SBK, Barcellona, Libere 2: Rea comanda sul bagnato

Jonathan Rea torna davanti a tutti nella seconda sessione di prove libere a Barcellona, caratterizzate da pioggia ed una bandiera rossa. Secondo tempo per Michael van der Mark, mentre Michael Ruben Rinaldi è terzo. Quinto Scott Redding.

condividi
commenti
SBK, Barcellona, Libere 2: Rea comanda sul bagnato

Dopo una prima parte di stagione disputata sotto il sole e con temperature elevate, la seconda sessione di prove libere a Barcellona è andata in scena in condizioni di asfalto bagnato. La pioggia è stata protagonista del pomeriggio catalano, scombinando i piani dei piloti e rendendo il turno imprevedibile, complice anche una bandiera rossa causata dalla caduta di Maximilian Scheib. A firmare il miglior crono sul bagnato è Jonathan Rea, che torna ad essere il ‘Cannibale’ che tutti conosciamo con un 1’55”669.

Il Campione del mondo in carica si riscatta dopo una sessione opaca e stampa un ultimo settore da record, con un tempo inavvicinabile che lo porta a comandare ristabilendo le gerarchie. Yamaha però si conferma competitiva con Michael van der Mark, che resta in seconda posizione a 158 millesimi. L’olandese viene beffato dal pilota Kawasaki nelle fasi finali, ma con la pioggia si mostra forte. Non da meno è Michael Ruben Rinaldi, terzo con la Panigale V4R del team Go Eleven. L’italiano è il primo dei piloti Ducati e paga 169 millesimi di ritardo dalla vetta.

Alle spalle di Rinaldi troviamo Alvaro Bautista, che ancora una volta porta la Honda nelle posizioni di vertice a meno di due decimi da Rea. Lo spagnolo si inserisce tra le due Ducati: dietro di lui infatti si piazza Scott Redding, che migliora la posizione del mattino e chiude il turno in quinta posizione. Il rookie prova l’assalto al miglior tempo nel suo ultimo giro cronometrato, ma deve accontentarsi del quinto tempo. Più attardato è il compagno di squadra Chaz Davies, solo 12esimo. Redding chiude la sessione davanti a Garrett Gerloff. Lo statunitense porta la sua Yamaha del team GRT in sesta posizione e precede Tom Sykes, settimo.

Samuele Cavalieri trova un ottimo giro e si porta in top 10 al suo primo weekend nel mondiale: il pilota del team Barni è ottavo pur essendo il primo ad andare oltre il secondo di ritardo dalla vetta. Chiudono la top 10 Eugene Laverty e Toprak Razgatlioglu, nono e decimo rispettivamente, con quest’ultimo che non trova lo stesso spunto della mattina.

La sessione pomeridiana è stata interrotta a mezz’ora dal termine da una caduta di Maximilian Scheib. Il cileno è scivolato alla Curva 5 e la sua moto è rimasta al centro della pista. La Direzione Gara ha esposto la bandiera rossa, mentre il pilota è stato portato al centro medico prima ed all’ospedale di Barcellona successivamente. Esami medici hanno evidenziato la lesione della spalla e Scheib è stato così dichiarato unfit per il weekend.

SBK, Barcellona, Libere 1: Razgatlioglu guida il plotone Yamaha

Articolo precedente

SBK, Barcellona, Libere 1: Razgatlioglu guida il plotone Yamaha

Articolo successivo

Rea: “Mi sono ritrovato senza freni, che spavento!”

Rea: “Mi sono ritrovato senza freni, che spavento!”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Barcelona
Sotto-evento SBK Prove Libere 2
Location Circuit de Barcelona-Catalunya
Autore Lorenza D'Adderio