Rea concede il bis: doppietta in Thailandia!

condividi
commenti
Rea concede il bis: doppietta in Thailandia!
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
22 mar 2015, 11:01

Il centauro della Kawasaki ha replicato la strategia di Gara 1 e ha dominato la corsa. Secondo Haslam

Anche Gara 2, così come la prima manche di competizione della Superbike a Buriram, è stata senza storia. Jonathan Rea non ha fatto prigionieri e ha letteralmente dominato il fine settimana thailandese sul Chang International Circuit, centrando una favolosa doppietta e abbozzando un principio di fuga nella classifica mondiale dedicata ai piloti.

Il centauro della Kawasaki, scattato dalla pole anche in Gara 2, è stato autore di una partenza perfetta. Il reso lo ha fatto il suo passo gara, consentendogli di andare in fuga sin dai primi chilometri e risultare imprendibile per il prosieguo della gara. Solo Leon Haslam ha tentato di mettere in discussione un successo annunciato, ma Rea ha risposto alla grande a suon di giri veloci, smorzando l'attacco del connazionale sul nascere. 

Questo è stato un grande fine settimana per il team ufficiale Kawasaki: prima la pole del sabato, poi il successo e il terzo posto in Gara 1 con Rea e Sykes, infine ecco la bella doppietta del britannico, che ha così colto il terzo successo in sole quattro gare in sella alla Ninja. L'ultimo posto sul podio è stato colto da Alex Lowes (Suzuki), che però non è riuscito a resistere all'attacco portato da Leon Haslam (Aprilia) all'ottavo giro.

Jordi Torres e Tom Sykes sono stati autori del duello più duraturo e coinvolgente di Gara 2, durato da metà gara sino al traguardo. A transitare per primo sotto la bandiera a scacchi è stato l'alfiere dell'Aprilia, che ha passato Sykes all'ultimo passaggio dopo averlo studiato a lungo. Da segnalare il sesto posto sel campione del mondo in carica, Sylvain Guintoli. Il francese è partito dal fondo dello schieramento a causa di un problema tecnico che lo ha attardato nel giro di formazione, rendendolo però protagonista di una rimonta d'altri tempi.

Guintoli, dopo appena un giro, è infatti transitato in tredicesima posizione, mentre a metà gara era già alle spalle del compagno di squadra Michael van der Mark. La lotta tra i due per la sesta piazza è stata avvincente ed è culminata a poche curve dalla fine. Van der Mark è riuscito a tenersi alle spalle Guintoli, ma con una manovra irregolare (passando il francese in una via di fuga asfaltata) ed è stato penalizzato di una posizione.

Ottavo posto per il primo pilota Ducati, il nostro Matteo Baiocco, che ha preceduto David Salom e Leandro Mercado. Troy Bayliss ha chiuso all'undicesimo posto, appena fuori dalla Top Ten, a causa di un comprensibile calo fisico, ma autore in Gara 1 di un buon ottavo posto. L'australiano è stato il migliore dei piloti del team ufficiale Ducati. Anche in Gara 2, infatti, Chaz Davies è caduto (al quinto giro) proprio mentre tentava di tenere il passo dei primi tre della classifica. Un magro bottino per l'Aruba-Ducati team, ma la casa di Borgo Panigale può consolarsi con le buone prestazioni di Baiocco.  

Prossimo articolo WSBK

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Leon Haslam, Jonathan Rea, Alex Lowes
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie