François Ribeiro: "Il WTCC è pronto per nuovi paesi"

Il manager di Eurosport ha commentato le novità del 2015, spiegando come ci si è mossi per stilare il calendario.

François Ribeiro:

Dopo la pubblicazione del calendario ufficiale 2015 del WTCC ci sono stati diversi commenti riguardo alle novità introdotte da Eurosport Events, promoter della serie in collaborazione con la FIA.

Come anticipato a luglio, il via sarà a casa del Campione del Mondo in carica, José María López, sulla bellissima pista argentina di Termas de Río Hondo. Per il secondo anno consecutivo non c'è Monza, mentre esce nuovamente di scena Spa-Francorchamps, che pure aveva entusiasmato fan e piloti in una spettacolare edizione 2014. Il calendario degli eventi ha comunque un appuntamento davvero intrigante e assolutamente da non perdere, ovvero il week-end sul pittoresco Nürburgring-Nordschleife.

Riguardo questa novità eccitante, François Ribeiro (General Manager del WTCC) ha detto: "Il ritorno del WTCC in Germania non poteva avere scenario migliore del Nordschleife, che ospiterà in quel week-end la 24h del Nürburgring. Essendo qualcosa di unico, abbiamo collaborato con ADAC Nord-Rhein ed esperti locali per avere la massima esperienza al servizio degli spettatori. La nostra programmazione TV includerà novità importanti, come riprese dall'elicottero per catturare la magia del posto. Le gare del WTCC al Nürburgring erano proprio la sfida che ci voleva per piloti e team."

Altra novità importante è il ritorno in calendario del Portogallo, dove l'accordo triennale con gli organizzatori locali ha previsto l'appuntamento presso il circuito di Vila Real, non essendoci più gli estremi per recarsi sul cittadino di Oporto.

In Giappone si stanno definendo gli accordi per spostarsi da Suzuka a Motegi (si correrà il week-end dell'11-13 settembre), mentre Thailandia e Qatar (in notturna) saranno teatro del gran finale di stagione, che per la prima volta dopo 10 anni non si svolgerà sullo storico Circuito da Guia di Macao.

"Per quanto il Gran Premio di Macao ci abbia aiutato in questi anni di gare in Asia, ora il WTCC ha una solida reputazione ed è pronto per spostarsi tra Giappone, Cina e Thailandia - ha proseguito Ribeiro - Colgo l'occasione per ringraziare gli organizzatori di Macao per il lavoro svolto fin dal 2005. Sono stati 10 anni di crescita per il WTCC, ora dobbiamo guardare a nuovi orizzonti e paesi, i quali ci possono aprire nuove porte di mercato e opportunità televisive, oltre a consentirci il rientro più rapido dei materiali in Europa."

Tornando all'assenza di Monza, già alcuni mesi fa Ribeiro aveva rivelato di come fosse difficile un rientro del tracciato brianzolo fra quelli del Mondiale: "Monza? Non voglio dire che è una questione di costi, ma di passione. In Italia la cultura del motorsport è legata soprattutto alla Ferrari e alla F1; ci abbiamo provato, ma noi abbiamo bisogno di seguito e pubblico, come tutte le serie del resto; lì purtroppo non abbiamo ottenuto appeal e noi dobbiamo guardare a paesi in via di sviluppo per quanto riguarda i mercati dell'automobile e della TV."

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Articolo di tipo Ultime notizie