SBK | Mandalika, Libere 1: Razgatlioglu fa paura e infligge due secondi a Rea

La prima sessione di prove libere del round di Mandalika porta la firma di Toprak Razgatlioglu, che fa subito paura e infligge un secondo e mezzo al primo degli inseguitori, Alex Lowes Su pista nuova per tutti, Yamaha piazza due moto nelle prime tre posizioni, con Garrett Gerloff terzo davanti a Scott Redding. Jonathan Rea è solo undicesimo a quasi due secondi e mezzo.

SBK | Mandalika, Libere 1: Razgatlioglu fa paura e infligge due secondi a Rea

Pronti, via! A Mandalika è iniziato l’ultimo round della stagione Superbike, l’azione è entrata subito nel vivo con la prima sessione di prove libere in cui i piloti hanno girato per la prima volta, imparando a conoscere il nuovissimo tracciato. In condizioni di ignoto per tutti, la pista indonesiana al momento dà ragione a Toprak Razgatlioglu, che nella mattinata asiatica vola e infligge un distacco incredibile agli inseguitori.

Il leader del mondiale è il più veloce e sembra colui che meglio interpreta il tracciato, anche se siamo solamente al primo turno di libere. Con il crono di 1’34”985, il turco p l’unico a scendere sotto il muro del 35 e infligge un distacco pesantissimo a tutti gli inseguitori, primo dei quali Alex Lowes. Il pilota Kawasaki riesce ad agguantare il secondo tempo, ma paga ben oltre un secondo e mezzo dalla vetta e in questo turno Razgatlioglu dimostra di aver davvero fatto la differenza sul resto del gruppo.

Sta a guardare Jonathan Rea, addirittura fuori dalla top 10 in questa sessione d’apertura. L’inizio di quest’ultimo round porta in vantaggio il turco, anche se provvisoriamente. I 30 punti di distacco si fanno sentire anche in pista in questo momento, con il campione del mondo in carica che accusa un ritardo di ben due secondi e mezzo dal diretto rivale in campionato. Ma si sa, il nordirlandese esce fuori nel momento decisivo, perciò la lotta è più che aperta e bisognerà aspettare le altre sessione per avere un’idea più chiara dei valori in campo.

Tuttavia, dai primissimi riferimenti questa pista sembra piuttosto congeniale alla R1, che ritroviamo in terza posizione con Garrett Gerloff. Lo statunitense piazza la sua Yamaha del team GRT in top 3 proprio nel finale, pagando comunque un distacco importante dal compagno di marca. Il texano è a 1.6 secondi da Razgatlioglu e alla bandiera a scacchi beffa Scott Redding. È interessante notare che nelle prime quattro posizioni troviamo tre costruttori diversi, anche se Ducati si era fatta notare per tutto il turno con Axel Bassani. Il pilota italiano è stato per diverso tempo nelle posizioni di testa, salvo poi chiudere con il settimo tempo.

La sorpresa della mattinata indonesiana è Isaac Vinales, che trova un buon crono e si porta in quinta posizione, davanti al connazionale Alvaro Bautista. Per il pilota Honda è un buon inizio di weekend e, nell’ultimo appuntamento in sella alla CBR1000RR-R paga poco più di due secondi in sesta posizione. Resta invece più attardato Leon Haslam, solamente 12esimo alle spalle di Rea. Il primo dei piloti BMW è Michael van der Mark, che firma l’ottavo crono e riesce a rientrare fra i primi dieci. Per l’ultimo weekend della stagione ritroviamo Tom Sykes, che rientra dopo lo stop forzato a causa dell’infortunio, ma non va oltre il 17esimo crono. Chiudono la top 10 i due piloti tricolore Michael Ruben Rinaldi e Andrea Locatelli, nono e decimo rispettivamente. Samuele Cavalieri è 15esimo.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 18 1'34.985     163.352
2 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 18 1'36.529 1.544 1.544 160.739
3 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 18 1'36.585 1.600 0.056 160.646
4 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 19 1'36.820 1.835 0.235 160.256
5 32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 17 1'37.079 2.094 0.259 159.828
6 19 Spain Alvaro Bautista Honda 14 1'37.084 2.099 0.005 159.820
7 47 Italy Axel Bassani Ducati 17 1'37.103 2.118 0.019 159.789
8 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 17 1'37.140 2.155 0.037 159.728
9 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 18 1'37.180 2.195 0.040 159.662
10 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 20 1'37.290 2.305 0.110 159.481
11 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 10 1'37.386 2.401 0.096 159.324
12 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 14 1'37.423 2.438 0.037 159.264
13 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 18 1'37.481 2.496 0.058 159.169
14 53 Spain Tito Rabat Kawasaki 19 1'37.782 2.797 0.301 158.679
15 76 Italy Samuele Cavalieri Ducati 16 1'37.817 2.832 0.035 158.622
16 23 France Christophe Ponsson Yamaha 18 1'37.884 2.899 0.067 158.514
17 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 13 1'38.067 3.082 0.183 158.218
18 36 Argentina Leandro Mercado Honda 19 1'38.420 3.435 0.353 157.650
19 3 Japan Kohta Nozane Yamaha 18 1'39.081 4.096 0.661 156.599
  15 Oliver Konig Kawasaki 7 1'43.220 8.235 4.139 150.319
condividi
commenti
SBK | Pirelli e l’incognita Mandalika: ecco le gomme scelte
Articolo precedente

SBK | Pirelli e l’incognita Mandalika: ecco le gomme scelte

Articolo successivo

SBK | Mandalika, Libere 2: Toprak ancora al comando, ma Rea lo bracca

SBK | Mandalika, Libere 2: Toprak ancora al comando, ma Rea lo bracca
Carica i commenti