SBK | Mandalika, Razgatlioglu: “Pista sporca? Mi alleno sempre così”

Toprak Razgatlioglu è il grande dominatore del venerdì di libere a Mandalika. Su una pista nuova per tutti, il leader del mondiale fa la differenza e probabilmente il segreto è le condizione simile a quella che trova in allenamento. Il tracciato sporco non lo preoccupa e l'obiettivo resta sempre unico: vincere.

SBK | Mandalika, Razgatlioglu: “Pista sporca? Mi alleno sempre così”

Siamo alla resa dei conti mondiale, Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea si sono sfidati in pista nella prima giornata del round di Mandalika, che assegnerà il titolo e metterà la parole fine a questa stagione entusiasmante. Il leader del mondiale ha confermato la propria supremazia in entrambi i turni, chiudendo al comando la sessione mattutina infliggendo un gap impressionante su tutto il resto del gruppo.

I distacchi si sono contenuti nella seconda sessione, con Jonathan Rea che è tornato a braccare il diretto rivale in campionato. Il più rapido però è stato proprio Razgatlioglu, che si mostra anche sorpreso dello stratosferico tempo siglato nelle FP1 che gli ha consentito di essere più di un secondo più forte del primo degli inseguitori (Alex Lowes nel primo turno).

Leggi anche:

Razgatlioglu non trova una vera e propria motivazione alla situazione, che però si è riequilibrata nelle FP2. Il segreto però potrebbe essere l'allenamento, fatto in condizioni simili a quelle del tracciato: “Non so perché, io ho solo guidato la moto! Non ho cambiato niente, ma i nuovi circuiti mi piacciono sempre molto e mi adatto velocemente. Mi piacciono anche le piste sporche, perché in Turchia mi alleno sempre in queste condizioni. La pista di Kenan è sempre sporca. Io però sono pronto a tutte le condizioni, anche quelle meteo, che siano di asciutto o di bagnato”.

Toprak è pronto a tutto e non si nasconde. Come di consueto, il turco ricorda di non essere un calcolatore e di voler puntare solo a salire sul gradino più alto del podio: “Sono venuto per vincere, non pensando al campionato. Proverò a vincere tutte le gare anche questo weekend, ma vedremo. Anche la mia simulazione gara è stata forte, ma le cose cambiano sempre il sabato. Non ho provato il time attack, ma solo il passo gara. Però venivano fuori bei giri, quindi direi che è andata molto bene. Questo weekend magari saremo campioni, magari no, ma io darò il massimo”.

“Sono molto felice di essere qui – prosegue – perché non ero mai venuto in Indonesia e sono contento che sia proprio qui l’ultima gara della stagione. Ho ricevuto tantissimi messaggi dai fan indonesiani, che ringrazio. Il posto è bellissimo, mi piace anche la pista e spero di tornare anche l’anno prossimo. Normalmente mi piacciono molte piste, ma questo penso che piaccia a tutti. Il mio preferito resta Magny-Cours”.

Toprak Razgatlioglu, PATA Yamaha WorldSBK Team

Toprak Razgatlioglu, PATA Yamaha WorldSBK Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
SSP | Mandalika: Krummenacher guida la doppietta svizzera nelle libere
Articolo precedente

SSP | Mandalika: Krummenacher guida la doppietta svizzera nelle libere

Articolo successivo

SBK | Mandalika, Rea: “Quel distacco incredibile di Toprak non è reale”

SBK | Mandalika, Rea: “Quel distacco incredibile di Toprak non è reale”
Carica i commenti