Domenica si è spento Alberto Fantini

condividi
commenti
Domenica si è spento Alberto Fantini
Redazione
Di: Redazione
06 ott 2010, 09:26

L'ex Direttore di Gara della Superbike lottava con un brutto male da tempo

Nato e vissuto in provincia di Rimini, Alberto Fantini si è spento all'età di 65 anni (era nato il 25 giugno del 1945) domenica 3 ottobre alle ore 15, proprio quando a Magny-Cours tutto era pronto per l'ultima gara del Mondiale Superbike 2010. La notizia è giunta improvvisa ed inaspettata per molti che non erano al corrente del decorso della grave malattia che aveva colpito Alberto: la Sala Stampa, gremitissima, è stata informata della triste notizia con un semplice e breve ricordo dello scomparso, poi un lunghissimo applauso lo ha salutato. Queste le parole di una grande firma del giornalismo motoristico mondiale, Ala Cathcart, presente a Magny-Cours, che visibilmente scosso dalla notizia, ha così commentato: "Alberto Fantini ha scritto una lunga pagina di storia del Campionato Mondiale Superbike". Alberto Fantini è stato uno dei più importanti collaboratori prima di Maurizio e poi Paolo Flammini, ai quali era legato da rapporti di stima e amicizia sincera: per lunghi anni Direttore di Gara del Campionato Mondiale Superbike, aveva stabilito sempre con team e piloti un solido vincolo di corretta collaborazione, elemento essenziale per la crescita del Campionato stesso. Maurizio Flammini lo ricorda così: "Dal lontano 1983 in cui Alberto è entrato a far parte della nostra organizzazione , è stato il Paladino della correttezza sportiva, il garante della sicurezza dei piloti e l'irreprensibile organizzatore del sistema sportivo, e per oltre 25 anni uno dei più fedeli compagni di viaggio del nostro Team che grazie anche a lui è divenuto famoso nel mondo. Con il suo linguaggio Riminese, ha parlato e convinto amici e non, in cinque continenti: dall'Africa all'Australia, dal Messico alla Nuova Zelanda, dalla Malesia al Giappone. Con la sua capacità, ha conquistato i circuiti di tutto il mondo, lasciando un segno indelebile di professionalità e di umanità". Paolo Flammini: "Alberto ha collaborato con grande passione mai disgiunta da una eccezionale professionalità: fra le cose, tante, che ricordo di lui la inflessibilità delle sue decisioni, a volte umanamente difficili, ma sempre improntate al rispetto più assoluto dei regolamenti. Così come richiedeva il suo ruolo".
Prossimo articolo WSBK
Haslam soddisfatto della prima uscita con la BMW

Previous article

Haslam soddisfatto della prima uscita con la BMW

Next article

La pioggia condiziona i primi test in ottica 2011

La pioggia condiziona i primi test in ottica 2011

Su questo articolo

Serie WSBK
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie