Mosca, Qualifica: López precede un fantastico Tarquini

Mosca, Qualifica: López precede un fantastico Tarquini

Le Civic migliorano con Monteiro 3°. Loeb 4°, Muller sbaglia: 6°. Pole di Gara 2 a Valente, in TC2T ok Engstler.

Come previsto, le qualifiche del WTCC al Moscow Raceway sono state davvero avvincenti e ricche di emozioni e colpi di scena dell'ultimo secondo. José Maria López centra un'altra Pole Position con la sua Citroën C-Elysée, ma la vera notizia è che le Honda Civic stanno compiendo significativi passi avanti: Gabriele Tarquini e Tiago Monteiro si sono piazzati alle spalle dell'argentino, staccati rispettivamente di 226 e 515 millesimi. Il pilota di Giulianova, in particolare, è apparso in forma fin dalle prime battute di questa mattina e anche nelle tre manche delle Qualifiche non ha mai fatto peggio del secondo posto. La Top5 è completata da Sébastien Loeb (Citroën C-Elysée) e Tom Chilton, migliore dei piloti Chevrolet, il quale ha portato la sua Cruze-Roal Motorsport a giocarsi l'assalto alla Pole. Chi non ride assolutamente è Yvan Muller: il Campione in carica della Citroën è stato eliminato in Q2 per 152 millesimi e scatterà dalla sesta casella dello schieramento, davanti alle Civic di Mehdi Bennani (Proteam Racing) e Norbert Michelisz (Zengo Motorsport). Al nono e decimo posto troviamo il debuttante Ma Qing Hua (Citroën C-Elysée) e Hugo Valente (Cruze-Campos Racing), i quali scatteranno dalla prima fila nella griglia invertita di Gara 2. Prima fila che avrebbe potuto vedere davanti a tutti René Münnich (Cruze-Münnich Motorsport), scivolato nel finale in 11a piazza davanti alla Chevrolet di Dušan Borković, rallentato da qualche problema ai freni. Tredicesimo Tom Coronel (Cruze-Roal), out dalla Q2 per soli 39 millesimi a causa di un errore commesso nell'ultimo giro veloce, durante il quale stava migliorando. A seguire, le Lada Granta di Rob Huff, Mikhail Kozlovskiy e James Thompson; le vetture russe, seppur attardate, avevano mostrato buoni tempi durante i primi 20' di prove. Grande delusione anche per Gianni Morbidelli: la "giornata no" del pesarese si è subito palesata con un'uscita di pista e con un successivo errore che gli ha danneggiato lo splitter anteriore. Il pilota della Cruze-Münnich Motorsport, che era reduce da una fantastica Pole al Salzburgring (poi cancellata dai commissari), si ritrova relegato in 17a piazza e ultimo delle vetture TC1. In Classe TC2T nulla di nuovo, con un'altra Pole Position centrata dal solito Franz Engstler (BMW 320 TC), davanti al compagno di squadra Pasquale Di Sabatino e alle Seat León-Campos Racing di John Filippi e Nikita Misiulia. Q1 Pista che si presenta umida dopo un breve scroscio di pioggia. I primi 20' di prove sono piuttosto movimentati, con diversi piloti (López, Muller, Monteiro, Michelisz, Chilton) a segnare il miglior tempo. Dopo una paio di minuti c'è un brivido per Di Sabatino, il quale si ritrova con la propria BMW fumante ed è costretto a rientrare ai box per risolvere il problema. Morbidelli finisce in highside all'uscita della curva 7 e rallenta vistosamente, riuscendo comunque a tornare nel proprio garage. Nella stessa variante sbaglia anche Bennani. Intanto migliorano Borković e Ma, che si strappano il quarto tempo a vicenda. A soli 6' dal termine entra Sébastien Loeb, le tre Lada sono virtualmente in Q2, mentre fuori ci sarebbero Valente, Bennani, Morbidelli e Monteiro. La doccia fredda per i russi arriva negli ultimi 120", quando Thompson finisce fuori alla curva 1, senza migliorare, cosa che invece fanno Valente (5°), Monteiro (2°) e Bennani (8°). Niente da fare per Morbidelli che ha lo splitter anteriore visibilmente danneggiato e non riesce a completare un giro lanciato sufficiente per passare il turno. Engstler intanto si prende autorevolmente la Pole della TC2T. Con Tarquini davanti a tutti, accedono così alla Q2 Monteiro, Chilton, López, Michelisz, Valente, Muller, Bennani, Loeb, Münnich, Ma e Borković. Out Coronel che sbaglia alla curva 11 proprio nei secondi finali. Q2 Si lavora alacremente al box della Campos Racing per sistemare i dischi dei freni sulla Cruze di Borković, mentre Tarquini ricomincia da dove aveva lasciato, centrando il miglior tempo, sfruttando la scia di Monteiro sul rettilineo che precede quello principale. Arrivano poi López e Loeb che piazzano le rispettive C-Elysée al 1° e 3° posto, con Ma che sale al 5°. Rischia parecchio Chilton alla curva 2, ma è bravo a controllare la sua Cruze dopo averne perso il posteriore in ingresso. Sbagliano anche Valente, Bennani e, soprattutto, Yvan Muller, il quale si ritrova 5° e a rischio eliminazione, che arriva per mano di Monteiro. Il portoghese era fuori dalla Top10 e ne fa le spese anche Münnich, il quale scivola 11° perdendo la Pole di Gara 2, che va a Valente. A giocarsi quella per Gara 1 vanno invece López, Tarquini, Loeb, Chilton e Monteiro. Q3 Il primo a scendere in pista è Monteiro, che fa un giro molto buono in 1.39.166. Il suo tempo non viene battuto da Chilton; il britannico perde parecchio all'ingresso della curva 2 e nei successivi settori, pagando un ritardo di 5 decimi. Entra in pista Loeb, ma il francese riesce a battere solo il tempo del pilota della Roal, peggiorando la propria prestazione della Q2 di 4 decimi. E' il turno di Tarquini, il quale non tradisce le aspettative e centra la Pole provvisoria in 1.38.877, anche se il suo crono è peggiore di qualche centesimo rispetto a quelli fatti registrare in Q1 e Q2. L'ultimo ad entrare in azione è López: l'argentino arriva al limite alla curva 4, ma riesce ad accumulare manciate di centesimi ad ogni settore che gli valgono la partenza al palo, beffando l'avversario della Honda-Castrol per 226 millesimi. Domani Gara 1 è in programma alle 11;15, mentre Gara 2 partirà alle 12;25.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Tiago Monteiro , Gabriele Tarquini
Articolo di tipo Ultime notizie