SBK, Test Misano: Rinaldi chiude al comando l’ultima giornata

Michael Ruben Rinaldi conclude i test di Misano con il miglior crono, davanti a Toprak Razgatlioglu che si conferma in ottima forma. Garrett Gerloff, sorpresa di giornata, è terzo e precede Scott Redding, che chiude il secondo ed ultimo giorno di test con il quarto tempo.

SBK, Test Misano: Rinaldi chiude al comando l’ultima giornata

Si conclude nel segno di Michael Ruben Rinaldi la seconda e ultima giornata di test al Misano World Circuit Marco Simoncelli. La pista romagnola ha ospitato due giorni di test in preparazione della stagione, che inizierà a fine maggio in Spagna, e i piloti presenti hanno portato avanti il lavoro in vista del 2021. Dopo un iniziale dominio di Toprak Razgatlioglu, è il pilota Ducati a portarsi in vetta nelle fasi finali del Day 2, imponendo di fatto il suo crono.

Rinaldi ha fermato il cronometro sull’1’33”688, abbassando ulteriormente il riferimento fatto segnare dal turco e scendendo ancora sotto il record della pista. Nonostante il romagnolo non si fosse concentrato sul cronometro lavorando nella mattinata sulle novità introdotte da Brembo, è riuscito ad imporsi nell’ultima mezz’ora di prove, dimostrando che l’adattamento alla Panigale V4R ufficiale è piuttosto buono.

Alle sue spalle troviamo proprio Toprak Razgatlioglu, staccato di soli 193 millesimi. Il turco ha impressionato con la sua Yamaha ufficiale, chiudendo al comando la prima giornata e imponendosi nella sessione mattutina nonostante una caduta senza conseguenze. Così come il pilota Ducati, anche l’alfiere PATA si è concentrato principalmente sull’aspetto tecnico, girando con una nuova carena e provando anche lui le  nuove pinze del freno anteriori introdotte da Brembo.

La sorpresa di giornata però è rappresentata da Garrett Gerloff, che nel pomeriggio mostra la sua ottima forma e si porta in terza posizione al termine del turno pomeridiano. Lo statunitense del team GRT ferma il cronometro con 325 millesimi di ritardo da Rinaldi, dopo essere stato al comando per buona parte della sessione. Gerloff precede anche Scott Redding, che termina test di Misano con un quarto tempo, più attardato rispetto alla giornata precedente. Il pilota Ducati migliora il suo crono, ma paga un secondo dal compagno di squadra. C’è comunque da considerare il fatto che il britannico non ha sfruttato la gomma da tempo per firmare il quarto crono.

In quinta posizione troviamo Andrea Locatelli, in pieno adattamento alla Superbike. Il campione in carica Supersport ha completato ben 69 giri nel secondo e ultimo giorno di test e sembra trovare il giusto feeling con la R1 del team PATA. Alle spalle dell’italiano si piazza l’altro rookie, Lucas Mahias. Il pilota Kawasaki è caduto in mattinata causando una bandiera rossa, ma è tornato in pista chiudendo l’ultimo giorno con il sesto crono.  

Il settimo tempo è di Axel Bassani, che continua a mostrarsi a suo agio con la Panigale V4R del team Motocorsa Racing Ducati. L’italiano ha provato la moto del 2020 nel primo giorno, passando poi alla versione 2021 nella giornata odierna. Bassani precede Kohta Nozane, ottavo con la Yamaha del team GRT. Ultima tra le Ducati e con qualche insoddisfazione è la quattro cilindri del team Barni: Tito Rabat non va oltre il nono tempo. Lo spagnolo, al debutto in Superbike, ha completato ben 106 giri, ma non è apparso soddisfatto nel box a fine giornata.

Giornata da dimenticare anche per Christophe Ponsson, che chiude la classifica dei tempi con il decimo crono. Il francese è caduto nella sessione mattutina distruggendo la sua Yamaha e per lui la giornata si è conclusa con largo anticipo. Ponsson ha completato solamente 27 giri, il più rapido dei quali in 1’36”392. Non l’avvio ideale della collaborazione tra il team Gil Motorsport e Alstare, annunciata proprio questa mattina.

Per quanto riguarda la Supersport, il più rapido è stato Philipp Oettl, che in sella alla Kawasaki del team Puccetti ha preceduto la moto campione del mondo. Steven Odendaal, alfiere del team Bardahl Evan Bros, continua il suo adattamento alla classe 600 delle derivate di serie e ha chiuso l’ultima giornata con il secondo crono. Alle sue spalle troviamo Randy Krummenacher, che rientra quest’anno in Supersport e ha portato avanti il lavoro di ri-adattamento, effettuando ben 67 giri. Chiude il gruppo Can Oncu, protagonista di una caduta durante il turno mattutino, fortunatamente senza conseguenze.

POSIZIONE PILOTA TEAM TEMPO GIRI
1. Michael Ruben Rinaldi Aruba.It Racing – Ducati 1’33"688 59
2. Toprak Razgatlioglu  PATA Yamaha WorldSBK Team 1’33"886 69
3. Garrett Gerloff  GRT Yamaha WorldSBK Team 1’34"013 67
4. Scott Redding  Aruba.It Racing – Ducati 1’34"361 64
5. Andrea Locatelli PATA Yamaha WorldSBK Team 1.34"794 69
6. Lucas Mahias Kawasaki Puccetti Racing 1’34"806 58
7. Axel Bassani  Motocorsa Racing  1’34"847 57
8. Kohta Nozane GRT Yamaha WorldSBK Team 1’35"003 60
9. Tito Rabat BARNI Racing Team  1’35"210 106
10. Christophe Ponsson Gil Motor Sport – Yamaha 1’36"392 27
condividi
commenti
SBK, Test Misano, Redding: “Guido per me stesso”
Articolo precedente

SBK, Test Misano, Redding: “Guido per me stesso”

Articolo successivo

Redding: “Non sono ancora comodo come vorrei”

Redding: “Non sono ancora comodo come vorrei”
Carica i commenti