SSP300, Magny-Cours: Huertas firma la doppietta e allunga

Adrian Huertas vince entrambe le gare del round di Magny-Cours e incrementa il proprio vantaggio in classifica su Tom Booth-Amos, secondo sia in Gara 1 sia in Gara 2. I due contendenti al titolo sono separati ora da 21 punti.

SSP300, Magny-Cours: Huertas firma la doppietta e allunga

Dopo una lunga pausa, a Magny-Cours è tornata in pista la Supersport300, che rinnova la lotta per il mondiale con gare combattute e spettacolari, come di consueto. Ad avere la meglio in entrambe le gare è Adrian Huertas, che si impone sugli avversari dopo una grande lotta e incrementa il suo vantaggio in classifica, grazie alla doppietta che lo porta a +21 su Tom Booth-Amos, secondo nella generale.

Gara 1 – A fare la differenza nella prima manche del weekend sono i due contendenti al titolo, che lottano per la vittoria con un buon margine sugli inseguitori. Huertas e Booth-Amos, scattati davanti a tutti, fanno gara a sé, ma a cinque giri dal termine è lo spagnolo a dare uno strappo e passa poi sotto la bandiera a scacchi con oltre cinque decimi di vantaggio sul secondo. Il britannico si avvicina al rivale proprio nei giri finali, dopo aver perso terreno nei suoi confronti ed è autore di una grande manovra che gli consente di essere davanti al pilota di casa Samuel Di Sora.

Il francese sale sul terzo gradino del podio nel round casalingo e resta alle spalle di Booth-Amos per soli 222 millesimi. Se i primi tre sono racchiusi in otto decimi, il quarto paga un ritardo di ben tre secondi e mezzo. Dorren Loureiro resta ai piedi del podio e precede Daniel Mogeda, chiamato a sostituire James McManus nel Team#109 Kawasaki). Alle sue spalle troviamo Inigo Iglesias, che è sesto davanti a Gabriele Mastroluca, settimo e primo degli italiani. Victor Steeman è ottavo, mentre Tom Kawakami e Jose Luis Perez Gonzalez chiudono la top 10 in nona e decima posizione rispettivamente.

Gara 2 – Anche nella seconda manche del weekend Huertas e Booth-Amos sono appaiati e fanno la differenza sui rivali. Al traguardo è ancora una volta lo spagnolo ad avere la meglio e grazie alla doppietta francese incrementa il vantaggio in classifica e vola a +21 sul britannico. Il pilota del team Fusport – RT Motorsports by SKM – Kawasaki difende la seconda posizione in gara da Jeffrey Buis, che gli arriva a un decimo e sale sul terzo gradino del podio. Il campione in carica prova a mettere pressione ai due davanti a sé ma deve accontentarsi della terza piazza.

Dietro ai primi tre i distacchi iniziano a farsi importanti, il quarto è Dean Berta Vinales, che paga otto decimi dal vincitore. Il portacolori Vinales Racing Team precede Yuta Okaya, quinto al traguardo. Ancora una volta è Gabriele Mastroluca il migliore dei piloti italiani, grazie alla sesta posizione di Gara 2. Il pilota del team ProGP Racing resta davanti a Yeray Ruiz, che nel suo round di debutto chiude la seconda manche con il settimo posto. Inigo Iglesias rientra fra i primi dieci in entrambe le gare disputate, così come gli altri due piloti che completano la top 10, Dorren Loureiro e Daniel Mogeda, nono e decimo rispettivamente.

condividi
commenti
Rea: “Toprak mi porta al limite, sogno di vincere come Bayliss!”

Articolo precedente

Rea: “Toprak mi porta al limite, sogno di vincere come Bayliss!”

Articolo successivo

Tegola Bernardi: vertebra fratturata, stagione a rischio

Tegola Bernardi: vertebra fratturata, stagione a rischio
Carica i commenti