WSBK
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

SBK, Assen: Bautista si impone anche in Gara 2, è l’undicesima vittoria Ducati

condividi
commenti
SBK, Assen: Bautista si impone anche in Gara 2, è l’undicesima vittoria Ducati
Di:
14 apr 2019, 13:03

Lo spagnolo porta la Panigale V4 R al trionfo per la seconda volta consecutiva in Olanda e dopo un gran duello demolisce Jonathan Rea, solo terzo in Gara 2. Ottima prestazione di Michael van der Mark, secondo con la Yamaha. Quinto Chaz Davies.

Undici su undici: questo è il bilancio di vittorie della Ducati alla fine del Round di Assen. Alvaro Bautista trionfa anche in Gara 2, eguagliando Jonathan Rea in quanto a numero di successi consecutivi. Il leader del mondiale vince con 5 secondi di vantaggio dopo esser stato alle spalle di Jonathan Rea nelle prime fasi di gara e per la prima volta in questa stagione.

Se sul gradino più alto del podio troviamo sempre lo stesso pilota, in seconda posizione non c’è il Campione del mondo in carica, beffato proprio sulla linea del traguardo da Michael van der Mark. La Kawasaki viene demolita sulla pista storicamente favorevole, Rea è terzo alle spalle dell’olandese e vede Bautista allontanarsi ancora di più nella classifica generale.

I primi giri di Gara 2 sono stati ricchi di azione e hanno lasciato tutti con il fiato sospeso, il pilota Ducati ha ottenuto lo spunto migliore, mantenendo la prima posizione. Ma non poteva immaginare di trovarsi subito alle spalle la ZX-10RR di Rea, autore di una splendida partenza che lo ha portato fino al secondo posto. Il portacolori Kawasaki ha rotto subito gli indugi e ha sferrato l’attacco sul rivale, andando al comando e provando a fermare il dominio della Panigale V4 R.    

Leggi anche:

Ma anche stavolta Rea si è dovuto piegare al binomio Bautista-Ducati che, dopo qualche giro di attesa, ha deciso di tornare davanti a tutti imponendo il proprio ritmo con una fuga che si è rivelata vincente. Mentre lo spagnolo cavalcava verso l’undicesimo successo consecutivo, alle sue spalle si è consumata la lotta per la seconda posizione. Protagonisti Jonathan Rea ed un galvanizzato Michael van der Mark, decisamente efficace sulla pista di casa.

Il pilota olandese è riuscito ad insidiare il campione in carica fino all’attacco, effettuato al penultimo giro. Il portacolori Yamaha si è portato così in seconda posizione e ha resistito agli attacchi del ‘Cannibale’, tenendo viva la lotta per il podio. I due sono arrivati al traguardo separati da soli 18 millesimi e, per la prima volta quest’anno, Rea è terzo, alle spalle di van der Mark.

Restano molto più attardati gli altri avversari, che nelle prime fasi erano in bagarre per la testa della gara, salvo poi perdere terreno. Alex Lowes ha conquistato la quarta posizione, a ben 10 secondi dalla vetta. Il britannico del Team Pata chiude davanti al connazionale della Ducati. Chaz Davies, dopo una prima fase altamente competitiva in cui ha anche provato ad insidiare il compagno di squadra, non è andato oltre il quinto posto.

Dietro di loro si piazzano le due BMW, più opache in Gara 2: Markus Reiterberger precede Tom Sykes e si prende la sesta posizione a svantaggio del britannico, settimo. È solo ottavo Leon Haslam, che paga ben 20 secondi da Bautista ed è decisamente meno efficace rispetto al compagno di squadra. Chiudono la top 10 Toprak Razgatlioglu, nono e primo degli indipendenti, e Jordi Torres, decimo.

Soffrono ancora le Yamaha del team GRT, Sandro Cortese e Marco Melandri sono undicesimo e quattordicesimo rispettivamente. In difficoltà anche le due Ducati indipendenti: la prima, guidata da Eugene Laverty, non va oltre la tredicesima piazza, mentre Michael Ruben Rinaldi è quindicesimo con la Panigale V4 R del team BARNI.

Risultati Gara 2 e ordine d'arrivo

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   19 Spain Alvaro Bautista  Ducati 21 33'28.682       25
2   60 Netherlands Michael van der Mark  Yamaha 21 33'33.370 4.688 4.688   20
3   1 United Kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 21 33'33.388 4.706 0.018   16
4   22 United Kingdom Alex Lowes  Yamaha 21 33'38.755 10.073 5.367   13
5   7 United Kingdom Chaz Davies  Ducati 21 33'42.349 13.667 3.594   11
6   28 Germany Markus Reiterberger  BMW 21 33'44.055 15.373 1.706   10
7   66 United Kingdom Tom Sykes  BMW 21 33'44.069 15.387 0.014   9
8   91 United Kingdom Leon Haslam  Kawasaki 21 33'49.597 20.915 5.528   8
9   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu  Kawasaki 21 33'51.604 22.922 2.007   7
10   81 Spain Jordi Torres  Kawasaki 21 33'52.200 23.518 0.596   6
11   11 Germany Sandro Cortese  Yamaha 21 33'56.968 28.286 4.768   5
12   2 United Kingdom Leon Camier  Honda 21 34'04.721 36.039 7.753   4
13   50 Ireland Eugene Laverty  Ducati 21 34'05.041 36.359 0.320   3
14   33 Italy Marco Melandri  Yamaha 21 34'05.577 36.895 0.536   2
15   21 Italy Michael Ruben Rinaldi  Ducati 21 34'05.595 36.913 0.018   1
16   80 Spain Hector Barbera  Kawasaki 21 34'05.777 37.095 0.182    
17   52 Alessandro Delbianco  Honda 20 34'38.882 1 Lap 1 Lap    
  dnf 23 Japan Ryuichi Kiyonari  Honda 16 5 laps 5 Laps 4 Laps Retirement
Articolo successivo
SBK, Assen: un altro capolavoro di Bautista. Ducati trionfa in Gara 1

Articolo precedente

SBK, Assen: un altro capolavoro di Bautista. Ducati trionfa in Gara 1

Articolo successivo

Bautista gongola: “Abbiamo vinto nonostante le limitazioni sulla Ducati”

Bautista gongola: “Abbiamo vinto nonostante le limitazioni sulla Ducati”
Carica i commenti