Progressi in casa Aprilia, ma per ora non basta

Progressi in casa Aprilia, ma per ora non basta

Guintoli e Laverty si dovranno accontentare di prendere il via dalla seconda fila domani

E' stata una Superpole impegnativa quella che l'Aprilia Racing Team ha affrontato oggi ad Imola, in vista delle gare del Mondiale SBK di domani. Alla fine il risultato è stata una doppia seconda fila, sia per Sylvain Guintoli (quarto tempo), sia per Eugene Laverty (quinto) che non soddisfa completamente i piloti ma che lascia loro aperta ogni possibilità per domani. I due alfieri Aprilia Racing sono protagonisti del mondiale, Guintoli è in testa alla classifica con 213 punti e Laverty (già vincitore di 4 gare) è terzo a quota 174, piazzamenti grazie ai quali Aprilia è leader nel Mondiale Costruttori. Le ambizioni iridate di entrambi li obbligano domani a una doppia gara da protagonisti, ma dovranno vedersela con avversari che oggi sono parsi estremamente agguerriti, a partire da Tom Sykes, sempre più specialista della Superpole e anche oggi autore del miglior tempo. Conforta i piloti Aprilia il buon passa gara messo in mostra anche nelle libere di fine mattina e il perfetto stato di forma della Aprilia RSV4, una moto che fa del perfetto bilanciamento e della adattabilità a tutte le piste le sue armi migliori. Anche oggi, e grazie anche al terzo tempo della Aprilia del Team Althea condotta da Davide Giugliano, sono tre le RSV4 nelle prime due file. Sylvain Guintoli: "Una giornata decisamente migliore rispetto a ieri, abbiamo lavorato tanto sul setup della mia RSV4 cambiando molti parametri e sembra che ora funzioni meglio. Il tempo in Superpole è stato rovinato da un piccolo errore nell’ultimo settore, potevamo stare in prima fila, ma ciò che conta è che ora mi diverto a guidare e se nel warmup di domani riusciremo a trovare qualche altro decimo potrò puntare a due belle gare". Eugene Laverty: "Era da Silverstone dello scorso anno che non partivo dalla prima fila, prima o poi doveva succedere. In realtà abbiamo faticato tutto il weekend, abbiamo ancora bisogno di migliorare per potercela giocare con Rea e Sykes. Sicuramente siamo cresciuti durante le sessioni ma non ho ancora la moto che vorrei per le gare di domani. Il tempo che mi è valso la quinta posizione l’ho fatto con gomma da gara, questo significa che spingendo al massimo e rischiando posso togliere quasi un secondo al mio passo. Purtroppo non lo si può fare per più di due giri".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Eugene Laverty , Sylvain Guintoli
Articolo di tipo Ultime notizie