Morbidelli: "Voglio rimettermi in gioco!"

Il neo acquisto della Münnich Motorsport è sereno, ma consapevole delle difficoltà che lo aspettano con la Cruze

Morbidelli:
E' di ieri l'annuncio ufficiale che la ALL-INKL.COM Münnich Motorsport affiderà una Chevrolet Cruze TC1 della RML a Gianni Morbidelli per la stagione 2014 del WTCC: il pesarese, che nella sua lunga carriera ha collezionato 67 GP in F1 e il Titolo tricolore di F3 del 1989, ha anche dato dimostrazione delle sue doti al volante di vetture Turismo, fra Campionato Italiano ed Europeo, affrontati con l'Alfa Romeo. Negli ultimi tempi il 46enne si è distinto in Superstars, dove ha vinto 4 Titoli, fra il 2007 ed il 2013, al volante di Audi e BMW. Figlio di Giancarlo Morbidelli, fondatore e innovativo progettista dell'omonima azienda motociclistica vincitrice di 4 Mondiali negli anni '70, Gianni non è un volto nuovo del WTCC: nel 2006, infatti, ha preso parte al campionato con l'Alfa Romeo, salendo sul secondo gradino del podio in Brasile e Messico. "Ho ricordi di un campionato molto bello e difficile, ma organizzato perfettamente. Ho ottenuto due buoni risultati, ma è stata un'esperienza troppo breve per puntare a qualcosa di più." Quindi senti di aver lasciato qualcosa a metà, è per questo che hai deciso di tornare? "Volevo continuare a correre ad alti livelli, se sono qui è perchè voglio rimettermi in gioco e continuare a vivere forti emozioni. Sarà una grande sfida!" Rispetto al 2006 troverai vetture profondamente diverse, figlie dei nuovi regolamenti... "Si tratta di un bel passo avanti. Tecnicamente sono auto molto più sofisticate, ma anche più belle. Ci si dovrà impegnare molto di più sui set-up; questa è la mia sensazione, dopo aver parlato con chi in pista ha già provato." In Superstars hai vinto quattro Titoli in sei stagioni: pensi che questa esperienza ti possa tornare utile anche nel WTCC? "Ogni esperienza fatta ti torna utile nella tua carriera. Le Supercars però sono molto diverse dalle vetture del WTCC; negli ultimi anni ho guidato auto a trazione integrale, dovrò dunque rivedere il mio stile di guida e il modo di sistemare la macchina." Avrai una Chevrolet Cruze, colei che ha dominato gli ultimi quattro anni del WTCC: pensi che la nuova TC1 sarà altrettanto competitiva? "Ho piena fiducia negli uomini della RML, persone serie, esperte e qualificate, come ampiamente dimostrato nelle ultime stagioni del WTCC. Siamo consapevoli che la prima metà della stagione ci vedrà in difficoltà rispetto ai nostri avversari, dato che loro hanno iniziato molto prima lo sviluppo e, oggi, hanno un vantaggio abissale sotto questo aspetto. Affronteremo le prime gare con l'obiettivo di raccogliere informazioni, adattarci alla macchina e svilupparla. Non sarà facile, ma fa parte del gioco." Sarai nuovamente in pista con Muller e Tarquini, colleghi già affrontati in passato: pensi che potranno lottare per il Titolo? "Sono due campioni e ho una grande stima per loro; sono certo che potranno lottare per la vittoria finale. Tuttavia è ancora presto per fare previsioni, nella mia carriera ho imparato che nessuno va sottovalutato." Nella tua carriera hai corso su un sacco di circuiti: guardando quelli in calendario, qual è il tuo preferito? Ce n'è uno che non conosci? "Suona strano, detto da uno che ha 25 anni di attività alle spalle, ma praticamente metà delle piste sono nuove per me! Comunque sono molto contento di poter tornare in azione a Suzuka e all'Hungaroring." Ti sei posto un obiettivo per questa stagione? "Se parti con delle preoccupazioni hai già un approccio sbagliato. Sono consapevole delle difficoltà che dovremo affrontare, ma non so di preciso cosa ci aspetta. Vista la situazione, la cosa migliore è restare sereni e lavorare nel miglior modo possibile. Ho voglia di divertirmi! Se ci riuscirò, allora potremo fare bene. D'altra parte, mi considero fortunato perchè faccio un lavoro che amo!"
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Gianni Morbidelli
Articolo di tipo Ultime notizie