SBK | Redding rivela: "Avevo dubitato di essere competitivo con BMW"

Scott Redding ha ammesso di aver dubitato che la sua BMW potesse raggiungere il livello attuale di competitività dopo aver conquistato il suo primo podio in una gara lunga lo scorso weekend a Most.

SBK | Redding rivela: "Avevo dubitato di essere competitivo con BMW"

Dopo aver compiuto dei grandi passi in avanti a Donington il mese scorso, Scott Redding ha confermato il suo stato di forma in sella alla BMW M1000RR ufficiale a Most, lottando nel gruppo di testa in Gara 1 e battendo Jonathan Rea per conquistare l’ultimo gradino del podio.

Gara 2 è stata dura domenica, perché una brutta partenza nella Superpole Race lo ha relegato in ottava posizione, ma ha chiuso la seconda manche al quarto posto, come “migliore degli altri” alle spalle della consueta top 3 formata da Toprak Razgatlioglu, Alvaro Bautista e Jonatahn Rea, nell’ordine.

A Most Redding ha mancato di poco il superare i punti ottenuti a Donington, ma il round ceco segna una grande differenza rispetto al primo weekend di gara con la BMW disputato ad Aragon lo scorso aprile, in cui ha conquistato solo un punto. L’ex pilota MotoGP ha dichiarato che le sue attuali prestazioni sono in linea con quanto immaginava a metà stagione, ma ha ammesso di non aspettarsi un recupero così rapido dopo un avvio di stagione scarso.

“Ho dubitato, sicuramente”, rivela Redding. “Ho dubitato di poter arrivare a questo punto. Come ho detto a Donington, si trattava di affondare o di restare a galla e nuotare. O subiamo e basta o ci tiriamo su le maniche e lavoriamo per ottenere un pacchetto migliore. Abbiamo fatto questo passo in avanti e ora penso che siamo dove dovremmo essere. All’inizio dell’anno avevo detto che sarei stato felice di lottare per un paio di podi a metà stagione, e alla fine dell’anno essere più consistenti. Siamo in pista per questo, abbiamo solo bisogno di fare alcune piccole modifiche e penso che possiamo lottare con gli altri ancora di più”.

Scott Redding, BMW Motorrad WorldSBK Team

Scott Redding, BMW Motorrad WorldSBK Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

La forma di Redding a Donington è stata favorita dall'arrivo di un nuovo forcellone Kalex, installato anche sulla M1000RR satellite di Loris Baz. Ma il pilota britannico ha ribadito che il nuovo pezzo è solo una parte di ciò che gli ha permesso di lottare costantemente per le prime cinque posizioni, sottolineando il divario di prestazioni tra lui e Baz, che non è riuscito a entrare nella top 10 a Most.

"Credo di essere entrato in sintonia con la moto, con il forcellone, con l'assetto, con tutte queste cose insieme", ha detto Redding. Ora ho fiducia, so che la moto può farcela, so che posso farcela. Mi sento in controllo, mentre prima mi sentivo al limite, come se stessi per schiantarmi dappertutto, ma ero ancora a due secondi di distanza. Ora sento che la moto mi parla e io posso rispondere e agire, e posso guidare come voglio. La fiducia è la cosa più importante, ti dà mezzo decimo in ogni curva".

Redding tornerà in azione in un test a Barcellona durante la pausa estiva, prima che il mondiale Superbike riparta a settembre alla volta di Magny-Cours per dare il via alla seconda metà della stagione: “Il grosso problema che avevamo è stato risolto, quindi ora stiamo cercando di risolvere i problemi più piccoli e sappiamo dove dobbiamo cercare. Si tratta solo di raggiungere l'obiettivo. Vorrei che la moto girasse di più, questa è la cosa principale che cercherò di fare. Almeno sappiamo che dobbiamo sistemare quest'area e se riusciremo a farlo faremo un passo avanti per colmare il divario”.

Leggi anche:
condividi
commenti
SBK | Sorpresa Gagne: correrà a Portimao come wild card
Articolo precedente

SBK | Sorpresa Gagne: correrà a Portimao come wild card

Articolo successivo

SBK | Sykes potrebbe tornare nel Mondiale nel 2023 con Puccetti

SBK | Sykes potrebbe tornare nel Mondiale nel 2023 con Puccetti