Test Imola: debutto ok per le nuove Pirelli morbide

condividi
commenti
Test Imola: debutto ok per le nuove Pirelli morbide
Redazione
Di: Redazione
02 lug 2013, 12:22

I piloti sono stati chiamati a valutare le gomme realizzate in ottica 2014 per alte temperature e asfalti severi

Si sono svolti ieri presso l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola, che domenica ha ospitato il settimo appuntamento del Campionato Mondiale eni FIM Superbike, i test ufficiali che hanno visto coinvolti tutti i team Superbike, eccezion fatta per il Kawasaki Racing Team che ha deciso di non partecipare, e molti dei team della classe Supersport. In particolare, prima dell’inizio della stagione, ogni casa motociclistica propone al promotore del Campionato e a Pirelli un team Superbike e uno Supersport designati per fare sviluppo pneumatici e a cui, nel corso dei test ufficiali, viene data la possibilità di testare anche alcune soluzioni mai portate in gara. In Superbike i “team di sviluppo” prescelti dalle case sono Fixi Crescent Suzuki, Team Ducati Alstare, BMW Motorrad GoldBet SBK, Aprilia Racing Team e Pata Honda World Superbike e Kawasaki Racing Team, in Supersport Honda PTR, ParkinGo MV Agusta Corse, Yakhnich Motorsport e MAHI Racing Team India. Nel corso dei test, gli ultimi previsti per la stagione in corso, tutti i team Superbike hanno avuto a disposizione per l’anteriore la SC2 di gamma (R982) di durezza media già portata nei primi sette round, ottimale per temperature esterne elevate perché garantisce solidità alla fascia battistrada, e per il posteriore sia la SC0 di gamma, la soluzione morbida che ha esordito a Monza nella specifica con fascia centrale rinforzata ed è stata vista in azione con successo anche a Donington, Portimão e ieri ad Imola, sia la SC1 di gamma (R828) in mescola media. Oltre a questi pneumatici i piloti dei team di sviluppo avevano a disposizione per l’anteriore anche la SC1 di gamma (R426) e per il posteriore cinque nuovi pneumatici Diablo Superbike che come durezza si posizionano nell'area della SC0, quindi in mescola morbida, e si differenziano tra di loro per struttura, profili e materiali interni. Questi pneumatici sono stati progettati in ottica utilizzo 2014 e in particolare per affrontare temperature particolarmente elevate. Nello specifico alcune di queste soluzioni potrebbero rivelarsi molto efficaci in circuiti come quello turco di Intercity Instanbul Park o quello australiano di Phillip Island che storicamente sono particolarmente provanti per gli pneumatici per via del loro layout e delle alte temperature riscontrabili. In Supersport tutti i piloti avevano a disposizione per l’anteriore il Diablo Supercorsa in mescola SC1 di gamma (P1177) e la R303, ovvero la SC1 standard in mescola media per il posteriore. Oltre a queste soluzioni i team di sviluppo hanno potuto utilizzare all’anteriore la S753, soluzione di sviluppo portata solo a Portimão che come durezza della mescola si posiziona a metà strada tra la SC1 e la SC2, offrendo più stabilità e rigidità della SC1 ma anche più grip della SC2, e la nuova S0014, nuova soluzione di sviluppo in mescola media SC1 progettata come alternativa della SC1 di gamma che sfrutta un processo produttivo differente. Per il posteriore invece sono state messe a disposizione dei piloti appartenenti ai team di sviluppo quattro soluzioni posteriori inedite in mescola SC0 sempre con l’obiettivo di testare pneumatici che potrebbero rivelarsi utili nel breve e lungo periodo in situazioni di particolare caldo. "Per noi i test sono un momento molto importante e fondamentale per lo sviluppo dei nostri prodotti" ha dichiarato il Direttore Racing di Pirelli Moto Giorgio Barbier. "E’ chiaro che il poco tempo che abbiamo a disposizione per i test non ci aiuta ma sono comunque contento del lavoro svolto oggi e ringrazio i team e i piloti che si sono prestati a provare tutte le soluzioni che avevamo portato fornendoci feedback preziosi. Sulla base dei dati raccolti in questa giornata potremo fare delle importanti valutazioni e decidere quali pneumatici hanno dato riscontri positivi su cui valga la pena continuare a lavorare ed eventualmente utilizzarli già nella stagione in corso".
Prossimo articolo WSBK
Haga spera di avere un'altra chance nel Mondiale

Previous article

Haga spera di avere un'altra chance nel Mondiale

Next article

Fabrizio pronto per il salto di qualità dopo i test

Fabrizio pronto per il salto di qualità dopo i test

Su questo articolo

Serie WSBK
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie