Canepa: "Il legamento della caviglia era rotto"

L'infortunio del pilota della EBR è peggiore del previsto, ma non vuole rinunciare alla Thailandia

Canepa:

Niccolò Canepa è stato costretto a saltare la seconda gara del weekend di Phillip Island, che ha aperto il Mondiale Superbike. Il dolore alla caviglia sinistra era troppo per tornare in sella alla sua EBR 1190RX ed effettivamente gli esami fatti al rientro in Italia hanno evidenziato che l'infortunio era peggiore del previsto. Tuttavia, Niccolò è intenzionato a non saltare la trasferta in Thailandia della settimana prossima.

"Alla fine, il legamento della caviglia era rotto. Sto cercando di recuperare piano piano, ma comunque la gamba mi fa ancora male perché la botta è stata forte. A parte il legamento rotto non c’è nient’altro, il dolore comunque è notevole. Il problema maggiore per ora è l'impossibilità di allenarmi, in quanto non posso né correre né andare in bicicletta ed in Thailandia, viste le temperature che incontreremo, dovrò comunque farmi trovare pronto a livello fisico. Non credo che avrò problemi a guidare la moto, in ogni caso, e non è una tragedia" ha raccontato Niccolò a WorldSBK.com.

Il genovese comunque non perde l'ottimismo, soprattutto quando finalmente si arriverà a correre su tracciati più guidati: "Resto comunque molto fiducioso per la prossima trasferta, in quanto io sono sempre andato bene in passato sulle piste nuove. Se non ci sono rettilinei eccessivamente lunghi credo davvero che potremo far bene quest’anno ed in quelle piste come Jerez, Assen, Misano ed Imola penso che potremo puntare a dei buoni piazzamenti".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Niccolo Canepa
Articolo di tipo Ultime notizie