Magny-Cours, Libere 1: bella zampata di Fabrizio

Magny-Cours, Libere 1: bella zampata di Fabrizio

Sul bagnato il pilota romano ha portato la Honda davanti a tutti. Seguono Guintoli e Davies, indietro gli altri big

Il weekend di Magny-Cours si è aperto con una gradita sorpresa. Sfruttando la pista bagnata, che però andava via via asciugando, Michel Fabrizio ha piazzato la sua prima zampata da quando è salito in sella alla Honda ufficiale lasciata libera dall'infortunato Jonathan Rea. Il pilota romano e la sua Honda CBR1000RR sono stati il binomio più attivo in pista con ben 19 tornate e alla fine questa costanza lo ha premiato, permettendogli di essere l'unico capace di scendere sotto al muro dell'1'43" con un crono di 1'42"938. Alle sue spalle, distanziato di ben sette decimi, troviamo i padrone di casa Sylvain Guintoli, che con la sua Aprilia sembra intenzionato a provare a riaprire i giochi in campionato, colmando almeno parte dei 24 punti che lo separano da Tom Sykes, che è stato molto prudente con la sua Kawasaki, chiudendo solo 15esimo a 5". Lo stesso discorso vale anche per Eugene Laverty e Marco Melandri: il pilota dell'Aprilia ha fatto leggermente meglio, chiudendo nono a circa 2", mentre quello della BMW è addirittura 18esimo a 10". Più in palla il suo compagno di squadra Chaz Davies, che ha piazzato l'altra S1000RR al terzo posto, precedendo di pochi millesimi la Ducati di Ayrton Badovini. La top five si completa poi con la Suzuki di Jules Cluzel, che ha messo in fila Leon Haslam e poi i due esordienti Vincent Philippe e Michele Pirro. Dopo la bella prova di Laguna Seca, ha iniziato un po' in sordina anche Davide Giugliano, che non è andato oltre al decimo tempo con la sua Aprilia.

World Superbike - Magny-Cours - Libere 1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Fabrizio Michel
Articolo di tipo Ultime notizie