SSP, Villicum: Cluzel si impone in Gara 1, Aegerter solo quinto

Jules Cluzel vince la seconda gara della stagione e terza consecutiva a San Juan, dominando di forza sugli inseguitori. Manuel Gonzalez è secondo e ha la meglio su Can Oncu, che sale sul terzo gradino del podio. Lotta mondiale ancora aperta, con Steven Odendaal quarto davanti a Dominque Aegerter, solo quinto.

SSP, Villicum: Cluzel si impone in Gara 1, Aegerter solo quinto

Non c’è due senza tre, recita il detto. Jules Cluzel lo prende alla lettera e trionfa per il terzo anno consecutivo al El Villicum. La pista di San Juan dunque è feudo del pilota francese, che ha vinto nelle due edizioni precedenti e si è replicato quest’anno dominando Gara 1 della Supersport. Il portacolori GMT94, autore del record della pista, conferma quanto il tracciato argentino sia il suo feudo e lascia dietro di sé gli inseguitori in lotta per le restanti posizioni.

Il duello per il podio è accesissimo soprattutto nelle fasi finali, con Manuel Gonzalez e Can Oncu che non si risparmiano e combattono senza sconti. Alla bandiera a scacchi è lo spagnolo del team ParkinGo ad avere la meglio, passando con quasi cinque secondi di distacco dal vincitore, ma riuscendo a mettere le proprio ruote davanti a quelle del turco del team Puccetti, che chiude il podio. I due si lasciano alle spalle con ampio margine la lotta mondiale, che vede i giochi rimandati ancora un po’.

Il round dell’Argentina infatti può essere chiave per l’assegnazione del mondiale, ma in Gara 1 Steven Odendaal e Dominique Aegerter non riescono a lottare per le posizioni di vertice, restando in quarta e quinta posizione rispettivamente. Anche in questo caso però si consuma il duello negli ultimi giri, con il pilota del team Evan Bros che riesce a beffare il leader del mondiale e tenere la battaglia iridata ancora aperta. 52 sono ora i punti che separano i due contendenti, arrivati appaiati al traguardo.

Con un mondiale ancora tutto da giocare, il sudafricano di Evan Bros cerca di limitare i danni di una prima manche che lo vede autore di prestazioni un po’ incostanti, salvo poi riuscire a stare davanti al rivale in classifica Aegerter, non particolarmente incisivo come visto in questa stagione. Alle loro spalle troviamo Valentin Debise, sesto alla bandiera a scacchi. Il francese mette le ruote della sua Yamaha davanti a quelle di Peter Sebestyen. L’ungherese è autore di una solida prestazione e soprattutto nelle fasi iniziali si mostra anche più efficace del compagno di squadra Odendaal. L’alfiere Evan Bros è poi settimo al traguardo, approfittando anche della caduta di Raffaele De Rosa. Il pilota napoletano scivola a quattro giri dal termine quando è settimo e getta alle ortiche una buona gara.

In ottava posizione troviamo Niki Tuuli, che con la MV Agusta si mette alle spalle le due Yamaha di Glenn van Straalen e Vertti Takala, nono e decimo rispettivamente. Gara da dimenticare per Philipp Oettl, mai in lotta per le posizioni di vertice e solo 11esimo al traguardo. Il tedesco, ormai fuori dalla battaglia mondiale da diverse gare, è il secondo dei piloti Kawasaki ma paga un distacco decisamente importante sia dal vincitore (quasi 32 secondi) sia dal compagno di squadra (28 secondi). Leonardo Taccini è l’unico italiano che passa sotto la bandiera a scacchi ed è 17esimo.

condividi
commenti
SBK, Villicum, Superpole: guizzo di Redding, prima fila Bassani!
Articolo precedente

SBK, Villicum, Superpole: guizzo di Redding, prima fila Bassani!

Articolo successivo

SBK, Villicum: Razgatlioglu regola Rea in Gara 1. Redding a terra

SBK, Villicum: Razgatlioglu regola Rea in Gara 1. Redding a terra
Carica i commenti