Mosca, Gara 2: Storico trionfo per Ma Qing Hua!

Mosca, Gara 2: Storico trionfo per Ma Qing Hua!

Il debuttante Citroën è il primo cinese a vincere in un Mondiale FIA. A podio Muller e Bennani. Out Tarquini e López

Gara 2 del WTCC al Moscow Raceway verrà ricordata negli annali dell'automobilismo. Oltre ad essere stata una bellissima sfida tra i concorrenti, che non si sono risparmiati ruotate e sportellate, l'evento russo ha visto il primo trionfo di un cinese nella storia dell'automobilismo mondiale targato FIA. Ma Qing Hua si è portato a casa autorevolmente la vittoria, approfittando anche della penalità inflitta a Hugo Valente (Chevrolet Cruze-Campos Racing), poleman della griglia invertita. Il pilota della Citroën, dopo una partenza non perfetta, dove era stato sopravanzato da Norbert Michelisz (Honda Civic-Zengo Motorsport), si è ripreso la seconda piazza, per poi scappare via, una volta che Valente è rientrato ai box, controllando anche la rimonta del compagno di squadra Yvan Muller. Per i francesi, però, c'è anche una delusione, ovvero il primo ritiro stagionale di José Maria López, rimasto fermo in griglia allo spegnersi dei semafori. A completare il podio ci ha pensato Mehdi Bennani (Proteam), che risolleva il morale in casa Honda dopo i ritiri di Gabriele Tarquini e Tiago Monteiro, fermati da problemi tecnici verificatisi sulle vetture del team Castrol. Michelisz invece ha perso in extremis posizioni, arrivando 7°. Dietro a Tom Coronel, 4° con la Chevrolet Cruze-Roal Motorsport, Sébastien Loeb (Citroën C-Elysée) e Tom Chilton (Cruze-Roal). Completano la Top10 Gianni Morbidelli (Cruze-Münnich Motorsport), Valente e René Münnich. Undicesimo Dušan Borković (Cruze-Campos) dopo essersi schierato in extremis, con i meccanici del team spagnolo intenti a riparare i danni creati dal serbo in Gara 1, seguito dalla Lada Granta di James Thompson. Fuori le altre due vetture russe, con Rob Huff e Mikhail Kozlovskiy protagonisti di un contatto nelle prime fasi della gara. In Classe TC2T, manco a dirlo, la vittoria va a Franz Engstler, seguito dalla BMW del compagno di squadra Pasquale Di Sabatino e dalla coppia della Campos Racing John Filippi-Nikita Misiulia, al volante delle Seat León. IL FILM DELLA GARA. Le due Cruze della Campos Racing vengono riparate miracolosamente, con Valente e Borković che possono dunque prendere parte alla gara. Vedersi schierare la vettura del francese è sicuramente molto importante, dato che parte in Pole, affiancato da Ma Qing Hua. Purtroppo però, probabilmente a causa della fretta e del poco tempo a disposizione, i meccanici spagnoli non tolgono i cavalletti dalla Chevrolet bianco-gialla entro i 5' previsti prima del via e i Commissari Sportivi comminano al ragazzo un inevitabile Drive-Through. Al via Valente scatta bene e prende subito il comando, mentre dietro si accende una bagarre senza esclusione di colpi. Michelisz sale al secondo posto superando Ma, Bennani non è reattivo al punto giusto e viene affiancato all'esterno della curva 1 da Muller; i due si toccano e il francese finisce largo, rientrando in 9a posizione dietro a Loeb. Il vero colpo di scena, però, si ha allo spegnarsi dei semafori, quando sul lato sinistro della griglia iniziano a sventolare le bandiere gialle: la vettura rimasta ferma (e miracolosamente evitata da tutti) è la C-Elysée di López e l'argentino deve mestamente ritirarsi. Per la prima volta in stagione il ragazzo non va a punti. Intanto la lotta continua: le Lada di Kozlovskiy e Huff si toccano. A farne le spese è il russo, il quale si ferma a bordo pista, mentre l'inglese prosegue, ma viene sfilato dal gruppo. Morbidelli sale all'11° posto superando anche Thompson, con Ma e Michelisz che iniziano a promettersele in fondo al lungo rettilineo. Si crea un gruppetto capitanato da Bennani, seguito da Monteiro, Tarquini, Chilton, Loeb e Muller. Questi ultimi due si scambiano le posizioni quando l'ex rallista finisce largo alla curva 1. Ne approfittano anche Coronel e Morbidelli che salgono al 10° e 11° posto. Al quinto giro Monteiro riesce a superare Bennani in fondo al rettilineo, ma va largo e perde la posizione anche da Tarquini e Chilton. L'inglese sembra essere davanti al portoghese, ma i due si toccano e la Cruze nera della Roal finisce oltre il cordolo della curva 5, rientrando in 10a piazza. Un giro dopo, Tarquini attacca Bennani, ma il marocchino sfrutta l'incrocio delle traiettorie; cerca di infilarsi Monteiro, ma chi ride è Muller, che li supera tutti e si mette all'inseguimento di Ma e Michelisz. E proprio l'ungherese, dopo aver resistito ad ogni curva, deve alzare bandiera bianca, cedendo la posizione a Ma, il quale sale al comando mentre Valente rientra ai box per scontare il Drive Through. Altro colpo di scena dopo pochi istanti: Gabriele Tarquini rallenta vistosamente, riguadagnando la corsia box a passo d'uomo; i tecnici del team Castrol rilevano un guasto al servosterzo della Civic numero 2 e gara finita per l'abruzzese. Intanto Valente, rientrato 11°, si sbarazza di Münnich. Continua la lotta per la seconda posizione. Stavolta Michelisz se la deve vedere con un arrembante Muller, che al giro 8 lo supera. La Civic rosso-nera ha il paraurti posteriore penzolante e, dopo un contatto con l'auto di Monteiro vola via, fortunatamente senza colpire nessuno. Al giro 11 Borković supera Thompson ed è 13°, con Ma che controlla su Muller, avendo un vantaggio di 3". Alla tornata successiva il trenino formato da Michelisz, Monteiro, Bennani, Coronel e Loeb perde un altro protagonista. Stavolta a fermarsi è la Civic del portoghese e al team Castrol le facce deluse la dicono lunga, dopo le ottime prestazioni ottenute in questo week-end. Si accende dunque la bagarre per l'ultimo gradino del podio: dopo contatti e tentativi vari, si decide tutto al 15° passaggio, quando Michelisz si intraversa all'ingresso della curva 12, spalancando la porta a Bennani e Coronel. L'ungherese deve difendersi da Loeb, ma cede il passo anche stavolta, finendo largo all'ultima curva e perdendo un'ulteriore posizione a vantaggio di Chilton. Ma vince in scioltezza precedendo Muller, Bennani riesce a difendere il terzo posto dall'ultimo assalto di Coronel, mentre la volata finale per il 4° premia Loeb, che arriva davanti a Chilton e Michelisz. Il WTCC tornerà fra un paio di settimane, quando i team saranno impegnati a Spa-Francorchamps, per un emozionante week-end sulle Ardenne.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Yvan Muller , Franz Engstler , Mehdi Bennani , Ma Qing Hua
Articolo di tipo Ultime notizie