WSBK
31 lug
Evento concluso
31 lug
Canceled
07 ago
Evento concluso
21 ago
Postponed
28 ago
Evento concluso
04 set
Evento concluso
18 set
SBK WarmUP in
07 Ore
:
31 Minuti
:
03 Secondi
G
Magny-Cours
02 ott
Prossimo evento tra
12 giorni
G
Villicum
09 ott
Canceled
G
Misano
06 nov
Canceled

SBK, Jerez, Libere 1: si riparte da Loris Baz, quarto Redding

condividi
commenti
SBK, Jerez, Libere 1: si riparte da Loris Baz, quarto Redding
Di:

Loris Baz firma il miglior crono della prima sessione di prove libere del round di Jerez davanti al campione in carica Jonathan Rea, secondo. Sorprende Alvaro Bautista con la Honda, terzo a meno di due decimi. Inseguono le Ducati, quarta e quinta con Scott Redding e Chaz Davies rispettivamente.

Si torna in pista! Sul Circuito di Jerez de la Frontera è ripartita ufficialmente la stagione 2020 del mondiale Superbike, che torna in azione dopo cinque mesi dal round di apertura, a Phillip Island. Il semaforo è diventato verde per la prima volta nel weekend e ha dato avvio alla prima sessione di prove libere, che porta la firma di Loris Baz.

Il pilota del team Ten Kate ha fatto segnare il miglior crono in 1’40”249 nonostante un problema alla sua Yamaha nelle fasi finali di sessione. Il francese beffa Jonathan Rea, che resta in seconda posizione a soli 62 millesimi. Grande ripartenza per il campione del mondo in carica, che mostra un gran passo. In questa ripartenza la sorpresa è rappresentata da Alvaro Bautista, che porta la sua Honda in terza posizione. Lo spagnolo paga 143 millesimi dalla vetta.

In questo primo turno sulla pista andalusa si fanno vedere subito le due Ducati, con Scott Redding che agguanta il quarto crono davanti al compagno di squadra Chaz Davies. Il gallese sembra essere ripartito con maggiore fiducia rispetto all’Australia, dove aveva faticato maggiormente rispetto al connazionale. I due portacolori Aruba.it accusano 193 e 223 millesimi rispettivamente.

Toprak Razgatlioglu, vincitore di Gara 1 a Phillip Island, è il primo pilota ufficiale Yamaha ad entrare in top 10 con la quinta posizione e ferma il cronometro sull’1’40”507, a poco più di due decimi dal compagno di marca in cima alla classifica dei tempi. Alle spalle del turco troviamo il suo vicino di box, alla sua ultima stagione nel team di Iwata. Michael van der Mark è sesto paga 3 decimi dal leader della mattina. Alle spalle dei due portacolori Pata Yamaha c’è l’altra Honda di Leon Haslam, a conferma del lavoro e dei passi in avanti. Il britannico è ottavo a 354 millesimi da Baz.

Più attardato Alex Lowes: il leader del mondiale non cerca il tempo in questa prima sessione e non va oltre il nono crono, pur rimanendo relativamente vicino al francese della Yamaha. Chiude la top 10 Garrett Gerloff, che dimostra quanto la Yamaha sia competitiva su questo tracciato. Subito dietro c’è Federico Caricasulo, 11esimo. Debutta con la Panigale V4 R in 12esima posizione Marco Melandri. Il ravennate, che rientra nel mondiale dopo aver annunciato il ritiro alla fine dello scorso anno, corre nel 2020 con il team Barni e l’esordio sembra positivo.

A dispetto dei test, restano indietro la BMW: Tom Sykes è 14esimo mentre Eugene Laverty non va oltre il 14esimo tempo. Per quanto riguarda gli italiani, bisogna scorrere la classifica fino al 21esimo posto per trovare Michael Ruben Rinaldi, protagonista di una caduta durante la sessione, fortunatamente senza conseguenze. Chiude il gruppo Lorenzo Gabellini, che da quest’anno sostituisce Jordi Torres.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 76 France Loris Baz Yamaha 11 1'40.249     158.832
2 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 17 1'40.311 0.062 0.062 158.734
3 19 Spain Alvaro Bautista Honda 22 1'40.392 0.143 0.081 158.606
4 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 18 1'40.442 0.193 0.050 158.527
5 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 20 1'40.472 0.223 0.030 158.479
6 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 16 1'40.507 0.258 0.035 158.424
7 60 Netherlands Michael van der Mark Yamaha 22 1'40.565 0.316 0.058 158.333
8 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 15 1'40.603 0.354 0.038 158.273
9 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 18 1'40.606 0.357 0.003 158.268
10 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 21 1'40.733 0.484 0.127 158.069
11 64 Italy Federico Caricasulo Yamaha 18 1'40.977 0.728 0.244 157.687
12 33 Italy Marco Melandri Ducati 17 1'41.142 0.893 0.165 157.430
13 36 Argentina Leandro Mercado Ducati 19 1'41.296 1.047 0.154 157.190
14 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 16 1'41.409 1.160 0.113 157.015
15 77 Chile Maximilian Scheib Kawasaki 15 1'41.533 1.284 0.124 156.823
16 50 Ireland Eugene Laverty BMW 13 1'41.685 1.436 0.152 156.589
17 12 Spain Javier Fores Kawasaki 21 1'41.704 1.455 0.019 156.560
18 11 Germany Sandro Cortese Kawasaki 17 1'42.021 1.772 0.317 156.073
19 23 France Christophe Ponsson Aprilia 18 1'42.094 1.845 0.073 155.962
20 13 Japan Takumi Takahashi Honda 12 1'42.781 2.532 0.687 154.919
21 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 3 1'42.881 2.632 0.100 154.769
22 20 France Sylvain Barrier Ducati 14 1'43.437 3.188 0.556 153.937
23 63 Italy Lorenzo Gabellini Honda 16 1'43.588 3.339 0.151 153.712
SBK, Alex Lowes: “La pressione è su Rea, non su di me”

Articolo precedente

SBK, Alex Lowes: “La pressione è su Rea, non su di me”

Articolo successivo

Supersport: MV Agusta squalificata da Phillip Island

Supersport: MV Agusta squalificata da Phillip Island
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Jerez
Location Circuito de Jerez
Autore Lorenza D'Adderio