Melandri: "Prima parte di stagione poco semplice"

condividi
commenti
Melandri:
Redazione
Di: Redazione
14 giu 2013, 17:17

Marco traccia un bilancio delle prime gare e spera che quella di Imola possa rappresentare la svolta

Melandri:
La trasferta di Portimao non avrebbe potuto essere più altalenante per Marco Melandri: dopo aver centrato una bellissima vittoria in gara 1, la seconda stagionale, il pilota della BMW ha dovuto fare i conti con una gomma difettosa in gara 2, che lo ha relegato nelle retrovie, facendo salire nuovamente a 57 lunghezze il suo ritardo nei confronti del battistrada Sylvain Guintoli. Per il ravennate è arrivato quindi il momento di provare a tracciare un bilancio di questa prima parte di campionato: "Non è stata una prima parte di stagione semplice, cominciata con l'infortunio di Phillip Island in un momento in cui dovevamo ancora affinare i meccanismi della nuova squadra. Una volta migliorate le nostre prestazioni, alcuni problemi che non potevamo prevedere ci hanno limitato. Ora dobbiamo concentrarci e cercare di far bene in tutte le gare, abbiamo un po' di svantaggio in classifica, ma la gara è ancora lunga" ha detto a WorldSBK.com. Tra due settimane la Superbike sarà di scena ad Imola, un tracciato che nelle ultime due stagioni non ha sorriso particolarmente a Melandri, che però spera che quest'anno possa permettergli di dare la svolta definitiva alla stagione che gli serve per continuare a credere nel titolo. "La pista di Imola mi piace, anche se nelle due stagioni precedenti non sono riuscito ad ottenere i risultati che avrei voluto per diversi motivi. Nei mie primi due anni del Mondiale 125cc invece, nel 1998 e 1999, ero riuscito ad ottenere un secondo posto ed una vittoria. E' un tracciato molto impegnativo, anche perché sono tantissimi i cambi di direzione e si trascorre poco tempo a gas spalancato, forse solo un paio di secondi sul rettilineo. Per far bene serve una moto che sia agile ma allo stesso tempo stabile in frenata e c'è bisogno di qualificarsi bene, perché le opportunità di sorpasso non sono molte e la linea ideale è fondamentalmente una sola" ha concluso.
Prossimo articolo WSBK
La Kawasaki raccoglie buone indicazioni ad Aragon

Previous article

La Kawasaki raccoglie buone indicazioni ad Aragon

Next article

La Ducati "respira" senza Air Restrictor da Imola

La Ducati "respira" senza Air Restrictor da Imola

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Marco Melandri
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie