Checa: "La 1199 Panigale è una moto estrema"

Lo spagnolo spiega che anche i concetti di guida sono diversi, ma è soddisfatto dei progressi

Checa:
Il team Althea Racing e lo staff di sviluppo della Ducati si sono dichiarati soddisfatti dei progressi compiuti dai piloti Carlos Checa e Davide Giugliano in sella alla nuova 1199 Panigale nel corso dei tre giorni di test che si sono conclusi ieri sul circuito spagnolo del Motorland Aragon. I portacolori Althea sono scesi in pista lunedì mattina e insieme ai loro tecnici ed al team di sviluppo Ducati, hanno proseguito con il lavoro di messa a punto delle loro nuove 1199 Panigale iniziato due settimane fa a Misano. Il primo giorno è stato condizionato dal vento forte che ha reso la situazione difficile per tutti i piloti in pista. Nonostante le condizioni meteo Carlos, che ha compiuto 40 anni lo stesso giorno, ha fatto registrare dei tempi interessanti, mentre Davide si è concentrato sulla prova di qualche nuovo componente. Durante i due giorni successivi (in condizioni di pista asciutta e con meno vento), Checa e Giugliano hanno continuato a girare con le nuove gomme da 17”, acquisendo maggior confidenza con le loro moto ad ogni uscita. Davide è stato anche autore di una innocua scivolata martedì, ma fortunatamente non ci sono state conseguenze fisiche ed ha potuto tornare subito in pista. Oltre alle nuove coperture, la squadra ha provato vari nuovi componenti che riguardano le sospensioni, i setting e le forcelle. Facendo una serie di cambiamenti durante i tre giorni a disposizione, questi test hanno dato alla squadra la possibilità di comprendere meglio come reagisce la moto e di identificare quale sia la strada più giusta da seguire. A questo punto dello sviluppo è molto importante che i piloti capiscano bene la moto e che la moto venga poi adattata alle esigenze ed allo stile di guida individuale di ogni pilota. In pista insieme ad altri team SBK, i tecnici Ducati hanno per la prima volta potuto valutare le prestazioni della 1199 Panigale in confronto ai suoi rivali e si sono dichiarati soddisfatti del lavoro svolto fino ad ora, anche se c’è ancora del lavoro da svolgere nei prossimi mesi. Le prove invernali continueranno il prossimo mese a Jerez in Spagna. Carlos Checa: "L’impressione è positiva. Siamo ancora un po’ distanti dal punto di vista dei tempi, ma siamo qui per lavorare sulla nuova moto e provare delle cose per capire cosa ci manca e cosa ci serve per andare più forte. E’ il solito lavoro di sviluppo. La 1199 Panigale è una moto estrema e anche il concetto di guida è un po’ diverso. La strada è appena iniziata, siamo solo alla prima fase e c’è molto lavoro da fare. Le gomme da 17” lavorano bene una volta che l’asfalto si scalda e le condizioni della pista ci hanno permesso di percorrere molti giri sia martedì che mercoledì, i dati raccolti saranno molto utili per andare avanti". Davide Giugliano: "Abbiamo provato tante cose diverse in questi giorni e sto lavorando duro per trovare il giusto feeling con la nuova moto. La pista di Aragon è molto diversa rispetto a quella di Misano, dove abbiamo fatto gli ultimi test, e faccio un po’ piu’ di fatica proprio per quanto riguarda queste differenze. Direi che possiamo essere soddisfatti di quello che abbiamo fatto qui, ed abbiamo una buona base per progredire".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Carlos Checa , Davide Giugliano
Articolo di tipo Ultime notizie