SBK, Magny-Cours, Gara 1: Rea domina sotto l’acqua, titolo vicino

Jonathan Rea domina una Gara 1 bagnata a Magny-Cours e si lancia verso il sesto titolo mondiale. Loris Baz è secondo davanti ad Alex Lowes. Fatica Scott Redding, quinto al traguardo alle spalle di Chaz Davies, quarto.

SBK, Magny-Cours, Gara 1: Rea domina sotto l’acqua, titolo vicino

Dopo una Superpole umida, la pioggia ha bagnato nuovamente l’asfalto di Magny-Cours, costringendo piloti e squadre a scendere in pista per disputare una Gara 1 ‘wet’, come in realtà già previsto alla vigilia del weekend. Sotto l’acqua, Jonathan Rea la fa da padrona e trionfa in condizioni quasi proibitive, con visibilità scarsa. Il campione del mondo in carica incrementa di 14 punti il vantaggio su Scott Redding, secondo in classifica, e si lancia definitivamente verso il suo sesto titolo consecutivo.

Rea tiene a bada un arrembante Loris Baz, che nelle prime fasi di gara è piuttosto aggressivo e si fa minaccioso sul pilota Kawasaki. Il francese però deve arrendersi allo strapotere del portacolori Kawasaki e taglia il traguardo in seconda posizione, a poco più di tre secondi dal vincitore. Il pilota d’oltralpe è il miglior rappresentante Yamaha e si inserisce fra le due ZX-10R: al terzo posto troviamo infatti Alex Lowes, che approfitta degli errori degli avversari, molto più frequenti sul bagnato, e conquista il podio. Il britannico però è distante ben nove secondi dal compagno di squadra.

La prima Ducati al traguardo è quella di Chaz Davies, che è quarto al termine di Gara 1. Il gallese precede uno Scott Redding mai particolarmente efficace e molto cauto in questa prima manche bagnata. Il rookie fa da spettatore al duello fra Toprak Razgatlioglu e Leon Haslam, con quest’ultimo vittima di un highside proprio all’ultimo giro che lo priva della quarta posizione. Il pilota Honda si è recato al centro medico per accertamenti. Alla bandiera a scacchi, il portacolori Aruba.it Racing Ducati paga ben 16 secondi dal vincitore e diretto rivale in campionato. In classifica infatti perde terreno e resta a 60 lunghezze da Rea, ormai lanciato verso la conquista di un nuovo titolo mondiale.

Al traguardo, Redding beffa Razgatlioglu, colto alla sprovvista dalla caduta di Haslam. Il turco, scattato dalla 13esima casella, rimonta fino alla sesta posizione e precede Michael Ruben Rinaldi, ‘solo’ settimo. Il pilota del team Go Eleven fatica sotto l’acqua e passa sotto la bandiera a scacchi ben 23 secondi dopo il vincitore della gara. Xavi Fores invece può sorridere perché agguanta la top 10 con l’ottava posizione, così come Leandro Mercado, decimo.

Finisce in anticipo la gara di Garrett Gerloff, che cade nelle prime fasi quando è in lotta per le posizioni del podio. Il pilota del team GRT è autore di una grande partenza, che lo porta a combattere con Rea e Baz, mostrando ancora una volta la propria competitività. La sua gara però termina nella ghiaia, fortunatamente senza conseguenze fisiche. Anche Michael van der Mark getta alle ortiche una buona gara, scivolando nella seconda metà e rientrando in pista limitando i danni e tagliando il traguardo in nona posizione.

Gara da dimenticare per BMW, che vede finire a terra entrambi i piloti alla prima curva. Eugene Laverty e Tom Sykes scattavano dalla prima fila, ma un contatto fra i due, in cui è coinvolto anche Gerloff, porta tutti e due fuori pista. Laverty e Sykes cadono rovinosamente e perdono da subito la possibilità di lottare, chiudendo la loro Gara 1 dopo una sola curva. L’incidente viene messo sotto investigazione dalla Direzione Gara, che però decide di non prendere alcun provvedimento.

Cla # Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco Ritirato Punti
1 1 United Kingdom Jonathan Rea
Kawasaki 21 38'13.222 25
2 76 France Loris Baz
Yamaha 21 38'16.564 3.342 3.342 20
3 22 United Kingdom Alex Lowes
Kawasaki 21 38'22.929 9.707 6.365 16
4 7 United Kingdom Chaz Davies
Ducati 21 38'27.267 14.045 4.338 13
5 45 United Kingdom Scott Redding
Ducati 21 38'29.649 16.427 2.382 11
6 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu
Yamaha 21 38'30.198 16.976 0.549 10
7 21 Italy Michael Ruben Rinaldi
Ducati 21 38'36.475 23.253 6.277 9
8 12 Spain Javier Fores
Kawasaki 21 38'40.395 27.173 3.920 8
9 60 Netherlands Michael van der Mark
Yamaha 21 38'41.928 28.706 1.533 7
10 36 Argentina Leandro Mercado
Ducati 21 38'45.256 32.034 3.328 6
11 64 Italy Federico Caricasulo
Yamaha 21 38'51.150 37.928 5.894 5
12 19 Spain Alvaro Bautista
Honda 21 38'59.231 46.009 8.081 4
13 20 France Sylvain Barrier
Ducati 21 38'59.593 46.371 0.362 3
14 53 Valentin Debise
Kawasaki 21 39'53.214 1'39.992 53.621 2
15 34 Xavier Pinsach
Kawasaki 20 1 lap 1
16 97 Italy Samuele Cavalieri
Ducati 20 1 lap
17 13 Japan Takumi Takahashi
Honda 20 1 lap
91 United Kingdom Leon Haslam
Honda 20 1 lap Incidente
31 United States Garrett Gerloff
Yamaha 6 15 laps Incidente
66 United Kingdom Tom Sykes
BMW 0 Incidente
50 Ireland Eugene Laverty
BMW 0 Incidente
condividi
commenti
SSP, Magny-Cours: Smith in Superpole, Locatelli quarto

Articolo precedente

SSP, Magny-Cours: Smith in Superpole, Locatelli quarto

Articolo successivo

SSP, Magny-Cours, Gara 1: Locatelli inesorabile vince sul bagnato

SSP, Magny-Cours, Gara 1: Locatelli inesorabile vince sul bagnato
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Magny-Cours
Location Circuit de Nevers Magny-Cours
Autore Lorenza D'Adderio