SBK: il futuro di Redding in Ducati è ancora in bilico

Scott Redding ammette che il suo futuro all'interno del team ufficiale Ducati in Superbike è in discussione e che ha avuto delle conversazioni anche con altre squadre in ottica 2022.

SBK: il futuro di Redding in Ducati è ancora in bilico

edding ha esordito nel Mondiale lo scorso anno con il marchio italiano, dopo aver conquistato il titolo del British Superbike in sella ad una Panigale V4 R nel 2019, andando ad occupare lo spazio lasciato libero nel team ufficiale da Alvaro Bautista, approdato alla Honda.

Tuttavia, l'accordo biennale del britannico scade alla fine della stagione e deve ancora essere rinnovato.

Le recenti speculazioni hanno collegato Bautista a un possibile ritorno in Ducati in mezzo alle attuali difficoltà della Honda, mentre Danilo Petrucci, estromesso dalla KTM Tech3 in MotoGP per il 2020 e il pilota del team satellite Motocorsa Axel Bassani sono stati anche collegati alla Casa di Borgo Panigale.

Parlando del suo futuro a Most, Redding ha accennato all'insoddisfazione per la mancanza di riconoscimento delle sue prestazioni da parte del suo attuale datore di lavoro, ma ha ammesso di voler rimanere su una moto in grado di vincere.

"Quando la moto è buona, tutti possono guidarla", ha detto Redding. "Quando non è così buona, è in quel momento che fa la differenza un pilota".

"Mi piace quando la gente lo apprezza, e mi dà fastidio quando non lo fa. Se se lo aspettano... Non so dove siano finiti gli altri ragazzi [Ducati], ma non erano in lotta per la vittoria".

 

Leggi anche:

"Stiamo parlando con diverse squadre. Alcune squadre hanno questo apprezzamento per la mia dedizione, il mio duro lavoro e la mia voglia di lottare per avere successo in una situazione difficile. C'è stato tanto interesse da parte di altri costruttori".

"Ma dobbiamo vedere qual è l'opzione migliore per me. Voglio ancora vincere delle gare quindi ho bisogno di avere un pacchetto che sia in grado di farlo".

Le opzioni per cambiare squadra per il 2022 sembrano essere limitate per Redding, con la Kawasaki che ha già confermato Alex Lowes per un altro anno accanto a Jonathan Rea, e Toprak Razgatlioglu e Michael van der Mark che hanno entrambi contratto per Yamaha e BMW rispettivamente.

Sia Andrea Locatelli (Yamaha) che Tom Sykes (BMW) hanno buone chance di rimanere, che lascerebbe Honda - che attualmente non ha piloti contratto per il prossimo anno - come l'unica fabbrica con un posto vacante.

Dopo la sua vittoria nella gara conclusiva a Most, gli è stato chiesto se questo risultato potesse cambiare la situazione e Redding ha risposto: "Non proprio. Le cose sono ancora in aria.

"Ma sono stato costantemente il miglior pilota della Ducati. Sto facendo tutto quello che posso fare. Se vinco, vinco, se non ci riesco sarò ancora lì a lottare con il cuore".

Rinaldi certo di restare al 99%

Dall'altra parte del box Ducati, il compagno di squadra di Redding, Michael Ruben Rinaldi, ha chiarito che il suo accordo per unirsi alla squadra quest'anno contiene un'opzione per rimanere nel 2022 e che questa è "vicina" ad essere attivata.

"Penso che la cosa normale sarebbe continuare insieme", ha detto Rinaldi. "Penso che continuerò con loro al 99% e sono felice di continuare".

"Questo è un progetto a lungo termine, sono giovane e se hanno investito su di me è perché credono in me. Non avrebbe senso fermare il contratto. Ho un'opzione per un altro anno, non è confermato, ma siamo vicini".

condividi
commenti
Report SBK: A Most Rea sbaglia, Toprak azzanna. Mondiale riaperto

Articolo precedente

Report SBK: A Most Rea sbaglia, Toprak azzanna. Mondiale riaperto

Articolo successivo

La Suzuki torna in SBK per la prima volta dal 2018 a Navarra

La Suzuki torna in SBK per la prima volta dal 2018 a Navarra
Carica i commenti