SBK, Aragon: Bautista trionfa e regala a Ducati la vittoria numero 350

condividi
commenti
SBK, Aragon: Bautista trionfa e regala a Ducati la vittoria numero 350
Di:
07 apr 2019, 13:01

Con il successo in Gara 2 a MotorLand, il leader del mondiale arriva a nove vittorie consecutive e proclama Ducati come il costruttore più vincente della storia della Superbike. Ancora secondo Jonathan Rea, che dopo un gran duello con Chaz Davies, lo beffa nel finale e lo relega in terza posizione.

Non c’è due senza tre e Alvaro Bautista lo sa bene: a MotorLand Aragon vince anche Gara 2 e regala alla Ducati la vittoria numero 350. La Casa di Borgo Panigale diventa così il costruttore più vincente della storia del Mondiale Superbike, un traguardo che arriva in un momento d’oro. Nove sono le vittorie che ora vanta lo spagnolo che domina ancora una volta e lo fa infliggendo agli inseguitori un distacco di 7 secondi. Ennesima seconda posizione per Jonathan Rea, che all’ultimo beffa Chaz Davies e rovina la festa a Ducati, che sognava una doppietta. Il gallese però è autore di una grande prova di forza e sale nuovamente sul podio, dopo aver conquistato il terzo posto.

Bautista e la Panigale V4 R non lasciano diritto di replica agli avversari, al semaforo scappano via e tengono il comando della gara fino al traguardo. Alle spalle del binomio vincente, scatta subito la lotta per le posizioni del podio, che vede protagonisti Jonathan Rea, Chaz Davies ed Alex Lowes nelle prime fasi di gara. Se il pilota Yamaha all’inizio aveva dato l’idea di poter lottare con i due avversari, nel finale è rimasto più attardato, lasciando spazio a Leon Haslam, che si è inserito nel duello, rendendo complicate le cose al compagno di squadra e al pilota Ducati.  

Leggi anche:

Nel giorno della 350esima vittoria, Ducati ha sperato fino all’ultimo giro nella doppietta, grazie ad un Davies in seconda posizione fino all’ultimo giro. Ma il gallese doveva fare i conti con Rea, che nel finale ha sferrato l’attacco, andandosi a prendere il secondo posto per la nona volta consecutiva. Il britannico taglia il traguardo in terza posizione, conquistando così il dodicesimo podio ad Aragon.

Resta ai piedi del podio Leon Haslam, quarto alla bandiera a scacchi dopo una gara che lo ha visto insidiare anche il vicino di box. ‘Pocket Rocket’ non riesce a capitalizzare, rimanendo a 4 decimi dalla terza posizione, ma riesce a tenersi dietro la Yamaha di Alex Lowes. Il portacolori del team Pata Yamaha non va oltre la quinta posizione, a ben 11 secondi dalla vetta dopo essere stato in lotta per il podio nelle fasi iniziali di gara.

Eugene Laverty taglia il traguardo in sesta posizione, dopo una gara complicata ma dove riesce a portare la Panigale V4 R del team Goeleven nelle prime dieci posizioni. L’irlandese è primo dei piloti indipendenti e precede Jordi Torres, settimo con la Kawasaki del team Pedercini. I due chiudono davanti a Michael van der Mark, autore di una gara opaca che conclude in ottava posizione. Ai margini della top 10 troviamo Michael Ruben Rinaldi e Sandro Cortese, nono e decimo rispettivamente. Weekend da dimenticare per Marco Melandri, undicesimo, e per Tom Sykes, solo dodicesimo dopo essere stato tra i primi nelle fasi iniziali di Gara 2.  

Risultati Gara 2 e ordine d'arrivo

 
Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   19 Spain Alvaro Bautista  Ducati 18 33'16.448       25
2   1 United Kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 18 33'23.315 6.867 6.867   20
3   7 United Kingdom Chaz Davies  Ducati 18 33'23.575 7.127 0.260   16
4   91 United Kingdom Leon Haslam  Kawasaki 18 33'24.029 7.581 0.454   13
5   22 United Kingdom Alex Lowes  Yamaha 18 33'27.997 11.549 3.968   11
6   50 Ireland Eugene Laverty  Ducati 18 33'33.245 16.797 5.248   10
7   81 Spain Jordi Torres  Kawasaki 18 33'34.273 17.825 1.028   9
8   60 Netherlands Michael van der Mark  Yamaha 18 33'35.236 18.788 0.963   8
9   21 Italy Michael Ruben Rinaldi  Ducati 18 33'35.777 19.329 0.541   7
10   11 Germany Sandro Cortese  Yamaha 18 33'36.799 20.351 1.022   6
11   33 Italy Marco Melandri  Yamaha 18 33'39.994 23.546 3.195   5
12   66 United Kingdom Tom Sykes  BMW 18 33'40.422 23.974 0.428   4
13   2 United Kingdom Leon Camier  Honda 18 33'51.625 35.177 11.203   3
14   23 Japan Ryuichi Kiyonari  Honda 18 34'17.925 1'01.477 26.300   2
15   28 Germany Markus Reiterberger  BMW 18 34'55.616 1'39.168 37.691   1
  dnf 52 Alessandro Delbianco  Honda 10 8 laps 8 Laps 8 Laps Retirement  
  dnf 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu  Kawasaki 7 11 laps 11 Laps 3 Laps Mechanical

 

Articolo successivo
SBK, Aragon: Bautista e la Ducati non si fermano più e vincono anche la Superpole Race

Articolo precedente

SBK, Aragon: Bautista e la Ducati non si fermano più e vincono anche la Superpole Race

Articolo successivo

Rea, secondo posto amaro: “Dobbiamo dimenticarci di vincere in questo momento”

Rea, secondo posto amaro: “Dobbiamo dimenticarci di vincere in questo momento”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Aragon
Sotto-evento SBK Gara 2
Location Motorland Aragon
Autore Lorenza D'Adderio
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie