Monza, Q2: pista umida, si conferma Fabrizio

condividi
commenti
Monza, Q2: pista umida, si conferma Fabrizio
Di: Matteo Nugnes
05 mag 2012, 10:51

Nessuno migliora i tempi di ieri e nella sessione di stamani si mette in evidenza Laverty

Si è rivelata praticamente inutile la seconda sessione di prove ufficiali del round di Monza del Mondiale Superbike. Con l'asfalto che andava via via asciugando, dopo la pioggia caduta nel corso della notte, nessuno è riuscito a migliorare il tempo che aveva realizzato nella giornata di ieri. La situazione, in vista della Superpole, rimane quindi invariata, con le tre BMW di Michel Fabrizio, Marco Melandri e Leon Haslam a comandare il gruppo e con le Aprilia di Eugene Laverty e Max Biaggi e la Kawasaki di Tom Sykes che sembrano le uniche moto in grado di impensierirle. E proprio l'irlandese della Casa di Noale è stato il più veloce nella sessione di stamani, realizzando un crono di 1'43"571 e precedendo di un soffio Sykes, Biaggi e la Honda di Jonathan Rea, tutti racchiusi in un fazzoletto di appena 94 millesimi. Veniamo quindi ai piloti esclusi dalla Superpole: purtroppo rimangono fuori le due Ducati di Lorenzo Zanetti e Niccolò Canepa, con il primo beffato per appena un decimo da Jakub Smrz, ma anche quella di Maxime Berger. Out pure la Honda ufficiale di Hiroshi Aoyama e la Kawasaki del rookie Sergio Gadea, che fatica ad adattarsi alle derivate di serie, ma ieri ha patito anche dei problemi di natura tecnica.

World SBK - Monza - Qualifica 2

Prossimo articolo WSBK
Monza, Libere 2: svetta Sykes, Biaggi cade

Previous article

Monza, Libere 2: svetta Sykes, Biaggi cade

Next article

Fabrizio: "Ho recuperato la motivazione"

Fabrizio: "Ho recuperato la motivazione"

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Eugene Laverty , Fabrizio Michel
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie