Checa: "Adesso fisicamente mi sento da 8"

Piano piano il ducatista sta ritrovando la forza e spera di fare progressi a Portimao

Checa:
Il Team SBK Ducati Alstare ed i suoi piloti Carlos Checa ed Ayrton Badovini si preparano a viaggiare verso l’Autódromo Internacional do Algarve a Portimão, in Portogallo per il sesto round del campionato Mondiale Superbike 2013 che si svolgerà in questo weekend. A poco più di una settimana dalla conclusione del quinto round di Donington Park. Sia Checa che Badovini sono entusiasti di tornare sulla pista portoghese, dove si spera di poter godere di buone condizioni meterologiche. Carlos sta continuando gli intensi trattamenti fisioterapici per prepararsi al meglio alle prossime gare. La spalla sinistra sta reagendo bene alle cure e il pilota spagnolo si sta impegnando molto per recuperare la forma fisica. Il campione del mondo 2011 è salito sul podio portoghese più di una volta in passato, sia come vincitore di gara che come secondo classificato; è una pista sulla quale gli è sempre piaciuto combattere. Ayrton, che ha chiuso la prima manche a Donington in undicesima posizione mentre è stato vittima di una caduta nella seconda, si sta concentrando per ottenere due buoni risultati questa domenica. A Portimao il suo miglior piazzamento in Superbike è stato un sesto posto ottenuto nel 2012. Carlos Checa: "Il mio obiettivo è stato quello di recuperare le forze e prepararmi al meglio per le due gare di questo weekend. A Donington forse mi davo 6 su 10 mentre adesso mi sento da 8. Vado in palestra e continuo con la fisioterapia tutti i giorni e sono in contatto con la Clinica Mobile, così continueremo con i trattamenti anche durante il weekend di gara. Sarà da vedere come mi sento dopo la distanza di gara, ma la pista di Portimão dovrebbe essere meno critica per la spalla rispetto a quella di Donington, che è molto fisico come tracciato. Onestamente pensavo di essere in grado di fare la seconda gara a Donington ma ringrazio Francis ed Ernesto per avermi fatto capire che quella di non correre era la decisione giusta, perchè così la spalla ha avuto il tempo di recuperare la sua forza e la sua stabilita; vorrei che fosse un recupero un po’ più veloce, ma capisco che a 40 anni ci vuole probabilmente piu’ tempo. Spero di poter dimenticare presto questa storia e concentrarmi invece sulla mia crescita tecnica con la moto". Ayrton Badovini: "Portimão è un circuito che mi piace molto, non sono mai andato molto veloce in gara, ma nei test invernali si. Mi sento comunque molto fiducioso. Ci dovrebbe essere bel tempo lì a giugno, e tecnicamente non dovrebbe essere una pista così difficile per noi e per la Panigale, anzi forse ci potrebbe dare anche una mano. Diciamo che vado in Portogallo molto motivato e spero che questo weekend possa essere un punto di svolta della stagione".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Carlos Checa , Ayrton Badovini
Articolo di tipo Ultime notizie