SSP300, Misano: Carrasco torna a vincere, Huertas è leader

Nel round di Misano Ana Carrasco torna a vincere a meno di un anno dal brutto incidente in cui ha rimediato un infortunio alla schiena che l'ha tenuta lontana dalle gare. La pilota spagnola vince Gara 2, mentre la prima manche del weekend è ad appannaggio di Adrian Huertas, che si conferma leader del mondiale.

SSP300, Misano: Carrasco torna a vincere, Huertas è leader

Il round di Misano del mondiale Supersport 300 può essere definito sicuramente della rinascita di Ana Carrasco, che è tornata a dominare salendo sul gradino più alto del podio in Gara 2 a meno di un anno dal pauroso incidente in cui ha rimediato un brutto infortunio alla schiena. La pilota del team Provec ha riassaporato la vittoria portandosi in terza posizione nella classifica generale, a 30 lunghezze dal leader Adrian Huertas, che invece si è aggiudicato Gara 1.

Gara 1

Nelle primissime fasi di gara è Bahattin Sofuoglu a prendere il comando, salvo poi finire nella ghiaia al secondo giro per un contatto con Victor Steeman. Il turco aveva però già perso la leadership a favore di Tom Booth-Amos e Hugo De Cancellis, che invece hanno lottato per la vittoria fino alla bandiera a scacchi. 

Ad avere la meglio è però Adrian Huertas, che conquista il secondo successo della stagione e consolida il primato nella classifica generale. Lo spagnolo la spunta al termine della battaglia per la prima posizione che caratterizza ogni gara della Supersport 300. La bagarre ha visto protagonisti proprio Booth-Amos, secondo, e De Cancellis, terzo. Yuta Okaya invece è rimasto ai piedi del podio passando sotto la bandiera a scacchi in quarta posizione, mentre Meikon Kawakami ha chiuso quinto, seguito da Mirko Gennai, sesto. 

Vincente Perez Selfa ha tagliato il traguardo in settima posizione davanti a Bruno Ieraci, ottavo, mentre chiudono la top 10 Filippo Maria Palazzi e Victor Rodriguez Nunez, nono e decimo rispettivamente. 

Gara 2 

In Gara 1 aveva fatto segnare il giro più veloce, a dimostrazione di quanto fosse pronta a riscattarsi e in Gara 2 si è imposta: Ana Carrasco è tornata sul gradino più alto del podio dopo quasi un anno dall'infortunio, al termine di una gara in cui ha saputo approfittare di un errore di Tom Booth-Amos. Il britannico, al comando nelle fasi finali, è incappato in uno sbaglio che lo ha portato ad arretrare fino alla 17esima posizione. La spagnola così è passata per prima sotto la bandiera a scacchi. 

A completare il podio troviamo Meikon Kawakami, secondo, mentre in terza posizione si è piazzato Samuel Di Sora, al suo primo podio in Supersport 300. E' invece rimasto in quarta posizione Gabriele Mastroluca: l'italiano aveva tagliato il traguardo in terza posizione ma è stato arretrato per aver superato i limiti della pista. Dietro di lui ha chiuso Dorren Loureiro, mentre Bahattin Sofuoglu, che partiva dalla pole, non è andato oltre il sesto posto finale. 

Jeffrey Buis è passato sotto la bandiera a scacchi in settima posizione, precedendo Oliver Konig, ottavo. A chiudere la top 10 troviamo Victor Steeman e Adrian Huertas, nono e decimo rispettivamente. Quest'ultimo mantiene la leadership del mondiale con un vantaggio di soli 7 punti su Booth-Amos. 

condividi
commenti
Redding: “Era meglio andare in spiaggia questo weekend”
Articolo precedente

Redding: “Era meglio andare in spiaggia questo weekend”

Articolo successivo

Fotogallery SBK: il ritorno in Italia a Misano

Fotogallery SBK: il ritorno in Italia a Misano
Carica i commenti