Rea: "Trentadue punti sono certamente meglio di zero"

Rea: "Trentadue punti sono certamente meglio di zero"

Il leader del mondiale piloti ha colto in California un doppio terzo posto, cogliendo il peggior risultato stagionale

Nonostante un doppio podio centrato sul tracciato californiano di Laguna Seca, Jonathan Rea non ha mostrato il solito sorriso al termine delle due manche di gara. Il pilota britannico, complici i due terzi posti artigliati, ha colto i peggiori risultati della sua stagione 2015 nel Mondiale Superbike.

Rea ha comunque conquistato sedici punti preziosi, che lo mantengono in testa al mondiale con ben 125 punti di vantaggio sul compagno di squadra Tom Sykes. Se Johnny dovesse riuscire a lasciare Sepang - la prossima gara in calendario - con 150 punti di vantaggio su Sykes, il britannico si laureerebbe matematicamente campione del mondo Superbike per la prima volta in carriera. 

"Ci ho provato a lungo, ho tentato di sorpassare Tom in più momenti, ma non c'è stato nulla da fare. Lui aveva un buon passo ma io andavo più forte di lui. Non sono però riuscito a sorpassarlo. Dopo vari tentativi ho deciso di lasciar perdere, perché portare a casa trentadue punti è certamente meglio che portarne a casa zero. In Gara 2 ho lottato con Tom a lungo nel momento in cui ha iniziato a piovere in maniera più convinta, ma li abbiamo perso molto tempo rispetto a Davies, che è riuscito ad andare via e non siamo più riusciti a riprenderlo. Alla fine i due terzi posti conquistati sono un buon bottino in vista di Sepang".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Jonathan Rea
Articolo di tipo Ultime notizie