WSBK
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
6 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
20 giorni
G
Jerez
27 mar
-
29 mar
Prossimo evento tra
34 giorni
G
Assen
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
55 giorni
G
Imola
08 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
76 giorni
G
Aragon
22 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
90 giorni
G
Misano
12 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
Donington Park
03 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
132 giorni
G
Oschersleben
31 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
Algarve
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
Barcelona
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
209 giorni
G
Magny-Cours
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
216 giorni
G
Villicum
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
230 giorni

SBK, Misano, Gara 2: Rea vince su Razgatlioglu, clamorosa caduta per Bautista

condividi
commenti
SBK, Misano, Gara 2: Rea vince su Razgatlioglu, clamorosa caduta per Bautista
Di:
23 giu 2019, 13:02

Kawasaki monopolizza il podio in Gara 2 a Misano, con Rea che ha la meglio su Razgatlioglu dopo un duello mozzafiato. Leon Haslam beffa Alex Lowes e sale sul podio. Bautista riapre il mondiale scivolando quando è in testa. Rientra in pista ma è solo quattordicesimo.

In una Gara 2 asciutta ma che perde uno dei grandi protagonisti, è Jonathan Rea a conquistare la vittoria, dopo un duello senza sconti con Toprak Razgatlioglu, autore di una grandissima prestazione che gli consegna il secondo posto. Kawasaki monopolizza il podio di Misano grazie alla terza posizione di Leon Haslam, che sopravanza Alex Lowes nel finale. Nel pomeriggio italiano Alvaro Bautista crolla: una scivolata nei primi giri quando era in testa gli fa gettare alle ortiche una gara per cui era uno dei favoriti.

In partenza è subito lo spagnolo ad andare al comando, iniziando la sua fuga e mettendo del margine tra sé ed il primo degli inseguitori, Rea. Il pilota Kawasaki però si trova ben presto a condurre la gara a causa di una banale scivolata del leader del mondiale. Bautista rientra in pista, ma al traguardo non va oltre la quattordicesima posizione, un risultato deludente se si guarda al passo: la Panigale V4R #19 infatti è stata la più veloce per gran parte della gara.

Ma gli occhi erano tutti puntati sul duello per la prima posizione, che ha visto protagonisti Jonathan Rea ed un sorprendente Toprak Razgatlioglu. Il turco si è portato al comando, sempre insidiato dal pilota Kawasaki ufficiale, che ha rotto gli indugi a tre giri dal termine, sferrando l’attacco decisivo e andando in testa. Il Campione in carica però non è riuscito ad aprire un gap e Razgatlioglu gli è rimasto attaccato, regalando un ultimo giro spettacolare, in cui ha tentato il tutto per tutto per provare a vincere la prima gara della stagione. 

Leggi anche:

Il pilota del team Puccetti si è poi dovuto arrendere a Jonathan Rea, che ha conquistato una vittoria sudatissima per soli 381 millesimi. Ma il giovane talento turco si può ritenere soddisfatto alla luce dell’ottimo risultato ottenuto in Gara 2 a Misano, un secondo posto anche davanti all’ufficiale Leon Haslam. Il britannico è rimasto a quasi sei secondi dal compagno di squadra, riuscendo però a capitalizzare una gara che lo ha visto nuovamente salire sul podio.

Haslam ha lottato duramente per resistere agli attacchi di Alex Lowes, quarto al traguardo e di poco davanti a Michael Ruben Rinaldi, ottimo quinto e primo dei piloti Ducati. Il pilota del team Barni precede anche l’ufficiale Chaz Davies, settimo e autore di una grande rimonta. Tra i due piloti in sella alla Panigale V4 R si inserisce Tom Sykes, solo sesto con la BMW dopo il podio di Gara 1.

Alle spalle del gallese troviamo Michele Pirro, ottavo. È ancora Ducati alle sue spalle, con Lorenzo Zanetti in nona posizione, mentre chiude la top 10 Jordi Torres. Così gli italiani: Samuele Cavalieri è tredicesimo, mentre Alessandro Delbianco è ritirato per un problema tecnico.

Grande delusione per il team Yamaha GRT, che vede entrambi i piloti a terra. Sandro Cortese è scivolato ad inizio gara, mentre Marco Melandri è caduto nel finale, rientrando in pista ma non è andato oltre la sedicesima posizione finale.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   1 United Kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 21 34'06.731       25
2   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu  Kawasaki 21 34'07.112 0.381 0.381   20
3   91 United Kingdom Leon Haslam  Kawasaki 21 34'12.611 5.880 5.499   16
4   22 United Kingdom Alex Lowes  Yamaha 21 34'12.934 6.203 0.323   13
5   21 Italy Michael Ruben Rinaldi  Ducati 21 34'13.878 7.147 0.944   11
6   66 United Kingdom Tom Sykes  BMW 21 34'14.413 7.682 0.535   10
7   7 United Kingdom Chaz Davies  Ducati 21 34'17.647 10.916 3.234   9
8   51 Italy Michele Pirro  Ducati 21 34'20.999 14.268 3.352   8
9   87 Italy Lorenzo Zanetti  Ducati 21 34'26.774 20.043 5.775   7
10   81 Spain Jordi Torres  Kawasaki 21 34'28.858 22.127 2.084   6
11   28 Germany Markus Reiterberger  BMW 21 34'33.838 27.107 4.980   5
12   76 France Loris Baz  Yamaha 21 34'34.206 27.475 0.368   4
13   97 Samuele Cavalieri  Ducati 21 34'43.064 36.333 8.858   3
14   19 Spain Alvaro Bautista  Ducati 21 34'43.764 37.033 0.700   2
15   11 Germany Sandro Cortese  Yamaha 21 34'54.428 47.697 10.664   1
16   33 Italy Marco Melandri  Yamaha 21 34'57.565 50.834 3.137    
17   23 Japan Ryuichi Kiyonari  Honda 21 35'12.083 1'05.352 14.518    
  dnf 36 Argentina Leandro Mercado  Kawasaki 18 3 laps 3 Laps 3 Laps Incidente  
  dnf 72 Japan Yuki Takahashi  Honda 17 4 laps 4 Laps 1 Lap Incidente  
  dnf 52 Italy Alessandro Del Bianco  Honda 9 12 laps 12 Laps 8 Laps Incidente
Articolo successivo
SBK, Misano, Superpole Race: Ducati trionfa con Bautista e Rea scivola

Articolo precedente

SBK, Misano, Superpole Race: Ducati trionfa con Bautista e Rea scivola

Articolo successivo

SBK, Misano, Rea: “Bautista non è invincibile, la nostra è una vittoria importante”

SBK, Misano, Rea: “Bautista non è invincibile, la nostra è una vittoria importante”
Carica i commenti