Le parole di Michelisz, Catsburg, Loeb e Homola

Le parole di Michelisz, Catsburg, Loeb e Homola

Ecco le dichiarazioni dei piloti di Honda, Lada, Citroen e Chevrolet prima delle gare dello Slovakia Ring.

Nicky Catsburg, Mat’o Homola, Sébastien Loeb, Norbert Michelisz e François Ribeiro (General Manager del WTCC) hanno risposto alle domande prima delle gare del WTCC di questo weekend in Slovacchia.

François Ribeiro

Lo Slovakia Ring è nel cuore del WTCC…
“Assolutamente sì! Veniamo qui al giro di boa del campionato, come accade da quattro anni ormai. Molti forse non lo sanno, ma la Slovacchia è il più grande produttore di automobili pro-capite, con circa il 30-40 % delle famiglie impegnate nell’industria automobilistica. Abbiamo un circuito perfetto e un governo a supporto, ci mancava un pilota locale. Mi ricordo che lo scorso anno Mat’o fece un giro con Sébastien, sognando di essere nel WTCC l’anno dopo. Dopo un inverno di duro lavoro posso dire che finalmente il suo sogno si è avverato. Il livello della serie è molto aumentato quest’anno, così come accade ogni stagione, soprattutto grazie alle nuove vetture e i nuovi piloti. Anche in questo weekend avremo delle novità, come l’argentino Néstor Girolami, un ragazzo forte. Per Mat’o non sarà facile, ma è molto bello che sia qui con noi uno che fa il salto dall’ETCC al WTCC.”

Mat’o Homola

Cosa significa per te correre nel WTCC?
“Sono contentissimo e ringrazio François Ribeiro, i miei sponsor e la mia famiglia per aver realizzato il mio sogno.”

Passerai da due macchine diverse, dalla SEAT che guidi nell’ETCC alla Chevrolet del WTCC. Come farai?
“Semplicemente scenderò da una per salire sull’altra! Ovviamente sarà impegnativo cercare di imparare a guidare la Cruze, ma sono sereno e carico. Darò tutto per ottenere il miglior risultato possibile, vedremo.”

Sébastien Loeb

L’anno scorso hai vinto Gara 1, poi Gara 2 fu cancellata; pensi di poter ripeterti quest’anno?
“Non lo so, lo scorso anno vinsi sotto la pioggia, certamente spero di riuscirci anche sull’asciutto. Abbiamo iniziato a lavorare duramente da inizio anno, a volte va bene, a volte no. Qui comunque ho ottimi ricordi, è una pista che mi piace e dove spero di poter lottare per la vittoria.”

In Russia abbiamo visto una LADA molto forte, cosa ne pensi degli avversari?
“E’ ottimo per il campionato perché è importante che marchi diversi si sfidino. Nelle ultime gare abbiamo visto lotte serrate che hanno suscitato molto interesse. Dal mio punto di vista non sono stato molto contento di quanto fatto a Mosca perché ho perso parecchi punti e il secondo posto in classifica. Cercherò di impegnarmi di più per riprendermelo, magari puntando anche al primo. Vedremo perché comunque il mio compagno di squadra José María López è molto forte. Il mio obiettivo è sempre vincere, ma lui c’è riuscito più di me e io debbo fare di più. Ho compagni di squadra molto forti ed esperti, debbo imparare da loro, anche se a volte è frustrante arrivare dietro di loro.”

Cosa consigli a Mat’o?
“Penso che sia forte se è qui con noi e che sappia cosa deve fare. Conosce bene la pista e la vettura non è troppo diversa da quella che guida nell’altra serie. Deve concentrarsi al massimo nel suo lavoro e non badare alla pressione dall’esterno, che potrebbe essere molto negativa.”

In Marocco hai lottato contro Mehdi Bennani; hai paura dei piloti che corrono davanti al proprio pubblico?
“Non più di tanto perché tutti vogliono fare del proprio meglio in questo campionato. Può essere difficile comunque. Mehdi in Marocco era davvero determinato, ma abbiamo lottato in modo serrato anche in altre gare.”

Norbert Michelisz

Dopo aver vinto a Budapest questa si può considerare come la tua seconda gara di casa…
“E’ stato molto bello vincere in casa e auguro a Mat’o tutto il meglio per questo weekend perché per esperienza so cosa vuol dire fare bene davanti al proprio pubblico. Come Séb, abbiamo ancora sette eventi davanti a noi, quindi dobbiamo dimenticare l’Ungheria e guardare avanti; sono pronto per la Slovacchia.”

Cosa ne pensi dell’atmosfera di questa pista?
“Qui è sempre bello, non solo perché ci sono molti ungheresi, ma perché il circuito mi piace. Ho fatto la mia prima pole position qui e sono salito sul podio negli ultimi due anni. Spero di continuare così anche in questo weekend, proverò a fare due belle gare e divertire il pubblico.”

Avrai una vettura con 60Kg in più...
"
Saremo più pesanti per via delle zavorre e la cosa ci costerà un secondo al giro; in Russia la LADA ha dimostrato di essere cresciuta parecchio, se terminassi in Top6 sarei felice.”

Cosa consigli a Mat’o?
“Penso che non debba pensare allo stress, se vuoi diventare un pilota di livello è la cosa principale da evitare. Bisogna essere concentrati al massimo per esprimere il proprio talento al meglio. So che è difficile, ma bisogna restare calmi.”

Nicky Catsburg

Che possibilità hai per questo weekend?
“E’ solamente la mia seconda gara dopo Mosca. Là abbiamo visto che la nostra auto è forte in rettilineo e penso che anche qui lo sarà. In Russia abbiamo ottenuto un bel risultato, non vedo perché non si possa ottenerlo anche qui.”

La pista è adatta a te?
“Sì, ci credo veramente. Ora conosco un po’ meglio la mia LADA Vesta e mi sento bene, ma c’è ancora tanto da scoprire di quest’auto e da migliorare. Ho corso sullo Slovakia Ring nel 2011 e mi ricordo i voli con la mia GT3 sui dossi. E’ un po’ più veloce di Mosca, con solo qualche curva lenta e molte sezioni rapide. Non vedo l’ora di iniziare, penso che qui possiamo fare bene.”

Cosa consigli a Mat’o?
“Ho debuttato nel WTCC la gara scorsa e mi hanno accolto benissimo. C’è una bella atmosfera e si può lavorare bene.”

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Slovakia
Circuito Slovakia Ring
Piloti Sébastien Loeb , Norbert Michelisz , Mat'o Homola
Articolo di tipo Ultime notizie