Van der Mark: “Peccato aver perso il podio ma siamo competitivi”

Il pilota olandese ad un soffio da un risultato di prestigio dopo una grande gara. Alex Lowes non aveva il passo per bissare il podio di sabato.

Van der Mark: “Peccato aver perso il podio ma siamo competitivi”
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha fans
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Tom Sykes, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Alex Lowes, Pata Yamaha

La Yamaha esce da Donington con la soddisfazione di aver centrato il primo podio stagionale grazie a Lowes in gara 1 ma con all’attivo anche l’ottima prestazione di Michael van der Mark, che nella gara della domenica è andato veramente ad un passo dal ripetere l’impresa del compagno di squadra. In generale una prova sostanziosa, con una dimostrazione importante che certifica che la Yamaha sta lavorando bene per cercare di colmare il più possibile il gap con Kawasaki e Ducati.

Se da Lowes ci si aspettava qualcosa di importante, visto che si trattava di una pista che conosce come le sue tasche, il risultato di van der Mark non era proprio nei pronostici. “La mia partenza non è stata perfetta – ammette van der Mark – e a Donington, specialmente alla prima curva, è molto importante essere davanti. Sono partito però deciso all’attacco, e al secondo giro ho passato Haslam alla Melbourne, quindi Mercado all’ultima curva. Ho continuato a spingere ma ho visto subito che era impossibile pensare di tenere il ritmo di Rea e ho badato unicamente a fare la mia gara”.

L’olandese è soddisfatto della sua prova ma resta il rammarico per un podio sfumato al penultimo giro. “Rispetto a ieri sono andato decisamente più forte e ho pensato che potevo farcela visto che avevo un discreto vantaggio – continua Michael -. Poi Davies è venuto su molto forte e ha chiuso il gap".

"Al penultimo giro mi ha passato, ho provato a replicare ma lui ha chiuso molto bene. Peccato aver perso il podio ma ho dato veramente tutto. Questa gara mi è servita per capire dove dobbiamo migliorare, soprattutto nelle curve più lente, dove Chaz era decisamente più forte. Dobbiamo lavorare su questo aspetto in prospettiva Misano, dove sono convinto saremo ugualmente competitivi”.

Lowes meno soddisfatto ma 5°

Meno soddisfatto Alex Lowes, che questa volta non è riuscito nella grande rimonta, portando a casa comunque un positivo quinto posto. “La gara di oggi non è stata così divertente come quella di ieri, con tutti quei sorpassi e il podio! Oggi non sono partito bene e nei primi due giri sono rimasto intruppato. Passare poi Mercado è stato una battaglia. Ci ho provato un paio di volte ma sono andato largo. Quando ci sono riuscito il divario da Michael era diventato difficile da recuperare anche perché facevo fatica ad aumentare il ritmo”.

Il pilota inglese non ha poi avuto armi per resistere a Davies. “Quando mi è arrivato addosso non ho potuto fare nulla perché era decisamente più veloce di me ammette -. A quel punto ho pensato solo a fare la mia gara e portare a casa più punti possibili: mi sarebbe piaciuto lottare per il podio anche oggi ma non c’erano le condizioni. E’ stato comunque un weekend positivo e voglio ringraziare tutti i tifosi che sono venuti a sostenermi, è stato davvero emozionante correre davanti a loro”.

condividi
commenti
Savadori: “La moto faceva un rumore strano e mi sono fermato”

Articolo precedente

Savadori: “La moto faceva un rumore strano e mi sono fermato”

Articolo successivo

L'ultimo saluto a Nicky Hayden nella sua Owensboro

L'ultimo saluto a Nicky Hayden nella sua Owensboro
Carica i commenti