SBK | Bautista e Ducati, fiducia rinnovata: insieme anche nel 2023

Alvaro Bautista resterà nel team Aruba.it Racing – Ducati anche nel 2023. L’attuale leader del mondiale continuerà a correre con la Panigale V4R nella prossima stagione del campionato del mondo Superbike.

SBK | Bautista e Ducati, fiducia rinnovata: insieme anche nel 2023

La griglia di partenza del mondiale Superbike si sta delineando sempre di più per la stagione 2023, che vedrà ancora una volta il binomio Alvaro Bautista-Aruba.it Ducati Racing a caccia del titolo mondiale. Lo spagnolo, che attualmente comanda il campionato, ha rinnovato per un anno il contratto che lo lega a Borgo Panigale nelle derivate di serie.

Dopo quanto avvenuto nel 2019, in cui il pilota di Talavera de la Reina è stato in Ducati per un solo anno, si rinnova la fiducia tra Bautista e la struttura Aruba, che in questo momento rappresenta la squadra più in forma del mondiale Superbike. Bautista è infatti leader della classifica con 220 punti, 36 in più di Jonathan Rea, e in questo 2022 sta mostrando una forza e una consapevolezza acquisiti durante i suoi anni nel mondiale delle derivate di serie.

Ducati è in testa anche nel campionato costruttori e questo infonde fiducia reciproca sia da parte del pilota che del team. Già al debutto nella categoria nel 2019, Bautusta era riuscito a impensierire Jonathan Rea, chiudendo poi il suo anno da rookie da vice-campione del mondo. Ora il 34enne spagnolo punta a migliorare il risultato di tre anni fa e guarda anche verso il futuro, con il rinnovo fino alla fine del prossimo anno.  

“Sono molto felice di poter rimanere un anno ancora con il team Aruba.it Racing – Ducati che rappresenta per me una famiglia”, dichiara Alvaro Bautista. “Mi sono sempre trovato bene in questa squadra e da quando sono tornato, le sensazioni state ancor più positive rispetto alla stagione 2019. Quando una cosa funziona così bene, possiamo solo continuare a lavorare, guardando avanti. Sento di essere ancora al top, sento che posso dare ancora molto. Fisicamente e mentalmente credo che questo sia il momento migliore della mia carriera. Sono inoltre molto contento di continuare a lavorare con Ducati, una fabbrica molto importante, molto tecnologica, sempre alla ricerca dello sviluppo: essere parte di questo progetto, di questa squadra è qualcosa di incredibile a livello personale”.  

C’è grande soddisfazione anche da parte di Stefano Cecconi, Team Principal Aruba.it Racing – Ducati: “Ho sempre creduto in Alvaro dal punto di vista sportivo ed abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto personale anche quando le nostre strade si sono temporaneamente divise. Quando abbiamo deciso di puntare nuovamente su di lui la scorsa estate, qualcuno ha definito questa mossa come una scommessa molto rischiosa, ma c’era la convinzione da entrambe le parti di aver fatto la scelta giusta ed i risultati ottenuti fino a questo momento ce lo stanno confermando e ci rendono felici. Anche per questo motivo siamo lieti di proseguire il nostro rapporto con Alvaro almeno per un altro anno. Oggi vogliamo fare un piccolo strappo alla regola e brindare al suo rinnovo, ma già da domani torneremo al lavoro per prepararci al meglio per le prossime gare. La stagione è ancora lunga e sappiamo bene che non ci possiamo permettere di abbassare la guardia”.

Anche Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse, esprime il proprio entusiasmo per la fiducia rinnovata: “Siamo molto contenti di poter continuare insieme a Bautista anche nel 2023. Come era già accaduto nel 2019, Alvaro è stato subito competitivo con la nostra moto a partire dai test invernali e, non a caso, sta conducendo ora una bellissima stagione, lottando con intelligenza per il titolo mondiale. È un pilota preciso, con il quale è semplice lavorare: ha uno stile di guida fantastico che lo rende piacevole da guardare in TV, ma soprattutto gli permette di sfruttare appieno il potenziale della nostra Panigale V4 R. Siamo convinti che insieme potremo ottenere numerosi traguardi importanti”.

condividi
commenti
SBK | Razgatlioglu e la MotoGP: prima presa di contatto positiva con la M1
Articolo precedente

SBK | Razgatlioglu e la MotoGP: prima presa di contatto positiva con la M1

Articolo successivo

Rea si interroga sulle difficoltà attuali della MotoGP

Rea si interroga sulle difficoltà attuali della MotoGP