Guintoli tira un sospiro di sollievo: non ci sono fratture

Guintoli tira un sospiro di sollievo: non ci sono fratture

Il francese si è sottoposto a degli accertamenti che hanno scongiurato problemi: dovrebbe essere ok in Australia

Sylvain Guintoli può tirare un sospiro di sollievo: nella giornata di ieri il pilota francese si è sottoposto a degli accertamenti in seguito alla brutta caduta di cui era stato vittima lunedì mattina a Jerez de la Frontera e fortunatamente questi non hanno evidenziato fratture.

Il campione del mondo in carica, passato dall'Aprilia alla Honda, ha rimediato una forte contusione alla caviglia destra ed uno stiramento del rachide cervicale e anche gli esami più approdonditi hanno confermato questa diagnosi.

Il 32enne ha quindi già iniziato il percorso di raibilitazione, che prevede anche l'utilizzo della camera iperbarica per le sessioni di fisioterapia. "Guinters" quindi spera di potersi presentare regolarmente al via in Australia senza particolari problemi.

"La schiena mi fa ancora piuttosto male, ma posso iniziare ad appoggiare il peso sulla caviglia, inoltre sono felice perché non ci sono fratture. Ho iniziato i trattamenti e anche se ci vorrà un po' di tempo per ristabilirmi, sono fiducioso di arrivare in forma alla prima gara della stagione a Phillip Island" ha detto Sylvain.

"E' stato frustrante saltare tutto il test di Jerez, soprattutto perché le condizioni meteo erano davvero buone. Ma abbiamo a disposizione altri due giorni di test in Australia prima della gara inaugurale, inoltre ho seguito da vicino il lavoro che è stato fatto sulla CBR durante l'inverno, quindi sono impaziente di disputare la prima gara" ha concluso.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Sylvain Guintoli
Articolo di tipo Ultime notizie