Muller: "Una doppietta splendida ma sofferta!"

Il campione del mondo esalta la Cruze, pizzica i compagni di squadra e si gode due successi

Muller:
Cari amici di OmniCorse.it chiudo il week end di Monza con due vittorie che mi proiettano in testa alla classifica piloti del WTCC. La Chevrolet non poteva iniziare la stagione in modo migliore, ma credetemi dentro l'abitacolo della Cruze 1.6 Turbo è stata più difficile di quanto si potesse pensare guardando le gare dalla tribuma o in televisione. C'è stata battaglia vera, in certi momenti anche troppo esasperata fra di noi piloti della stessa squadra. L'ESPERIENZA CONTA È normale che al primo appuntamento di un nuovo campionato ci sia sempre un po' di tensione: durante l'inverno abbiamo svolto un grosso lavoro, ma non sapevamo dove fossimo arrivati effettivamente. E vi aggiungo che pesa non correre da novembre a marzo. La pressione, quindi, diventa inevitabile: in questa situazione penso che conti avere qualche anno in più e un maggiore bagaglio di esperienza, aiutano a saper gestire il momento delicato... DUE FUORI PROGRAMMA Sono salito due volte sul gradino più alto del podio, ma in entrambe le gare ho vissuto situazioni da brivido. In Gara 1 sono arrivato leggermente lungo alla Prima Variante nel corso del 2. giro: avrei potuto provare ad inserire lo stesso la macchina, ma era un rischio e ho preferito tagliare un pezzo di via di fuga restituendo la posizione a Tarquini nella consapevolezza che avrei potuto attaccarlo di nuovo. E credo che se non avessi rallentato probabilmente non mi avrebbero nemmeno penalizzato, ma ho preferito restare lucido per evitare sorprese. LE DIMENTICANZE DI ROB Diversa è la situazione che si è creata alla stessa chicane in Gara 2: sarà un caso ma eravamo di nuovo nel corso della 2. tornata. C'era Alan alla mia sinistra, Rob dietro di me con Gabriele in coda. Ero nella traiettoria interna e in quella posizione della pista non si frena mai come quando si è sulla linea ideale: è normale, quindi, che si debba staccare qualche metro prima. È una cosa ovvia per me, ma evidentemente Rob se l'è dimenticato. Anzi, Rob si dimentica troppe cose... COLPITO DALLO SCUD Sapete quale è stato il risultato? Che sono stato colpito da dietro da uno scud, un vero missile! Quando sono partito in testacoda ero furioso, ma vi posso dire che mi è andata bene perché sono riuscito a riprendere subito la pista. E devo ammettere che ho avuto anche un pizzico di fortuna che in queste situazioni davvero non guasta: ho attraversato la via di fuga ad alta velocità senza gravi danni e sono riuscito a rimettere la Cruze in direzione di marcia senza perdere troppo tempo. CRUZE INDISTRUTTIBILE E per fortuna la mia Chevrolet si è rivelata veloce e robusta, perché non ha risentito troppo del fuori programma: dopo aver verificato che fosse tutto a posto mi sono rimesso a tirare per a riprendere il gruppo che avevo davanti per l'inversione della griglia dei primi dieci. NIENTE TATTICHE C'è chi pensa che io mi costruisca una strategia di gara. In realtà non è così, ma anzi mi dedico solo a quello che sto facendo in quel momento. Prima la partenza, poi la prima curva e ragiono un giro alla volta. Mi considero un pilota istintivo che cerca di interpretare al meglio il presente. Se ti metti in testa l'idea di andare a vincere mentre sei quarto, è la volta buona che commetti un errore. La corsa è fatta di tante decisioni istantanee nelle quali serve la massima reattività. SONO IN CREDITO Del resto qui a Monza mi sono dovuto difendere soprattutto dai compagni di squadra: alla fine di Gara 2 sono stato toccato anche da Alan all'uscita della Prima Variante. Magari in tv può essere sembrata solo una bussatina, in realtà il contatto è stato piuttosto duro. Ma alla fine non tutto il male viene per nuocere perché credo di aver acquisito un credito da usare con Huff e Menu nel corso della stagione... LA SQUADRA SEMPRE AL TOP Alla fine, comunque, abbiamo portato a casa una sostanziosa tripletta per la Chevrolet che conferma il potenziale della Cruze e l'eccellente lavoro svolto dal team. Alla fine di Gara 1 abbiamo riscontrato un po' di usura nella gomma anteriore sinistra che a Monza è sempre in appoggio: prima della seconda gara i tecnici hanno fatto le opportune modifiche per evitare qualsiasi sorpresa, senza condizionare le prestazioni della vettura: sono bravissimi! TARQUINI MINACCIA IN PROVA A proposito: i giornalisti mi hanno chiesto se in qualifica ci siamo risparmiati perché la Seat Leon di Gabriele Tarquini ci è stata davanti, ma posso garantirvi che non ci siamo tenuti una riserva di cavalli pensando che il motore deve durare una stagione intera. Gabriele è stato abbastanza veloce nella prima gara e si è guadagnato il terzo gradino del podio, ma la sua Seat è ancora nuova e dopo quattro giri ha avuto qualche problema ai freni. Del resto sapevamo che era una minaccia soprattutto in prova, perché giovedì non ha mai fatto dei long run per verificare anche l'affidabilità. LA STUPIDATA La prima regola per vincere un campionato è finire tutte le gare. È una regola aurea, ma quando ho tentato un sorpasso all'esterno della Bmw di Michelizs evidentemente me lo sono dimenticato: a mente fredda posso garantirvi che è stata una stupidata. L'ungherese avrebbe potuto accompagnarmi all'esterno verso l'erba e la cosa si sarebbe fatta complicata per me: non vi nascondo che ho guardato dove fosse la sua BMW per capire se valesse la pena insistere nella manovra, ma poi ho preferito riaccodarmi per evitare guai... GUSTO DELLA VITTORIA Ora mi godo questa splendida doppietta: sono contento perché il campionato è partito nel modo migliore. L'anno scorso, invece, avevo iniziato male perché ero condizionato da un sistema di qualifica che ci costringeva ad andare piano per partire davanti. Era una vera stupidata! In trentadue anni di corse non avevo visto niente di simile. Adesso mi sembra che ci sia una formula migliore che permette il rispetto dei valori in campo. L'appuntamento, cari amici, è per fine mese a Valencia per il secondo week end di gara...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Monza
Circuito Monza
Piloti Yvan Muller
Articolo di tipo Ultime notizie