Silverstone, Q1: Sykes cade ma mette tutti in fila

Silverstone, Q1: Sykes cade ma mette tutti in fila

Il pilota della Kawasaki ha rifilato otto decimi a Camier e nove a Giugliano. Indietro il leader Guintoli

Nemmeno una caduta è riuscita a rallentato Tom Sykes, che sulla pista di casa sembra avere davvero una marcia in più rispetto a tutta la concorrenza del Mondiale Superbike. Il pilota della Kawasaki è stato costretto ad interrompere anzitempo la prima sessione di prove ufficiali finendo ruote all'aria alla prima curva, ma questo non gli ha impedito di scavare un bel solco tra la sua ZX-10R e gli inseguitori. "The Grinner" ha infatti fermato il cronometro su un tempo di 2'05"335, staccando di oltre otto decimi la Suzuki di Leon Camier, al quale l'aria di casa sembra aver fatto veramente bene, e quindi è stato l'unico ad essere capace di scendere senza problemi sotto al muro del 2'06". Si conferma in buona forma anche Davide Giugliano, che con la sua Aprilia RSV4 del Team Althea si è portato al terzo posto dopo essere stato quarto in mattinata. Peccato solo per una caduta alla curva 8 che gli ha impedito di migliorare ulteriormente la sua prestazione. Pochi millesimi più indietro troviamo le due Honda di altri due britannici d'assalto come Jonathan Rea e Leon Haslam, che sono gli ultimi ad essere rimasti al di sotto del secondo distacco, precedendo un Eugene Laverty in crescita, ma ancora molto lontano dal passo dei migliori. Il pilota dell'Aprilia almeno ha recuperato un paio di posizioni, saltando davanti alla Kawasaki di Loris Baz e alla BMW di Marco Melandri. Va detto però che le S1000RR non sembrano troppo a loro agio su questa pista, con anche Chaz Davies che non è stato in grado di fare meglio del 12esimo crono. Decisamente in difficoltà il leader del campionato Sylvain Guintoli, che si è confermato in nona posizione con un gap di 1"3. Viene quasi da pensare che il francese possa sperare nell'arrivo della pioggia per i prossimi giorni perchè ad ora non sembra affatto in grado di battagliare con i migliori. Stesso discorso che vale anche per le Ducati, con le due 1199 Panigale di Ayrton Badovini e Carlos Checa relegate nelle posizioni di rincalzo. In particolare sembra in crisi nera lo spagnolo, che non riesce neppure a stare davanti alla moto privata di Max Neukirchner.

World Superbike - Silverstone - Qualifica 1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Silverstone
Circuito Silverstone
Piloti Tom Sykes
Articolo di tipo Ultime notizie