Sykes e Rea molto soddisfatti dopo i test di Jerez

condividi
commenti
Sykes e Rea molto soddisfatti dopo i test di Jerez
Redazione
Di: Redazione
29 gen 2015, 11:38

La Kawasaki ZX-10R 2015 si è dimostrata decisamente competitiva sia sul passo gara che nel time attack

I piloti del Kawasaki Racing Team, Tom Sykes e Jonathan Rea, hanno fatto buon uso dell’ultimo test europeo del pre-stagione, svoltosi questa settimana al Circuito di Jerez. Grazie a condizioni meteo praticamente perfette, gli alfieri della squadra di riferimento del costruttore giapponese hanno girato con costanza sul tracciato andaluso, per portare avanti il lavoro di sviluppo della ZX-10R anche alla luce dei numerosi cambi regolamentari introdotti quest'anno nel Mondiale Superbike.

Con 171 e 150 tornate completate a testa e dopo aver fatto segnare rispettivamente, con gomma da qualifica, i crono di 1'39"694 e 1'39"745, Sykes e Rea si sono detti soddisfatti e pronti per la trasferta australiana.

Tom Sykes: "La due giorni di test è andata molto bene e siamo riusciti a lavorare su diversi ambiti, trovando un set-up che si può quasi considerare quello di base per la stagione. Sono molto felice, soprattutto perché abbiamo trovato del potenziale importante soprattutto con le gomme da gara, mentre nel finale abbiamo fatto anche un giro veloce con quelle da qualifica per avere un’idea più chiara del lavoro svolto. Gli ultimi giri li ho fatti senza pressioni addosso, non mi aspettavo molto, a differenza di altri piloti che hanno usato più di una gomma da tempo, forse anche tre. Andremo a Phillip Island con il morale alto, siamo concentrati sui nostri obiettivi e sotto il sole australiano spero che riusciremo a fare qualche ulteriore modifica per trovare la perfetta messa a punto. Questi due giorni di asciutto erano molto importanti e siamo riusciti a fare molti giri. Il meteo ci ha aiutati".

Jonathan Rea: "È stato un test davvero soddisfacente, soprattutto perché finalmente il meteo è stato dalla nostra parte. Ho provato numerose soluzioni, soprattutto a livello di geometrie e di bilanciamento. Non abbiamo trovato delle grosse differenze a livello di tempi sul giro, anche cambiando completamente la moto. Questa è la dimostrazione che la moto funziona bene in molte configurazioni. Abbiamo fatto dei grandi passi in avanti con la gestione del motore e dell’elettronica nel pomeriggio della seconda giornata e la differenza si è notata anche livello cronometrico. Questo mi ha reso davvero felice. Sono riuscito a fare una simulazione di gara e ora ho un’idea del comportamento della moto anche dopo il calo di aderenza. Credo che abbiamo ciò che serve per continuare il nostro lavoro e farci trovare pronti a Phillip Island. A fine giornata abbiamo provato una gomma da qualifica e tutto è andato per il meglio. È stato un test impegnativo ma molto positivo".

Prossimo articolo WSBK
Guintoli tira un sospiro di sollievo: non ci sono fratture

Previous article

Guintoli tira un sospiro di sollievo: non ci sono fratture

Next article

Barrier: "Dobbiamo avvicinarci ai piloti più veloci"

Barrier: "Dobbiamo avvicinarci ai piloti più veloci"

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Tom Sykes , Jonathan Rea
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie