La premiazione dei campioni manda in archivio il 2012

La premiazione dei campioni manda in archivio il 2012

Onori per i primi tre di tutte le classi, ma anche per i re delle pole e dei giri veloci

A poche ore dal termine delle attività in pista, la stagione 2012 si è conclusa con la consegna dei premi FIM, che quest'anno si è svolta presso l'auditorium del circuito di Magny-Cours. Dopo il discorso introduttivo di Paolo Flammini (CEO di Infront Motor Sports) e di Stephane Desprez (CEO della FIM), i primi tre piloti classificati delle cinque categorie - Superbike, Supersport, Superstock 1000 e 600, European Junior Cup - sono stati chiamati sul palco per ricevere medaglie d'oro, argento e bronzo, diploma FIM, premi Pirelli e Tissot ed ovviamente i trofei di fine stagione per i vincitori. I premi sono stati consegnati da Rezsö Bulcsu (Responsabile della Commissione FIM Road-Racing), Stephane Desprez, Paolo Flammini, Paolo Ciabatti (SBK Director), Jean-Marc Desnues (Vice Presidente UEM), Igor Eskinja (Presidente della Giuria) e Claudio Calabresi (Executive Vice President Wholesale presso eni). Max Biaggi, Tom Sykes e Bernhard Gobmeier (in rappresentanza di Marco Melandri) per la Superbike, Kenan Sofuoglu, Jules Cluzel e Sam Lowes per la Supersport, Sylvain Barrier, Eddi La Marra e Jeremy Guarnoni per la Superstock 1000 e Michael van der Mark, Riccardo Russo e Gauthier Duwelz per la Superstock 600, oltre a Lukas Wimmer, Gaston Garcia e Javier Orellana per la EJC, sono saliti sul palco per i rispettivi award, mentre a ritirare i trofei per i titoli costruttori c'erano Luigi Dall'Igna (Direttore Tecnico e Sportivo di Aprilia Racing), Carlo Fiorani (Racing Operations Manager di Honda Motor Racing Europe) e Fabien Raulo (Coordinatore Racing di Kawasaki), con Dall'Igna che ha ricevuto inoltre lo speciale premio di eni riservato alla casa costruttrice vincitrice in Superbike, direttamente dalle mani di Claudio Calabresi. A Carlos Checa e Jules Cluzel sono andati i Pirelli "Best Lap Award", consegnati da Giorgio Barbier (Racing Director) e Ilaria Casarini (Marketing Manager), riservati ai piloti Superbike e Supersport che hanno fatto segnare il maggior numero di giri veloci nel corso della stagione, mentre i Tissot Superbike e Supersport Superpole Awards, finiti a Sykes e Cluzel, sono passati dalle mani di Matt George. Tissot ha inoltre riservato due speciali Media Award, consegnati da Paolo Ciabatti al giornalista italiano Paolo Gozzi ed al fotografo britannico Kel Edge come riconoscimento al brillante lavoro da loro svolto negli ultimi 25 anni, nei quali sono stati presenti praticamente a tutti i round World Superbike.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Articolo di tipo Ultime notizie