Donington, Libere 2: Giugliano porta davanti la Ducati

Donington, Libere 2: Giugliano porta davanti la Ducati

Grande salto avanti dell'italiano, che precede Baz e Lowes. Melandri è solo 11esimo: Superpole 2 a rischio

Dopo aver faticato nel turno di questa mattina, Davide Giugliano ha guidato la riscossa della Ducati nella seconda sessione di prove libere del round di Donington Park del Mondiale Superbike, realizzando il miglior crono assoluto di giornata in 1'28"082. Il pilota italiano ha predecuto di poco meno di un decimo un Loris Baz decisamente tirato a lucido, che per ora sembra essere riuscito a trovare un feeling con la sua Kawasaki migliore rispetto a quello del caposquadra Tom Sykes: il campione del mondo in carica, lo scorso anno autore di una doppietta qui, è infatti quarto a 262 millesimi. Tra le due ZX-10R si è inserita la Suzuki di Alex Lowes: il campione in carica del British Superbike si è confermato molto a suo agio su questa pista ed è riuscito a piazzarsi terzo nonostante sia stato anche vittima di una scivolata senza particolari conseguenze dal punto di vista fisico. Si affaccia nella top five anche l'Aprilia RSV4 di Sylvain Guintoli, che occupa la quinta posizione davanti all'altra GSX-R1000 di Eugene Laverty, mentre sembra aver fatto un passo indietro il leader della classifica iridata Jonathan Rea: il pilota della Honda si è dovuto accontentare del settimo tempo, girando appena 2 millesimi più veloce della CBR1000RR gemella di Leon Haslam, che solitamente incappa in distacchi più consistenti. Proseguono le difficoltà di Chaz Davies, che con la seconda Ducati si è visto rifilare quasi un secondo dal compagno di squadra, chiudendo nono, giusto davanti all'altra 1199 Panigale di Niccolò Canepa, che ha guidato ancora la schiera delle EVO nonostante abbia accusato anche qualche problemino tecnico nei primi minuti del turno. Il più in crisi di tutti però sembra essere Marco Melandri, che è addirittura 11esimo ad 1"3 con la sua Aprilia RSV4. Il ravennate, dunque, si dovrà dare parecchio da fare nel turno di oggi pomeriggio se vorrà entrare direttamente in Superpole 2. Va detto però che sul resto del gruppo, capitanato dalla Bimota BB3 di Ayrton Badovini, ha circa sei decimi di margine. 18esimo tempo poi per la Kawasaki EVO di Alessandro Andreozzi, mentre è senza tempi Claudio Corti, la cui MV Agusta F4 RR è stata fermata da un problema tecnico. Stessa sorte capitata anche alla Kawasaki di Sheridan Morais. Da segnalare poi anche la caduta di Jeremy Guarnoni, che ha portato anche ad una breve esposizione della bandiera rossa.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Donington Park
Circuito Donington Park
Piloti Davide Giugliano
Articolo di tipo Ultime notizie