WSBK
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

SBK, Magny-Cours, Gara 2: Rea trionfa ed è Campione del mondo

condividi
commenti
SBK, Magny-Cours, Gara 2: Rea trionfa ed è Campione del mondo
Di:
29 set 2019, 12:47

Jonathan Rea si impone in Gara 2 e trionfa davanti a Michael van der Mark ed Alex Lowes. Con il successo di Magny-Cours conquista anche il quinto titolo consecutivo, complice anche l’ennesimo zero di Alvaro Bautista, caduto insieme a Toprak Razgatlioglu ad inizio gara.

La pioggia dei primi due giorni a Magny-Cours ha lasciato spazio al sole ed i piloti della Superbike hanno disputato Gara 2 sull’asciutto, dopo essere già scesi in pista per la Superpole Race. La seconda ed ultima manche del weekend incorona definitivamente Jonathan Rea, che conquista con due round d’anticipo il quinto titolo mondiale. Complice una caduta di Alvaro Bautista ad inizio gara, il britannico è ormai irraggiungibile e si conferma nuovamente l’uomo dei record.

Il Campione del mondo in carica vince il mondiale trionfando in Gara 2 dopo un grande duello con Michael van der Mark, che deve accontentarsi della seconda posizione. Chiude il podio Alex Lowes, terzo dopo aver avvicinato il duo di testa ma perde terreno nel finale. Finiscono le speranze per Alvaro Bautista, rimasto coinvolto suo malgrado in una caduta con Toprak Razgatlioglu, vincitore delle prime due gare ed a terra nelle fasi iniziali dell’ultima manche del weekend. La prima delle Ducati è quella di Chaz Davies, quarto al traguardo.

Allo spegnersi del semaforo Toprak Razgatlioglu prova a tenere la testa, ma Rea è aggressivo da subito e non gli lascia margine, con Alvaro Bautista spettatore pronto ad approfittare di una situazione a lui favorevole. Ma arriva arrembante anche Michael van der Mark, che si inserisce subito nella lotta ed ingaggia la battaglia.

La gara perde subito due dei grandi protagonisti, nel corso del terzo giro Toprak Razgatlioglu perde il controllo della moto ed Alvaro Bautista non può fare nulla per evitarlo. I due finiscono a terra e concludono la propria gara nella ghiaia, con lo spagnolo che perde definitivamente ogni possibilità di rincorrere Rea nella corsa al titolo mondiale.

Con Bautista e Razgatlioglu fuori dai giochi, restano solo Rea e van der Mark a lottare per la vittoria, i due combattono senza sconti ed iniziano a fare il vuoto su Alex Lowes, che si ritrova terzo con un buon margine su Loris Baz e Chaz Davies, quarto e quinto rispettivamente. Ma il duello fra i primi due permette al britannico della Yamaha di riavvicinarsi, nonostante sembri non avere il passo sufficiente per stare con i due contendenti alla vittoria.

Van der Mark e Rea continuano a combattere, ma i loro colpi di carene favoriscono il rientro di Lowes, che ormai li ha riagganciati e quello che prima era un duo, diventa un trio in lotta per la vittoria. La Yamaha #22 è costantemente più veloce dei due davanti a sé, con il campione in carica racchiuso tra le due R1 ed alla ricerca del sorpasso sull’olandese, ora al comando.

Passano i giri, ma van der Mark e Rea non smettono di scambiarsi le posizioni, con manovre rischiose di cui Lowes è spettatore e attende il proprio momento per sferrare l’attacco. L’inglese però sembra non riuscire più a tenere il passo dei primi due e perde terreno, mentre Rea torna in testa e tiene a bada van der Mark, che gli resta attaccato, ma non sembra voler attaccare.

L’attacco non riesce ad essere portato al termine, Rea resta al comando e prende margine su Michael van der Mark, secondo al traguardo e primo spettatore del quinto titolo consecutivo del pilota Kawasaki. Il Campione del mondo in carica si conferma in una gara che vede due Yamaha sul podio, Alex Lowes è infatti terzo davanti a Chaz Davies, ottimo quarto nel finale dopo aver sopravanzato Loris Baz. Chiude il weekend francese in sesta posizione Marco Melandri, che rientra nei primi dieci dopo un weekend complicato. Solo settimo Leon Haslam, davanti a Tom Sykes, ottavo. Chiudono la top 10 Leon Camier e Jordi Torres, nono e decimo rispettivamente.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 21 34'26.280       25
2   60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 21 34'27.142 0.862 0.862   20
3   22 United Kingdom Alex Lowes Yamaha 21 34'27.982 1.702 0.840   16
4   7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 21 34'30.294 4.014 2.312   13
5   76 France Loris Baz Yamaha 21 34'31.269 4.989 0.975   11
6   33 Italy Marco Melandri Yamaha 21 34'46.219 19.939 14.950   10
7   91 United Kingdom Leon Haslam Kawasaki 21 34'46.410 20.130 0.191   9
8   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 21 34'46.585 20.305 0.175   8
9   2 United Kingdom Leon Camier Honda 21 34'52.844 26.564 6.259   7
10   81 Spain Jordi Torres Kawasaki 21 34'54.135 27.855 1.291   6
11   36 Argentina Leandro Mercado Kawasaki 21 34'56.470 30.190 2.335   5
12   50 Ireland Eugene Laverty Ducati 21 34'58.563 32.283 2.093   4
13   20 France Sylvain Barrier Ducati 21 35'14.280 48.0 15.717   3
14   23 Japan Ryuichi Kiyonari Honda 21 35'14.578 48.298 0.298   2
15   28 Germany Markus Reiterberger BMW 21 35'14.983 48.703 0.405   1
16   52 Italy Alessandro Del Bianco Honda 21 35'20.664 54.384 5.681    
17   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 18 3 laps        
  dnf 11 Germany Sandro Cortese Yamaha 10 11 laps     Ritirato  
  dnf 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 2 19 laps     Ritirato  
  dnf 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Kawasaki 1 20 laps     Accident / injury
Articolo successivo
SBK, Magny-Cours: Razgatlioglu piega Rea nella Superpole Race

Articolo precedente

SBK, Magny-Cours: Razgatlioglu piega Rea nella Superpole Race

Articolo successivo

Bautista ammonisce Razgatlioglu: “Troppo nervoso, era al limite”

Bautista ammonisce Razgatlioglu: “Troppo nervoso, era al limite”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Magny-Cours
Sotto-evento SBK Gara 2
Location Circuit de Nevers Magny-Cours
Autore Lorenza D'Adderio