Biaggi: "Checa-Ducati ancora il binomio da battere"

Il "Corsaro" però è felice di come è andata a Phillip Island e del rapporto instaurato con la nuova squadra

Biaggi:
Dopo un 2011 sofferto, Max Biaggi è chiamato ad un pronto riscatto nel Mondiale Superbike. A giudicare da come sono andate le cose a Phillip Island, chi vuole ambire alla corona di campione quest'anno dovrà fare decisamente i conti con il pilota dell'Aprilia, che ha aperto la sua stagione con una vittoria ed un secondo posto. Questo maturato però al termine di una rimonta entusiasmante, visto che al termine del primo giro il "Corsaro" si trovava in ultima a piazza a causa di un errore commesso alla prima curva. Una volta rientrato in Italia, Max ha concesso un'intervista esclusiva al sito ufficiale del Mondiale Superbike, nella quale ha parlato delle sensazioni dopo questa prima uscita, ma anche dell'ottimo rapporto che si è immediatamente instaurato con la sua nuova squadra. Di seguito, ve la riproponiamo integralmente: Innanzitutto, che weekend! Vittoria in gara 1, strepitosa rimonta nella seconda: "Il Corsaro è tornato"! Doveva essere questo il messaggio rivolto agli avversari? "Quando ripenso al weekend australiano mi viene la pelle d'oca... è stato emotivamente grandioso. E poi era la prima gara dell'anno... è un bel bigliettino da visita". Entrando più nello specifico, cos'è successo alla partenza di gara 2? Ma soprattutto, quando hai realizzato che era possibile dar vita ad una simile rimonta? "In gara 2 ho avuto un contatto alla prima curva con il mio amico Tom (Sykes, ndr), ho avuto la peggio e mi sono trovato in ultimissima posizione, ma non mi sono scoraggiato e ho tentato di recuperare a testa bassa. Dopo un gara interminabile se penso che ho concluso secondo, stento ancora a crederci...". Sappiamo che è stato un inverno difficile per i ben noti cambiamenti all'interno del tuo box. Ti aspettavi un feeling così immediato con il nuovo staff e con questi risultati sotto gli occhi di tutti? "Ho passato l'inverno più duro della mia vita agonistica. La mia ex squadra ha deciso di passare alla MotoGp lasciando di fatto me e l'Aprilia. Questo è stato un bel colpo perché ci siamo trovati a dicembre con un team da rifare da zero. Ci sono rimasto molto male, è vero, ma capisco che in questo sport determinate motivazioni inducano ad una scelta. La risposta più bella è stata la pista. Con il team rinnovato e l'entusiasmo che ci hanno dato i nuovi membri e insieme alla mia RSV4 abbiamo messo il sigillo in Australia. Sono felice di aver trovato ragazzi motivati che sono pronti a lottare insieme a me per migliorare sempre". Per varie vicissitudini in Australia è mancato, se non per qualche giro di gara 1, il confronto diretto con Carlos Checa. Ritieni sia sempre lui il principale avversario nella corsa al titolo mondiale? "Le gare sono state molto avvincenti e ritengo che Checa-Ducati sia ancora il binomio da battere. Hanno un gran potenziale e lo si è visto in gara 2, quindi.. occhio!". Tra poco meno di un mese si corre ad Imola. Ripensando al trionfo mondiale del 2010 e allo straordinario weekend di Phillip Island, cosa puoi promettere ai tuoi tifosi? "Appuntamento importante a Imola. Pista non amata, ma dai ricordi memorabili. I miei tifosi ci saranno carichi piu che mai e possono star certi che io darò il meglio di me. E' una pista ostica per noi ma l'imperativo in questo 2012 è stupire! Aspettiamoci qualsiasi cosa...".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Max Biaggi
Articolo di tipo Ultime notizie