Magny-Cours, Libere 4: Tom Sykes cade ma svetta

Magny-Cours, Libere 4: Tom Sykes cade ma svetta

Grande colpo di scena tra le EVO, con il leader David Salom che si infortuna al polso destro

Nonostante una scivolata banale, che però ha provocato anche l'esposizione della bandiera rossa, Tom Sykes ha messo la sua Kawasaki in cima alla lista dei tempi nel quarto turno del prove libere. Per la prima volta il leader del Mondiale si è issato in vetta con un crono di 1'37"577, precedendo di poco le due Aprilia RSV4 ufficiali di Marco Melandri e Sylvain Guintoli.

Quarto tempo per la Honda di Jonathan Rea, che ha chiuso distanziato di 373 millesimi. Alle sue spalle, più indietro davvero di un soffio troviamo la Ducati di Davide Giugliano, con il pilota italiano che è stato anche vittima di un episodio piuttosto curioso, venendo colpito sull'anca da un pezzo che si è staccato dalla sua 1199 Panigale.

Il primo sopra alla barriera dell'1'38" è Eugene Laverty, autore del sesto tempo con la sua Suzuki, davanti ad un Loris Baz che continua ad avere delle difficoltà importanti e paga oltre sei decimi dalla Kawasaki del compagno di squadra. La top ten poi si completa con il terzetto composto da Toni Elias, Chaz Davies ed Alex Lowes, che sono anche gli ultimi ad aver pagato meno di un secondo.

Grande colpo di scena tra le EVO, con un incidente curioso capitato al leader David Salom: lo spagnolo ha subito una forte sbacchettata della sua Kawasaki e si è fatto male al polso destro, quello a cui era già stato operato durante la pausa estiva. Le cose quindi potrebbero ancora diventare favorevoli per i suoi inseguitori Sylvain Barrier e Niccolò Canepa, i più veloci del raggruppamento nella FP4, che sperano di tenere i giochi aperti fino alla notturna del Qatar. Da segnalare, infine, la caduta di Alessandro Andreozzi.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Tom Sykes , Sylvain Guintoli , David Salom
Articolo di tipo Ultime notizie