Laguna Seca, Libere 2: acuto Ducati con Davies

condividi
commenti
Laguna Seca, Libere 2: acuto Ducati con Davies
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
18 lug 2015, 00:52

Secondo posto per Sykes e quarto per Rea. Giugliano cade ma è terzo. Ancora bene Niccolò Canepa: quinto

La prima giornata del fine settimana di gara di Laguna Seca, nono appuntamento del Mondiale 2015 della World Superbike, è andata in archivio con il secondo turno di prove libere. La pista che sorge a pochi chilometri da Monterey si è presentata in condizioni decisamente migliori rispetto alle Libere 1 e ha permesso ai piloti di migliorarsi sin dalle prime tornate della seconda sessione.

A staccare il miglior tempo non è stata una Kawasaki, bensì la Ducati Panigale R ufficiale di Chaz Davies, grazie a un gran giro siglato a quattro minuti e quaranta secondi dall'esposizione della bandiera a scacchi. Il pilota gallese ha fermato il cronometro in 1'23"633, dopo aver passato gran parte del turno a perfezionare l'assetto della sua Rossa. Per la seconda volta consecutiva, dunque, Tom Sykes ha dovuto accontentarsi del secondo crono assoluto.

Il pilota della Kawasaki è rimasto in testa alla lista dei tempi per buona parte delle Libere 2. Già dal terzo passaggio sul traguardo il pilota britannico è riuscito a mettere tutti in fila, ma negli ultimi minuti della sessione non è riuscito a replicare al crono del connazionale anche a causa dell'eccessivo traffico in pista. Ricordiamo inoltre che Laguna Seca è una delle piste più corte e anguste dell'intero mondiale dedicato alle derivate di serie. Nonostante il secondo tempo, Sykes può consolarsi con un passo gara che appare già molto competitivo.

A pochi centesimi da Sykes ecco la seconda Ducati Panigale R ufficiale, quella che il team Aruba.it ha affidato a Davide Giugliano. Il centauro laziale è stato sempre tra i protagonisti di questa doppia sessione di libere, ma nella seconda è parso molto più competitivo. Giugliano è però incappato in una caduta senza conseguenze a quattro minuti dal termine dei 45 minuti di prove, proprio mentre era intento a cercare di battere il riferimento del compagno di squadra.

Jonathan Rea non è riuscito a ripetersi dopo aver centrato il miglior tempo nelle Libere 1. Il britannico è tra i più rapidi nei primi due settori, mentre nel terzo sembra soffrire ancora, sintomo di un assetto della sua Ninja ZX-10R ancora perfezionabile. Quasi quattro i decimi che separano il leader della classifica iridata dal connazionale della Ducati, ma sul giro secco Johnny ha mostrato di poter dire la sua. Nei turni di libere 3 e 4 Rea avrà il compito di fare gli aggiustamenti necessari per tentare di cogliere l'ennesima doppietta della sua trionfale stagione e di spegnere ogni speranza di rimonta di Sykes.

Dopo l'incredibile prestazione del turno mattutino, Niccolò Canepa si è ripetuto, mostrando a tutti il grande feeling che possiede con la Panigale R nonostante questa sia stata oggetto di numerose - e riuscite - modifiche nel corso degli ultimi mesi. Niccolò sta prendendo confidenza con la Rossa dopo aver guidato EBR e Kawasaki Ninja in questo 2015, ma l'accoppiata con la Panigale sembra essere quella giusta. Il genovese ha chiuso i secondi 45 minuti di prove con il quinto tempo.

Da segnalare i vistosi progressi compiuti dalle due Aprilia RSV4 RF di Leon Haslam e Jordi Torres. Il britannico ha centrato il sesto tempo dopo aver faticato qualche ora fa a mantenersi nella Top Ten, mentre lo spagnolo ha iniziato a prendere confidenza con una pista a lui sconosciuta e ha colto un incoraggiante settimo tempo, a meno di un decimo e mezzo dal più esperto compagno di squadra.

Alle spalle delle due Aprilia ecco le due Suzuki GSX-R1000 del team Crescent. L'ottava posizione è stata colta dal francese Randy De Puniet davanti al compagno di scuderia Alex Lowes. Entrambi hanno però subito un pesante passivo rispetto ai primi: quasi un secondo. La Top Ten è stata invece chiusa dalla prima Honda CBR1000RR del team Pata, quella del campione del mondo in carica Sylvain Guintoli

Libere 2 deludenti per Ayrton Badovini. Il pilota del team Motorrad BMW Italia non ha ripetuto il sesto tempo del turno precedente e ha chiuso dodicesimo. Hanno fatto peggio Michael van der Mark e Matteo Baiocco. Il pilota olandese è stato surclassato ancora da Guintoli, ma ha l'attenuante di non conoscere la pista e non ha fatto meglio del quattordicesimo tempo. Il pilota italiano del team Althea ha chiuso una posizione più indietro, ma pesa molto il confronto con Canepa, che a Laguna Seca sembra volare mentre lui continua ad avere grosse difficoltà.

Prossimo articolo WSBK

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Tom Sykes, Chaz Davies, Davide Giugliano
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie