Ufficiale: Tom Sykes lascerà la Kawasaki al termine del Mondiale Superbike 2018

condividi
commenti
Ufficiale: Tom Sykes lascerà la Kawasaki al termine del Mondiale Superbike 2018
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
17 lug 2018, 22:52

Dopo 9 anni assieme, il pilota britannico e la Casa giapponese si dicono addio. Sykes ha regalato il titolo iridato alla Kawasaki nel 2013, poi, con l'arrivo di Rea, non è più riuscito a esprimersi ad alti livelli per lottare per il Mondiale.

Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing

Una lunga storia d'amore sportivo giunge al termine. A dire la verità, non lo fa certo in modo inaspettato. Tom Sykes e Kawasaki si separeranno dopo 9 stagioni assieme e lo faranno al termine del Mondiale Superbike attualmente in corso.

Ad annunciarlo è stata la stessa Casa giapponese con un comunicato stampa, in cui dalla prima all'ultima riga sono espressi tutti i sentimenti degli uomini Kawasaki, che con Sykes hanno riassaporato il gusto di tornare campioni del mondo a 20 anni dall'ultimo successo iridato che fu firmato nel 1993 da Scott Russell.

La partnership sportiva, anche se sarebbe più corretto definirla "storia", tra Kawasaki e Sykes ha toccato vette vertiginose. Il titolo iridato 2013, ma anche i secondi posti mondiali ottenuti nel 2012, 2014 e nel 2016. Per altro il campionato 2012 venne perso da Sykes per appena 0,5 punti.

Ora però è arrivato il momento di dirsi addio. Ci sarà giusto il tempo di inseguire l'ultima gioia assieme nella seconda parte del Mondiale 2018, inseguire una vittoria per salutarsi al meglio dopo un'avventura durata 9 anni.

L'addio tra le parti non è arrivato a sorpresa. Dall'arrivo in Kawasaki di Jonathan Rea, tre volte iridato in carica e con le mani sul quarto, Sykes non è mai stato in grado di batterlo continuativamente. Solo episodi, vittorie belle, certo, ma sporadiche.

Ora per Sykes è giunto il momento di prendere un'altra strada, con il preciso intento di tornare il Tom del 2013, quello che riuscì a vincere il titolo mondiale. Per Kawasaki si apre una fase nuova, che dovrà culminare con la scelta del pilota che nelle prossime due stagioni sarà chiamato ad affiancare il "Cannibale" Rea.

Tutti gli indizi sembrano portare a Leon Haslam, attualmente impiegato nella British Superbike proprio in sella a una Ninja ZX-10RR. Intanto Rea e Haslam faranno le prove generali di convivenza alla fine del mese, quando dovranno condividere una "verdona" per cercare di vincere la prestigiosa 8 Ore di Suzuka.

"Penso che il tempo sia arrivato, il momento di fare un cambiamento nella mia carriera e cercaare nuove sfide. Avere la motivazione che ti spinge al limite è importante. Io sento di aver dato tutto me stesso alla Kawasaki", ha dichiarato Sykes nel suo commento d'addio.

"Ora sono un pilota migliore di quanto non sia mai stato. Ho l'esperienza e le performance per poter vincere. Per questo ho deciso di lasciare Kawasaki dal 2019 e centrare nuovi obiettivi, cercare nuove sfide. Ora però mi concentrerò per finire sul podio negli ultimi 4 appuntamenti della stagione 2018".

"Sono determinato, voglio godermi le gare e mettere fine a tutte le speculazioni. Non è mai facile prendere decisioni del genere, specialmente fare cambiamenti così radicali e importanti. Ora però sento che il peso della pressione che avevo sulle spalle è sparito e sono sicuro che nel 2019 riuscirò a dare tutto ciò che ho, tutto quello che è nelle mie reali capacità".

Prossimo articolo WSBK
Laverty: "Aprilia ha impiegato un anno per far tornare competitiva la RSV4!"

Articolo precedente

Laverty: "Aprilia ha impiegato un anno per far tornare competitiva la RSV4!"

Articolo successivo

Davies si frattura la clavicola e salta la Race of Champions alla World Ducati Week 2018

Davies si frattura la clavicola e salta la Race of Champions alla World Ducati Week 2018
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Tom Sykes
Team Kawasaki Racing
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie