SBK | Mandalika: Rea vince Gara 1, ma Razgatlioglu è campione del mondo!

Jonathan Rea vince una Gara 1 combattutissima, ma nulla può contro Toprak Razgatlioglu, che con il secondo posto finale è campione del mondo! Il pilota Yamaha conquista il titolo con 25 punti di vantaggio su rivale. Chiude il podio Scott Redding, terzo con la Ducati.

SBK | Mandalika: Rea vince Gara 1, ma Razgatlioglu è campione del mondo!

Dopo la cancellazione di ieri, nella mattinata indonesiana della Superbike Gara 1 è stata posticipata di qualche minuto a causa della pioggia, ma l’attesa è valsa lo spettacolo che i piloti hanno regalato. Nonostante una partenza ritardata per le condizioni della pista incerte a seguito di uno scroscio di pioggia poco prima del via, a Mandalika è andata in scena la prima decisiva manche di questa stagione, che ha assegnato il titolo mondiale. Jonathan Rea vince la prima manche, ma lascia il testimone a Toprak Razgatlioglu. Il pilota Yamaha è secondo al traguardo, ma questo gli basta per conquistare il titolo mondiale, il primo della carriera in Superbike.

Toprak Razgatlioglu è il terzo pilota più giovane a vincere il titolo dopo James Toseland e Troy Corser, e chiude definitivamente i giochi con una gara di anticipo. Il pilota Kawasaki è implacabile e tenta il tutto per tutto, facendo l’unica cosa che era in suo potere: vincere. Passa sotto la bandiera a scacchi con sei decimi di vantaggio sull’ormai campione del mondo in carica, che non si è risparmiato e ha duellato per tutti i 20 giri senza sconti.

Nella lotta per le posizioni di testa c’è stato anche Scott Redding, terzo al traguardo, ma sempre pronto a lottare. Il pilota Ducati raccoglie un nuovo podio nel suo ultimo weekend con la Ducati e combatte con i due contendenti al titolo dovendosi poi accontentare del’ultimo gradino del podio, alle spalle dei due inarrestabili rivali.

Ai piedi del podio troviamo Andrea Locatelli, quarto con l’altra Yamaha. Il bergamasco, che aveva perso posizioni in partenza, riesce a recuperare chiudendo davanti ad Axel Bassani. Proprio l’italiano del team Motocorsa si accontenta del quinto posto al termine di Gara 1 dopo una prima fase in cui si è portato al comando. In condizioni di pista umida infatti, Axel risale la china e dà filo da torcere anche ai due rivali per il titolo. Tuttavia con pista asciutta rimane in quinta posizione.

Primo dei piloti BMW è Michael van der Mark, sesto dopo aver recuperato posizioni durante la gara. L’olandese mette le sue ruote davanti a quelle del compagno di squadra Tom Sykes, nel gruppo di testa nei primi giri ma poi solamente decimo al traguardo. Tra i due portacolori BMW si inseriscono Alvaro Bautista, settimo al suo ultimo weekend con la Honda, Chaz Davies, ottavo alla sua penultima gara della carriera, e Leandro Mercado, ottimo nono con la Honda del team MIE.

Gara 1 da dimenticare per Michael Ruben Rinaldi invece, che non va oltre l’11esima posizione. Il romagnolo incappa in un weekend decisamente negativo in cui non riesce mai ad essere efficace. Domenica mattina complicata anche per Garrett Gerloff, che si era mostrato competitivo nelle libere, salvo poi perdersi in gara e solo 13esimo.

Ricordiamo l’assenza di Alex Lowes e Leon Haslam, costretti a fermarsi a causa di problemi fisici. Il pilota Kawasaki ha alzato bandiera bianca in Superpole per la caduta avvenuta durante le FP3, mentre il britannico della Honda conclude la sua carriera in Superbike fermandosi il sabato mattina.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 20 32'12.219       25
2   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 20 32'12.889 0.670 0.670   20
3   45 United Kingdom Scott Redding Ducati 20 32'14.374 2.155 1.485   16
4   55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 20 32'19.863 7.644 5.489   13
5   47 Italy Axel Bassani Ducati 20 32'20.352 8.133 0.489   11
6   60 Netherlands Michael van der Mark BMW 20 32'22.028 9.809 1.676   10
7   19 Spain Alvaro Bautista Honda 20 32'26.168 13.949 4.140   9
8   7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 20 32'26.278 14.059 0.110   8
9   36 Argentina Leandro Mercado Honda 20 32'35.126 22.907 8.848   7
10   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 20 32'37.744 25.525 2.618   6
11   31 United States Garrett Gerloff Yamaha 20 32'37.828 25.609 0.084   5
12   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 20 32'38.486 26.267 0.658   4
13   32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 20 32'39.387 27.168 0.901   3
14   76 Italy Samuele Cavalieri Ducati 20 32'55.967 43.748 16.580   2
15   3 Japan Kohta Nozane Yamaha 20 33'02.463 50.244 6.496   1
  dnf 23 France Christophe Ponsson Yamaha 14 6 Laps     Incidente  
  dnf 53 Spain Tito Rabat Kawasaki 9 11Laps     Mechanical  
  dnf 15 Oliver Konig Kawasaki 1 19 Laps     Incidente
condividi
commenti
Razgatlioglu: “Solo due gare mi fanno comodo, ma mi dispiace per Rea”
Articolo precedente

Razgatlioglu: “Solo due gare mi fanno comodo, ma mi dispiace per Rea”

Articolo successivo

SSP | Mandalika: Cluzel rimonta e trionfa in Gara 2

SSP | Mandalika: Cluzel rimonta e trionfa in Gara 2
Carica i commenti