SBK | Bautista non comprende la strategia di Honda

Alvaro Bautista si è mostrato critico con le decisioni di Honda in Superbike. Nel 2022, i giapponesi hanno ingaggiato due debuttanti e hanno cambiato la marca di freni e sospensioni.

SBK | Bautista non comprende la strategia di Honda

Honda è tornata a correre nel Mondiale Superbike nel 2020 con grandi aspirazioni. Con una nuova Fireblade, la squadra giapponese si è prefissata di vincere le gare nel primo anno e di conquistare il titolo nel secondo. Ma dopo due anni e mezzo, Honda sta ancora aspettando la sua prima vittoria. È vero che sono riusciti a salire sul podio in qualche occasione, ma più che altro a scapito degli avversari. Nel 2022, Honda corre con due debuttanti nelle derivate di serie: Iker Lecuona e Xavi Vierge.

Nelle due stagioni precedenti, sia Alvaro Bautista che Leon Haslam hanno faticato con la Honda Fireblade. Lo spagnolo è passato alla Honda come vicecampione del mondo, e al suo primo anno con la casa dell’ala dorata si è dovuto accontentare del nono posto nella classifica generale.

Nel suo secondo anno con Honda, il nativo di Talavera de la Reina non è migliorato molto e si è classificato decimo in classifica generale. Per il 2022, Bautista ha deciso di tornare alla Ducati, con la quale ha vinto nuovamente delle gare e che gli permette di guidare il campionato con un vantaggio di 31 punti. 

Iker Lecuona, Team HRC

Iker Lecuona, Team HRC

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Strategia Honda: alto rischio con pochi benefici

Abbiamo chiesto a Bautista cosa ne pensa della strategia di HRC di gareggiare nel 2022 con due esordienti nel mondiale e di cambiare anche fornitore di freni (da Brembo a Nissin) e di sospensioni (da Öhlins a Showa). Non ci sono più rischi che benefici?

"Sì, assolutamente. Il rischio è molto più elevato. Se si cambiano i freni e le sospensioni in un progetto così giovane, in cui si è completamente coinvolti nello sviluppo della moto, si corre un grande rischio perché tutto è nuovo", ha spiegato Bautista in un'intervista esclusiva a Motorsport-Total.com, il sito gemello di Motorsport.com.

Le sospensioni Showa forniscono qualche vantaggio?

"Se le cose non vanno bene, non sai se è colpa della moto, dei freni o delle sospensioni", dice Bautista. "Non ho mai provato la Honda con le sospensioni Showa, ma ne ho parlato con i piloti. Credo che renda la moto un po' meno aggressiva. È una buona soluzione ai problemi che avevo. Per i miei gusti, la moto era troppo rigida", ha ricordato l'ex pilota Honda.

Showa y Nissin en Honda

Bautista ammette che già prima dell'inizio della stagione 2021, Honda stava valutando la possibilità di passare da Brembo a Nissin. "Ricordo che all'inizio della stagione abbiamo provato diversi freni, ma alla fine siamo rimasti con i Brembo", ha detto Bautista.

"All'epoca non notai una grande differenza. Era una decisione che avremmo portato avanti per tutta la stagione, e non era chiaro come i freni reagissero al calore. Le prestazioni non erano molto diverse da quelle del test, ma almeno con Brembo sapevamo cosa aspettarci", ha descritto un sorpreso Bautista, che ha anche ammesso di non riuscire a trovare una spiegazione per il cambiamento di quest'anno.

Leggi anche:
condividi
commenti
SBK | Toprak libero entro fine 2023. Destinazione MotoGP?
Articolo precedente

SBK | Toprak libero entro fine 2023. Destinazione MotoGP?

Articolo successivo

SBK | Test Barcellona: Rea comanda il Day 1, terzo Bautista

SBK | Test Barcellona: Rea comanda il Day 1, terzo Bautista