WSBK
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

SBK, Magny-Cours: capolavoro Razgatlioglu, vince una folle Gara 1

condividi
commenti
SBK, Magny-Cours: capolavoro Razgatlioglu, vince una folle Gara 1
Di:
28 set 2019, 12:50

In una Gara 1 ricca di sorpassi e colpi di scena, Toprak Razgatlioglu è autore di una grande rimonta e conquista il primo successo in carriera imponendosi su Jonathan Rea, secondo. Chiude il podio Tom Sykes, terzo. Recupera anche Alvaro Bautista, quinto, mentre finiscono a terra Chaz Davies e Michael van der Mark.

Su pista finalmente asciutta si entra nel vivo del weekend di Magny-Cours con Gara 1, che regala spettacolo, duelli e contatti già nei primi giri, oltre ad un trionfo storico. Toprak Razgatlioglu rimonta dalla 16esima posizione ed ottiene la prima vittoria in carriera, diventando anche il primo pilota turco a salire sul gradino più alto del podio nella storia del Mondiale Superbike. Il pilota del team Puccetti sferra l’attacco all’ultimo giro su Jonathan Rea, che deve accontentarsi della seconda posizione, mentre Tom Sykes resiste ed ottiene un terzo posto molto sudato. Nessuna Ducati sul podio, ma Alvaro Bautista è autore di una grande rimonta che lo porta fino alla quinta posizione, mentre Chaz Davies è costretto a rientrare ai box in anticipo a causa di una scivolata mentre lottava per la vittoria. Getta alle ortiche Gara 1 anche Michael van der Mark, caduto quando era al comando.

Lo spunto migliore è quello di Rea, che scatta e mantiene il comando, ma viene insidiato subito da Michael van der Mark, che prova subito l’attacco. I due vanno al contatto ma riescono a restare in piedi, la lotta favorisce il rientro di Leon Haslam e Tom Sykes, con quest’ultimo che appare decisamente efficace e si prende il comando della gara in una bagarre senza sconti.

Nel frattempo Chaz Davies è autore di una grande rimonta e si porta dall’11esima alla terza posizione, mettendo nel mirino Rea. Il gallese della Ducati sferra l’attacco e riesce ad avere la meglio sul leader del mondiale, ma non è finita e continua a volare, con un ingresso spettacolare va in testa, ma perde tre posizioni a causa di un’imbarcata che permette agli avversari di rientrare.

Mentre Sykes torna davanti e prova invano la fuga, viene su Toprak Razgatlioglu, che si porta in seconda posizione e beffa anche Rea e Davies, che devono recuperare terreno. L’alfiere Ducati però nello sferrare l’attacco sul turco perde il controllo della moto e scivola, rischiando di coinvolgere il pilota del team Puccetti. Gara finita per il portacolori del team Aruba, che è costretto a tornare ai box mentre i suoi rivali continuano a lottare senza sconti.

A contendersi la prima posizione troviamo Michael van der Mark, Tom Sykes e Jonathan Rea, che si scambiano le posizioni e si toccano più di una volta, con manovre rischiose che rendono la gara viva ed imprevedibile. Intanto l’olandese della Yamaha prende un po’ di margine, ma alle sue spalle è guerra tra Rea, Razgatlioglu, Sykes e Loris Baz, che rientra prepotentemente nel gruppo di testa, portandosi dietro Leon Haslam e Alex Lowes.

Mentre van der Mark inizia a fare il vuoto con 1.4 secondi di vantaggio sugli inseguitori, Rea deve difendersi da Razgatlioglu e Baz, con Sykes, Lowes e Haslam più staccati e che in questa fase di gara non tengono il passo. Questo permette ad Alvaro Bautista di riavvicinarsi al gruppo, con pista libera lo spagnolo vola e sopravanza Haslam, portandosi in settima posizione ed andando a caccia dei piloti davanti a sé.

A dieci giri dal termine il gruppo sembra sfaldarsi un po’, van der Mark continua a dominare, mentre il gruppo in lotta per la seconda posizione stacca un po’ gli inseguitori. Il rallentamento del ritmo favorisce il rientro di Bautista, che aggancia Lowes ma non riesce a passarlo per una chiusura dell’anteriore. Ci riprova però qualche giro dopo, con un sorpasso che riesce perfettamente e prova a prendere Tom Sykes, ormai solo dopo una brutta caduta di Leon Haslam, che esce di scena a 5 giri dal termine.

Ma la gara è tutt’altro che finita, perché Rea inizia a recuperare margine su Michael van der Mark, che però scivola a tre giri dal termine e rientra solo in tredicesima posizione. Sembra facile per Rea, che però non ha considerato Toprak Razgatlioglu. Il giovane turco è autore di un ultimo giro stratosferico e sferra l’attacco decisivo su Jonathan Rea proprio nel finale. Taglia il traguardo davanti a tutti e conquista la prima vittoria della carriera, davanti al leader del mondiale ed a Tom Sykes, terzo a fatica. Loris Baz è quarto, mentre Alvaro Bautista riesce a passare sotto la bandiera a scacchi in quinta posizione dopo aver beffato Lowes. Bene Leon Camier e Marco Melandri, settimo e ottavo rispettivamente, mentre Eugene Laverty è nono e Sandro Cortese chiude la top 10.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Kawasaki 21 34'37.686       25
2   1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 21 34'37.926 0.240 0.240   20
3   66 United Kingdom Tom Sykes BMW 21 34'44.525 6.839 6.599   16
4   76 France Loris Baz Yamaha 21 34'46.183 8.497 1.658   13
5   19 Spain Alvaro Bautista Ducati 21 34'47.054 9.368 0.871   11
6   22 United Kingdom Alex Lowes Yamaha 21 34'52.815 15.129 5.761   10
7   2 United Kingdom Leon Camier Honda 21 35'02.753 25.067 9.938   9
8   33 Italy Marco Melandri Yamaha 21 35'04.555 26.869 1.802   8
9   50 Ireland Eugene Laverty Ducati 21 35'09.777 32.091 5.222   7
10   11 Germany Sandro Cortese Yamaha 21 35'10.509 32.823 0.732   6
11   81 Spain Jordi Torres Kawasaki 21 35'13.095 35.409 2.586   5
12   36 Argentina Leandro Mercado Kawasaki 21 35'19.631 41.945 6.536   4
13   60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 21 35'24.326 46.640 4.695   3
14   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 21 35'40.822 1'03.136 16.496   2
15   52 Italy Alessandro Del Bianco Honda 21 35'45.001 1'07.315 4.179   1
16   28 Germany Markus Reiterberger BMW 21 35'45.365 1'07.679 0.364    
17   20 France Sylvain Barrier Ducati 21 35'45.986 1'08.30 0.621    
18   23 Japan Ryuichi Kiyonari Honda 21 35'49.135 1'11.449 3.149    
  dnf 91 United Kingdom Leon Haslam Kawasaki 16 5 laps     Incidente  
  dnf 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 4 17 laps     Ritirato
Articolo successivo
SBK, Magny-Cours: splendida Superpole bagnata di Rea

Articolo precedente

SBK, Magny-Cours: splendida Superpole bagnata di Rea

Articolo successivo

Razgatlioglu trionfa: “È il miglior modo di lasciare Kawasaki”

Razgatlioglu trionfa: “È il miglior modo di lasciare Kawasaki”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Magny-Cours
Sotto-evento SBK Gara 1
Location Circuit de Nevers Magny-Cours
Autore Lorenza D'Adderio