Melandri non fa calcoli: "Parto sempre per vincere"

Marco va a +18,5 in Russia e punzecchia Biaggi per il sorpasso a Laverty: "Non mi piacciono questi mezzucci"

Melandri non fa calcoli:
Quella di ieri è stata una giornata speciale per Marco Melandri. Al Moscow Raceway, in gara 2, è arrivata la sesta vittoria stagionale nel Mondiale Superbike. Tanta roba se si pensa che la BMW, la moto con cui corre, non ne aveva mai vinta neanche una prima del suo arrivo. Ma la cosa più importante è che, complice anche il clamoroso errore di Max Biaggi, protagonista di un incidente che ha coinvolto anche l'incolpevole Leon Haslam, il ravennate si è portato in testa alla classifica iridata con 18,5 punti di vantaggio sul rivale dell'Aprilia. Una sensazione che Marco non provava ormai da un decennio, ovvero dai tempi in cui poi si laureò campione del mondo della 250 proprio per i colori della Casa di Noale. Una situazione che però non cambierà il suo approccio ai weekend di gara, anche ora che ne sono rimasti solamente tre: "La mia tattica sarà partire sempre per vincere, perché se ti metti in testa di amministrare in Superbike è finita. La prossima è in Germania, la BMW corre in casa e lì mi piacerebbe farle un altro bel regalo". Nel finale di gara 1 si era anche assistito all'inversione di posizione delle due Aprilia, con Eugene Laverty che ha ceduto il terzo posto a Max Biaggi. Una cosa che non è piaciuta troppo a Melandri, che non ha fatto mancare la sua frecciatina: "Non mi piacciono questi mezzucci, così sarà più bello vincere".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Max Biaggi , Marco Melandri
Articolo di tipo Ultime notizie