Dosoli: "Orgoglioso di far parte del progetto BMW"

Secondo il manager italiano la Casa bavarese ha tutto per fare bene nel Mondiale Superbike

Dosoli:
Entrato a far parte del mondo Superbike nel 2011 con ottimi risultati nel ruolo di Team Manager della squadra ufficiale Yamaha, Andrea Dosoli si presenta in questo 2012 come Capo delle Operazioni in pista per il Team BMW Motorrad Motorsport. Il 39enne lombardo ha iniziato a ricoprire la posizione di responsabile della squadra tedesca, per i vari round in calendario e nei test in programma, dall'inizio di questo 2012. Ecco una breve intervista al manager italiano, apparsa oggi sul sito ufficiale della Casa bavarese: Qual è la cosa che ti attrae maggiormente dell'essere Capo delle Operazioni in Pista per BMW Motorrad Motorsport? "Questo progetto è al momento il più interessante ed avvincente nelle corse di stampo motociclistico, perché riesco ad intravvedere il potenziale per poter vincere, per diventare una squadra di successo. Abbiamo una grande azienda alle nostre spalle, abbiamo la possibilità di lavorare con piloti di esperienza e dotati di enorme talento e stiamo diventando una squadra davvero competitiva. Il far parte di questo progetto è qualcosa che mi rende davvero orgoglioso ed è la ragione per cui sono qui. Penso che lavorando tutti assieme, passo dopo passo, possiamo ottenere risultati conformi alle aspettative. Il fatto di rappresentare una società come BMW ha reso tutti molto motivati, ma allo stesso tempo ti ricopre di grandi responsabilità. Se tutto ciò dovesse accadere, i risultati arriverebbero di conseguenza. E' bello indossare la casacca con il logo BMW, ma quando lo fai sai che il tuo ruolo è quello di rappresentare l'azienda a livello mondiale. Quindi si tratta di un'enorme responsabilità. Tutti devono rendersi conto di questo e solo così si potrà mettere in campo l'impegno necessario per risultare vincenti. Sono fiero di occupare una delle posizioni chiave di questo progetto". Quali sono state le impressioni avute fino ad ora riguardo alla squadra? "Abbiamo un gran potenziale in diverse aree, ma manca il collante per mettere assieme tutte queste risorse. Per questo voglio fare in modo di rendere tutto più unito, al fine di utilizzare al meglio questo potenziale. So che non sarà un lavoro facile ma, giorno dopo giorno, se riusciamo a mantenere alta la motivazione, possiamo riuscirci. Per ottenere buoni risultati nel motorsport bisogna essere competitivi in tutte le aree, basta che una sola sia debole per mandare all'aria tutto il progetto. Quindi dobbiamo crescere come squadra, come gruppo, ed utilizzare il nostro potenziale per migliorare nelle aree al momento critiche". Come descriveresti i tuoi compiti principali? "Voglio essere il collante tra i vari comparti del team e voglio lavorare per migliorare la squadra costantemente. Potrebbe capitare un problema in pista da risolvere, in quel caso tutti devono dare il loro aiuto per mettere a posto la situazione. Solo con la coesione si ottengono i risultati ed ogni membro della squadra deve guardare oltre quelle che sono le sue responsabilità". Come ti descriveresti in tre parole? "Onesto, serio e motivato". Quali sono i tre desideri che vorresti vedere realizzati nella stagione 2012? "Il primo desiderio sarebbe quello che tutti noi, ogni sera, andassimo a letto fieri del lavoro svolto nella giornata e sapendo di aver dato il massimo. Vorrei che tutti si sentissero fieri di far parte di questo progetto. Dopodiché vorrei dare a BMW ed ai piloti la prima vittoria del team. Il mio terzo desiderio è quello che la vittoria di gara rappresenti soltanto il primo passo verso obiettivi ancora più ambiziosi per il futuro. Per questo voglio un team forte, capace di giungere a questi importanti traguardi".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Articolo di tipo Ultime notizie