di fare nel resto dell’anno?
“Spero di continuare così, in Argentina abbiamo sofferto e probabilmente capiteranno altre situazioni simili. Mi ricordo l’incidente nei test in Francia. Qui sono rimasto un po’ sorpreso perché la pista non è propriamente adatta alla nostra vettura, ma è anche vero che è il pilota a fare la differenza. Ovviamente conterà molto la competitività dell’auto, ma sono felice di ciò che ho fatto.”

Sébastien Loeb

Sei contento o deluso per il terzo posto?
“Avrei voluto essere più avanti, ma Pechito e Hugo sono stati molto veloci e io ho fatto un paio di errori andando sull’erba e perdendo tempo. Ero davvero al limite, ma comunque il terzo posto non è male e sono riuscito ad avere un buon passo.”

I 60′ di format sono stati un po’ diversi rispetto alle solite manche; come li hai vissuti?
“Non ho sentito molto la differenza. La pista è migliorata di giro in giro e io ho provato a spingere per cercare di fare il miglior tempo possibile.”

Sabine Schmitz

Sei al debutto nel WTCC, ma su una pista dove praticamente sei nata. Come valuti le tue performance in Qualifica?
“L’auto andava bene, ho avuto un problemino di set-up e abbiamo provato a risolverlo, ma senza successo. Nell’ultima sessione ho sofferto di sottosterzo e ho perso parecchio tempo, ma comunque penso sia una vettura perfetta.”

Quanto è difficile passare alla trazione anteriore da quella integrale?
“E’ una bella sfida! C’era un sacco di sporco in pista.”

Quindi conoscere la vettura è stata la cosa più difficile?
“Dovrei fare altri giri perché è tutto diverso dalle vetture GT, ma mi piace molto. Se riesci a farti un’idea di come lavorare puoi divertirti molto.”

Farai anche la 24 Ore, come ti senti?
“E’ dura fare avanti e indietro dai due paddock, ma in auto non ho problemi.”

Stai promuovendo l’iniziativa “FIA Women in Motorsport”; quanto è importante per te sensibilizzare l’ingresso delle donne nel motorsport?
“Tutto iniziò nel 2009 per le giovani e siccome io ho compiuto 46 anni venerdì, mi ritegno una ragazzina! Mi piacerebbe vederne tante combattere contro gli uomini.”

Il WTCC non era mai stato al Nürburgring, cosa vedranno i fan domani?
“Sono molto contenta che sia stato organizzato questo evento, è bellissimo. Quando me lo hanno proposto ho accettato subito. Penso sia ottimo per il paese e una bella pubblicità per tutte le vetture che scendono in pista.”

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Nürburgring
Circuito Nürburgring
Piloti Sébastien Loeb , Hugo Valente
Articolo di tipo Ultime notizie